Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Agromonte sceglie la biodiversità

Nasce l’Oasi Agromonte, un bosco nettarifero che darà pascolo ad api, bombi ed impollinatori.

Agromonte, azienda siciliana specializzata nella trasformazione del pomodoro ciliegino, conosce bene la stretta sinergia tra uomo e natura. Nelle serre di proprietà, dove cresce e matura il ciliegino, avviene il meticoloso lavoro di impollinazione dei bombi: solerti ed efficaci, trasferiscono grandi quantità di polline da ogni fiore visitato, grazie alle loro dimensioni e ai loro corpi fitti di peli.

Portati in serra con delle arnie collocate in diverse zone, dopo il trapianto si occupano di impollinare i fiori del pomodoro ciliegino con un incessante lavoro, dal primo mattino fino a notte inoltrata, anche a temperature relativamente basse.

Fondamentali per la sicurezza alimentare umana, i bombi promuovono la biodiversità, ma allo stesso tempo dipendono da essa. Secondo uno studio della rivista Environmental Entomology, la perdita di diversità delle piante influisce negativamente sull'abbondanza di questi insetti, perché impoverisce la loro alimentazione in una fase critica del loro sviluppo.

Da qui, nasce la volontà da parte dell'azienda di contribuire alla loro tutela e a quella di api e di tutti gli impollinatori attraverso un'iniziativa di sostenibilità ambientale. Per farlo, ha scelto 3Bee, la climate tech company, leader nella tutela della biodiversità, che realizza progetti rigenerativi tramite tecnologie avanzate.

Insieme a 3Bee nasce così l'Oasi Agromonte: un bosco di 200 alberi, ad alto potenziale mellifero, sapientemente combinato per garantire una fioritura scalare e offrire a tutti gli impollinatori, fondamentali sentinelle di biodiversità, una fonte costante di polline e nettare lungo tutta la stagione primaverile.

Il bosco nettarifero, adottato e protetto dall'azienda, risiede nella provincia di , in , e si compone di varietà botaniche come il Ciliegio, il Corniolo, il Melo selvatico, il Nocciolo e il Salice Bianco.

Grazie ad un grower del territorio che se ne prenderà cura, l'Oasi Agromonte sosterrà il riequilibrio dei pascoli nettariferi e permetterà d'incrementare l'ecosistema locale con una produzione di 41 Kg di nettare durante l'anno. Nutrimento per le api ma anche per il pianeta: il bosco nettarifero di Agromonte contribuirà anche a contrastare il cambiamento climatico, grazie alla capacità di assorbimento di 8,8 tonnellate di CO2 nel corso dell'anno.

I dati sono visibili al link https://www.3bee.com/owner/loasi-di-agromonte/

“Siamo sempre più convinti che le strategie di business debbano fondarsi non solo su logiche produttive, ma anche sull'etica della sostenibilità, attuando azioni con un concreto impatto sociale e ambientale – dichiara Giorgio Arestia, amministratore delegato di Agromonte – Tutta la nostra filiera del pomodoro ciliegino si affida all'importante ruolo d'impollinazione dei bombi, a cui va il merito di far crescere in modo naturale le colture. A loro, come a tutti gli impollinatori, dedichiamo questo progetto ambientale che offrirà una fonte costante di polline e nettare lungo tutta la stagione primaverile. Abbiamo fortemente voluto un bosco nettarifero proprio in Sicilia, nostra terra natale, per rimarcare, ancora una volta, il forte legame che ci unisce alla nostra terra” conclude Arestia.

Agromonte, marchio della Società Agricola Monterosso, è una realtà produttrice specializzata nella trasformazione del pomodoro ciliegino in salse pronte, passate, polpe e sughi, nonché pioniere del segmento di mercato delle Salse pronte.

Nasce nel 2000 a Chiaramonte Gulfi, in provincia di , da parte della famiglia Arestia che ha fatto di una delle più antiche tradizioni siciliane, la preparazione della salsa pronta, un prodotto d'eccellenza Made in Sicily.

Agromonte controlla l'intera filiera, a cominciare dalla coltivazione, nei propri terreni di proprietà, del pomodoro ciliegino, con cui copre più del 50% del fabbisogno aziendale. Inoltre, circa l'80% del pomodoro trasformato è a km0: tutto avviene a poca distanza dallo stabilimento, dove i pomodori, raccolti nei soli mesi estivi quando raggiungono un grado di maturazione ottimale e le qualità organolettiche sono adeguate, vengono lavorati entro ventiquattro ore per farne un prodotto unico per sapore, colore e consistenza.

Secondo le diverse fasi stagionali l'azienda impiega da 25 a 150 collaboratori. La produzione giornaliera, nel periodo estivo, è di 570.000 unità, realizzate in diversi tipi di packaging e formati.

Il 70% della produzione di Agromonte è venduta su territorio (principalmente GDO), il restante 30% nel mondo, soprattutto in Europa, Usa, Giappone, Medio Oriente.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Enrica Benzoni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi