Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

A Roma, al Convegno “CHOCOLATE… AND BEYOND” il progetto “Cacao Trace”, sviluppato da Puratos, esempio di buona pratica

L’evento si è tenuto all’ambasciata belga in Vaticano. Alberto Molinari, general manager di Puratos Italia ha presentato i risultati del programma avviato oltre dieci anni fa: “Attenzione alle persone, al territorio e alla qualità sono fattori imprescindibili per una crescita sostenibile”
Photo credits: fonte ufficio stampa

“Chocolate … and beyond”, questo il titolo dell'incontro promosso dall'Ambasciata belga presso la Sante Sede per favorire un'approfondita riflessione sulla produzione del cacao e sulla possibilità di migliorare la sostenibilità dell'intera filiera. L'iniziativa, tenutasi nei giorni scorsi a ha visto tra i protagonisti anche Puratos, azienda il cui quartier generale si trova a , che fa parte di Puratos Group, multinazionale che offre una gamma completa di ingredienti, soluzioni e servizi innovativi per l'industria della panificazione, pasticceria e cioccolato.

Un pomeriggio durante il quale, dopo l'intervento introduttivo dell'Ambasciatore Patrick Renault, vari esperti del settore – economisti, rappresentanti governativi, cioccolatieri, produttori e distributori di cacao – provenienti da diversi Paesi, si sono confrontati e interrogati su progetti, già attivi, attenti alla sostenibilità dell'intera filiera e sui futuri sviluppi, alla luce anche dell'introduzione da parte del Parlamento europeo di una nuova legge per combattere la deforestazione globale. La legge, approvata un anno fa, mira a garantire che le merci importate nell'Unione Europea siano prodotte in modo sostenibile e responsabile dal punto di vista ambientale.

“Il nostro Paese, tra i maggiori produttori ed esportatori di cioccolato al mondo, non può non essere tra gli attori che elaborano proposte per assicurare un futuro sostenibile agli agricoltori e al pianeta che ci ospita. Favorire il dialogo tra realtà così diverse cercando di fare sintesi tra le varie esigenze di chi fa parte della filiera della produzione del cacao, senza penalizzare i Paesi più poveri, credo sia un dovere di tutti, di natura etica, che deve andare di pari passo con gli aspetti economici” ha commentato il padrone di casa, l'Ambasciatore belga presso la Santa Sede Patrick Renault presentando l'iniziativa.

Tra i relatori anche il general manager di Puratos Italia, nonché consigliere in diplomazia economica del Belgio, Alberto Molinari che ha presentato “Cacao Trace” programma avviato dalla multinazionale belga di cui l'azienda di Parma è parte. “Il programma ha ormai compiuto dieci anni e i risultati sono davvero incoraggianti anche se desideriamo fare ancora di più. I principi a cui ci ispiriamo, strettamente legati tra loro, sono due: “Great Taste, Doing Good”. Lavoriamo per ottenere la migliore qualità possibile intervenendo a supporto degli agricoltori in tutti i momenti cruciali, dalla coltivazione alla fermentazione sino alla tostatura. Questo ci permette di avere un prodotto di alta qualità e quindi di pagare loro un prezzo più remunerativo. Contestualmente vengono attivate azioni positive che riguardano le comunità: si garantisce formazione, si creano scuole e servizi e, per ogni kg di cioccolato venduto, agli agricoltori vengono restituiti dieci centesimi di euro. Complessivamente Cacao-Trace ha interessato oltre 15mila famiglie residenti in sette differenti nazioni: Costa d'Avorio, Camerun, Uganda, Vietnam, Filippine, Nuova Papua Guinea e Messico. Da aggiungere poi che nemmeno un grammo di cacao arriva da aree protette e che sono stati piantati oltre 500mila alberi per contrastare la deforestazione. Oggi – ha sottolineato Alberto Molinari – il 25% della produzione totale di Puratos avviene nell'ambito del programma Cacao-Trace. L'obiettivo è di arrivare al 30% entro il 2030.”

Al termine della conferenza, gli oltre duecento ospiti, hanno potuto assaggiare alcune delle creazioni a base di cioccolato proposte dall'estroso cioccolatiere belga Dominique Persoone, mâitre chocolatier sui generis, dallo spirito rock, che ha proposto anche alcuni cioccolatini a forma di teschio. Particolare attenzione hanno suscitato anche il a base di cacao e gin e le praline, dal cuore tricolore, con limone, origano e olio di oliva realizzati dai maestri cioccolatieri di Puratos Antonio Montalto, Nicola Visceglia e Alessandro Nirchio. Molto apprezzate infine la creatività e la qualità delle proposte della giovane chocolatier di origine camerunense Euphrasie Mbamba, fondatrice e CEO del brand Sigoji.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi