Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Attraversare la Foresta Incantata o percorrere il suggestivo Sentiero Illuminato: il magico periodo dell’Avvento nell’area vacanze Valle Aurina

Nel periodo natalizio la Valle Aurina si trasforma in un luogo fatato che offre esperienze indimenticabili: dalla Foresta Incantata che porta alla Cascata Illuminata di Riva a Campo Tures, al Sentiero Illuminato di 3 km, fino a Lutago con l’incantevole paese diffuso dei presepi. Un’occasione per immergersi non solo nella cultura e nelle tradizioni dell’Alto Adige ma anche nei sapori di una gastronomia d’eccellenza come il Graukäse, un presidio slow food recentemente premiato al Gist Food Travel Award nella categoria “miglior evento enogastronomico Italia 2023”.
Photo credits: fonte ufficio stampa smstudiopr

Durante il periodo dell'Avvento la Valle Aurina si trasforma in un luogo magico e incantevole, regalando un'ampia gamma di esperienze indimenticabili. Questo angolo di Alto Adige che si spinge al confine con l'Austria, si trasforma in un suggestivo scenario, con maestose cime che fanno da cornice all'atmosfera natalizia. La gente, il paesaggio e la gastronomia dell'area vacanze Valle Aurina sono pronti a conquistare i propri ospiti; una destinazione turistica affascinante che offre una combinazione unica di bellezze naturali, cultura e prodotti culinari tipici, ideale per chi cerca un'esperienza autentica in totale tranquillità e relax.

LA FIABA DELLA FORESTA INCANTATA E IL SENTIERO ILLUMINATO

La Foresta Incantata presso la cascata di Riva a Campo Tures è un luogo magico e suggestivo che si trova ai piedi del Capo di Cristo, un promontorio roccioso tra abeti, pini e larici ben illuminato per mostrare ai visitatori l'affascinante spettacolo della natura. Il sentiero nella foresta, che conduce alla cascata, è già di per sé un'esperienza unica: ci si imbatte nelle sagome di animaletti in legno scolpiti a mano e le piccole casette che costeggiano il percorso emettono una luce calda ed accogliente offrendo agli ospiti il meglio dei prodotti gastronomici e dell'artigianato dell'Alto Adige. Dalla casa del parco naturale di Casere inizia il Sentiero Illuminato, un percorso lungo 3 km illuminato dalla luce calda di 100 fiaccole, con musiche natalizie che scaldano il cuore, soffici animali della fattoria da accarezzare, il meglio dell'artigianato locale e la bontà di una merenda tipica dell'Alto Adige: un'esperienza imperdibile per grandi e piccoli. Per chi desidera rendere la visita ancora più magica, c'è la possibilità di percorrere il tragitto con una carrozza trainata da cavalli in un'atmosfera così emozionante e calda che ci si scorda del freddo invernale tipico del periodo. Una tappa d'obbligo è la chiesetta di Santo Spirito, la chiesa più antica della valle, costruita per i minatori che lavoravano nella miniera di Predoi dove si estraeva il rame. Le prime documentazioni che riguardano la chiesetta risalgono al 1455 e diversi dipinti ed arazzi conferiscono all'edificio una particolare ricchezza artistica ed architettonica.

LUTAGO, IL VILLAGGIO DEI PRESEPI DIFFUSI

Durante l'Avvento, Lutago si trasforma in un romantico Villaggio dei presepi allestiti con grande cura nelle vetrine dei negozi. Una tappa obbligata per gli amanti dei presepi è anche il museo dei presepi Maranatha (in aramaico significa: vieni Signore Gesù), inaugurato nel 2000, e che rappresenta la più grande esposizione di quest'arte in Europa. Un museo work in progress in continua evoluzione anche grazie alla presenza dell'officina degli scultori del legno che è possibile vedere all'opera nelle loro creazioni. Un'area espositiva di 1.300 mq dov'è possibile trovare ogni genere di presepe provenienti da tutto il mondo, realizzati in varie dimensioni e con una vasta gamma di materiali, tra cui legno, stoffa e pietra. Questa enorme collezione comprende pezzi antichi con oltre 300 anni di storia, oltre a presepi più moderni e contemporanei. Alcuni esemplari sono di proprietà della famiglia Gartner, ideatrice dell'esposizione, mentre altri sono stati concessi in prestito da sedi dell'Associazione Italiana Amici del Presepio. La mostra mette in evidenza i presepi alpini con un'attenzione particolare su quelli tradizionali della Valle Aurina che descrivono la vita contadina del passato.

Informazione eventi:

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi