Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Acque minerali, fiore all’occhiello del Made in Italy, un mercato che vale più di 3 miliardi

Gambero Rosso classifica le migliori per gusto, leggerezza e armonia, tra le più vendute nella Gdo: il podio spetta alle romane Clavdia ed Egeria tra le effervescenti naturali e alla piemontese San Bernardo tra le lisce.

Ogni anno in Italia vengono confezionati 16 miliardi e mezzo di litri di acqua, di cui quasi 15 destinati al mercato interno, con una crescita dell'8% rispetto al 2022 e un giro di affari di 3 miliardi e 100 milioni di euro, secondo i dati Beverfood. Numeri da capogiro che confermano il primato storico del nostro Paese nel mercato delle acque confezionate: un primato esteso anche all'estero, con il 10% della produzione distribuito in Europa e Stati Uniti, che delle etichette Made in Italy apprezzano le qualità organolettiche e il packaging curato ed elegante. Racconta tutto il numero di settembre in edicola oggi del Gambero Rosso.

“Già 34 anni fa Gambero Rosso aveva con grande lungimiranza dedicato una copertina al mercato delle acque minerali, confrontando 241 etichette, quando ancora l'acquisto di acqua eguagliava quello del vino” commenta Marco Mensurati, Direttore della testata che con Mara Nocilla ha supervisionato l'indagine. “Oggi la forbice è diventata enorme: di vino ne consumiamo solo 40 litri all'anno pro capite, mentre l'amore degli italiani per l'acqua confezionata sembra diventare sempre più smisurato con un consumo di 252 a testa nei 12 mesi. Ma come distinguere le varie etichette? Ci abbiamo provato noi, con un blind test eseguito coinvolgendo un panel di assaggiatori, tra cui due water taster, che si sono cimentati su un campione di 56 acque lisce, effervescenti naturali e non addizionate di gas, acquistate nella grande distribuzione, classificandole per gusto, leggerezza e armonia”.

La classifica delle acque minerali naturali effervescenti naturali

Con un punteggio complessivo di 76/100, guadagnano il primo posto due etichette romane: l'acqua Clavdia, del gruppo SEM, tra i principali player italiani di produzione, imbottigliamento e distribuzione di acque minerali, che deriva il suo nome dall'antica via consolare Clodia; e l'acqua Egeria, che appartiene alla Società Acqua Santa di , con il suo stabilimento immerso nel verde del parco dell'Appia Antica. Seguono la viterbese Acqua di Nepi con 70/100, la campana Ferrarelle con 68/100, l'umbra Sangemini, brand del gruppo Acque Minerali d'Italia, con 63/100, a pari merito la romana Lete e la Uliveto con 62/100, la casertana Santagata con 61/100, l'umbra Grazia con 57/100 e in fondo alla classifica si posiziona l'acqua di Coop – Sorgente Monte Cimone con 50/100.

La classifica delle acque lisce

C'è una regina indiscussa che ha ottenuto il massimo punteggio in quasi tutti gli aspetti considerati – leggerezza, pulizia, armonia, complessità e piacevolezza – raggiungendo 91 su 100 e posizionandosi in testa alla classifica: è l'acqua minerale naturale San Bernardo, dal 2015 parte del Gruppo Montecristo, con stabilimento a Garessio, in provincia di , tra le Alpi Marittime, che la leggenda vuole abbia anche proprietà terapeutiche. Immediatamente dopo, con 90/100 si posiziona l'acqua Lauretana, che ha origine dai ghiacciai del massiccio del Monte Rosa e che viene confezionata nello stabilimento in provincia di . Seguono l'acqua Frasassi, che nasce nel cuore verde delle , all'interno del Parco Naturale Gola Rossa, con un punteggio di 85/100, l'acqua a marchio Consilia, prodotta dalla storica azienda Siami con sede a Gubbio e distribuita da Sun – Supermercati Uniti Nazionali, con 82/100 e a pari merito con 80/100 le acque Fabia, che fa capo ad Acque Minerali d'Italia, e la toscana Fonte Ilaria, oggi parte del Gruppo Montecristo. Proseguendo, troviamo le acque a marchio Carrefour Classic – Monviso con 77/100 e a pari merito l'acqua Sant'Anna in Bio Bottle e l'acqua Ulmeta – Esselunga con un punteggio di 75/100. Tra le label della grande distribuzione si distingue anche l'acqua Misia – Selex che raggiunge un punteggio di 73/100, cui segue l'acqua Norda, che nasce da una delle fonti più alte d'Europa in Valsassina, con un punteggio di 72/100 e l'acqua Clivia – Fonte Santa Chiara, prodotta dall'umbra Motette, con 71/100. A pari merito si posizionano con un punteggio di 70/100 il brand toscano Silva, la sarda Smeraldina, la trentina Surgiva, parte del Gruppo Lunelli, e l'acqua Vitasnella, marchio del gruppo Ferrarelle. Scendendo, si posizionano a pari merito con un punteggio di 67/100 le acque Maniva dell'omonimo gruppo bresciano, la veneta San Benedetto e l'acqua Viva, prodotta dall'umbra S.I.A.Mi. (Società Italiana Acque Minerali). Ottengono un punteggio di 66/100 la bresciana Fonte Tavina e l'acqua venduta con il marchio Simply – Fonte Aura Acquasparta. Seguono il prodotto di Humana, Humana Amorosa, che nasce dalle Alpi Apuane, con 65/100, l'acqua piemontese Lurisia – Bolle Stille con 64/100, l'acqua Rocchetta, che nasce nel cuore dell' e viene distribuita dalla Compagnia Generale di Distribuzione, con 62/100, l'acqua minerale Luna, prodotta da Norda S.p.A., con 60/100, l'acqua minerale Vera, che dal 2020 è tornata di proprietà di una famiglia imprenditoriale italiana, i Quagliuolo, proprietari del gruppo Sicon (Società italiana contenitori), con 59/100 e l'acqua Eva, prodotta nella provincia di Cuneo, con 58/100. Si posizionano a pari merito con un punteggio di 57/100 l'acqua Aura, l'acqua Pam, l'acqua Santa Croce, che nasce nel cuore dell'Appenino Centrale Meridionale, e l'acqua Vaia, del gruppo Maniva S.p.A., Evian, unica etichetta estera di acqua naturale, ha ottenuto un punteggio di 56/100, insieme al brand Fiji, acqua artesiana che viene estratta nel mezzo dell'Oceano Pacifico all'interno dell'arcipelago delle Fiji, all'umbra Lieve, imbottigliata dal gruppo S.I.A.Mi S.p.A., e alla trentina Pejo. Ottengono un punteggio di 55/100 le acque Boario, del gruppo Ferrarelle, Dolomiti, che nasce nelle Valli del Pasubio (VI) ed è distribuita da Esselunga, e la laziale Fiuggi. Il brand trentino Levico e l'acqua Sant'Anna, prodotta dalla cuneese Fonti di Vinadio S.p.A. si posizionano nella parte bassa della classifica con un punteggio di 53/100, l'altoatesina Plose ottiene 52/100, mentre Fonte Essenziale – Antica Fonte Boario e Levissima, del gruppo Sanpellegrino, conseguono un punteggio di 51/100. Chiudono la classifica con 50/100 le acque di Conad – Sorgente Flaminia, la sabina Cottorella e la San Benedetto Ecogreen, della famiglia Zoppas.

NB: Acqua San Pellegrino e Acqua Panna non compaiono volutamente essendo partner del Gambero Rosso in tanti progetti.

La classifica completa è nel pdf allegato.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Gambero Rosso

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

RUBRICHE

Pubblica con noi