Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Addio ad Antonio Carpenedo, il rivoluzionario del formaggio

Nel giorno della Santa Vigilia della Pasqua, Antonio Carpenedo, si è spento tra le braccia dei suoi famigliari
Photo credits: fonte ufficio stampa

Novant'anni vissuti in pienezza, innamorato della sua famiglia, della sua terra trevigiana e del lavoro di casaro. Con Antonio se ne va un rivoluzionario del formaggio che ha inventato un nuovo modo di pensare e vivere il mondo caseario.

Con lui, nasce e si consolida la tecnica dell'affinamento. Il 1976 segna l'anno della svolta quando, riprendendo una tecnica contadina iniziata per necessità durante la Grande Guerra, inventa il primo formaggio Ubriaco della storia. Decide quindi di registrare il marchio Ubriaco® inteso come metodo di affinamento e trasformazione dei formaggi, e di proprietà esclusiva dell'azienda.

Da quel momento La Casearia Carpenedo divenne il primo laboratorio di affinamento caseario riconosciuto in Italia.

Inventa il metodo T.U.T.A. acronimo che sta per Tempo, Umidità, Temperatura e Ambiente, una tecnica specifica che integra questi elementi essenziali per ottenere un prodotto di qualità superiore e con un gusto esclusivo.

I formaggi li ha colorati, profumati, insaporiti. Antonio non aveva un pennello tra le mani ma un mestolo e lo spino. I suoi colori erano il mosto e il vino; il pepe o il fieno; il miele o la birra.

Antonio Carpenedo ha letteralmente scardinato dal di dentro l'universo caseario e lo ha riempito di emozioni dando la possibilità a moltissimi interpreti nel mondo di creare nuovi formaggi e offrendo una nuova opportunità di impresa. Carpenedo può a ragione essere considerato un patrimonio culturale e gastronomico dell'umanità, un rivoluzionario della comunità del cibo.

Antonio lascia la sua musa ispiratrice, la moglie Giuseppina, che lo ha accompagnato per oltre 50 anni tra sacrifici e conquiste. Con lei, gli adorati figli Ernesto, Stefania e Alessandro che con lui hanno condiviso l'affetto di un padre e il sogno di un'impresa visionaria e le sue adorate nipoti.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi