Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

“Autoctono si nasce…” – Hotel Melià Milano, giovedì 26 gennaio. Oltre 70 vitigni protagonisti.

Go Wine inaugura il 2023 a Milano riproponendo il tradizionale appuntamento dedicato ai vini autoctoni italiani: una serata di degustazione che raggiunge a gennaio il traguardo della quindicesima edizione!
Photo credits: fonte ufficio stampa Go Wine

Sarà possibile conoscere ed apprezzare una selezione importante di vini da oltre 70 vitigni autoctoni, con un panorama di etichette articolato e dando voce a varietà da scoprire. Il riferimento è legato al libro “Autoctono si nasce…” pubblicato anni fa da Go Wine Editore e ad altre iniziative che hanno sempre visto l’associazione privilegiare la cultura e la comunicazione a favore dei vitigni-vini di territorio.

Nelle sale del Hotel Melià sarà presentato un banco d’assaggio con una selezione di cantine italiane direttamente presenti; un’enoteca completerà il panorama della degustazione.

L’elenco dei vitigni protagonisti:

  • Aglianico ( e Campania);
  • Albana (Emilia Romagna);
  • Albarossa ();
  • Ancellotta (Lombardia);
  • Asprinio (Campania);
  • Arneis (Piemonte);
  • Barbera (Piemonte);
  • Biancame ();
  • Bombino Bianco ( e );
  • Bovale ();
  • Brachetto (Piemonte);
  • Canaiolo Nero (Marche);
  • Cannonau (Sardegna);
  • Casavecchia (Campania);
  • Catarratto ();
  • Cesanese (Lazio);
  • Cesenese Nero (Lazio);
  • Chatus (Piemonte);
  • Corvina (Veneto);
  • Croatina (Lombardia);
  • Dolcetto (Piemonte);
  • Erbaluce (Piemonte);
  • Falanghina (Campania);
  • Fiano (Campania);
  • Frappato (Sicilia);
  • Friulano (Friuli);
  • Garganega (Veneto);
  • Greco (Campania);
  • Grignolino (Piemonte);
  • Grillo (Sicilia);
  • Inzolia (Sicilia);
  • Lagrein (Alto Adige);
  • Lambrusco Grasparossa (Emilia Romagna);
  • Lambrusco Salamino (Lombardia);
  • Malvasia del Lazio (Lazio);
  • Malvasia Istriana (Friuli);
  • Malvasia Nera (Puglia);
  • Marzemino (Trentino);
  • Minutolo (Puglia);
  • Montepulciano (Abruzzo);
  • Monica (Sardegna);
  • Moscato di Canelli (Piemonte);
  • Nebbiolo (Piemonte e Lombardia);
  • Negroamaro (Puglia);
  • Nero d’Avola (Sicilia);
  • Nieddera (Sardegna);
  • Oseleta (Veneto);
  • Pallagrello Bianco (Campania);
  • Pallagrello Nero (Campania);
  • Pecorello ();
  • Pecorino (Abruzzo);
  • Perricone (Sicilia);
  • Piedirosso (Campania);
  • Piculit Neri (Friuli);
  • Pignolo (Friuli);
  • Primitivo (Puglia);
  • Refosco dal Peduncolo Rosso (Friuli);
  • Ribolla Gialla (Friuli);
  • Ripoli-Fenile-Ginestra (Campania);
  • Ruchè (Piemonte);
  • Sangiovese (Emilia Romagna-Toscana-Marche);
  • Schiava (Alto Adige);
  • Sciaglin (Friuli);
  • Schioppettino (Friuli);
  • Susumaniello (Puglia);
  • Trebbiano di Soave (Veneto);
  • Trebbiano (Abruzzo);
  • Ucelut (Friuli);
  • Uvalino (Piemonte);
  • Uva Mornasca (Lombardia);
  • Verdeca (Puglia);
  • Verdicchio (Marche);
  • Vermentino (Sardegna);
  • Vernaccia (Sardegna);
  • Vespolina (Piemonte).

Ecco l’elenco delle cantine che animeranno la degustazione:

  • Alessandro di Camporeale – Camporeale (Pa);
  • Bricco Maiolica – Diano d’Alba (Cn);
  • Cantina Cesena – Cesena (Fc);
  • Cantina del Mandrolisai – Sorgono (Nu);
  • Cantina Enzo Mecella – Fabriano (An);
  • Cantina Horus – Vittoria (Rg);
  • Cantina Le Macchie – Rieti;
  • Cantina Produttori Bolzano – Bolzano;
  • Cantina Sociale di Quistello – Quistello (Mn);
  • Cantine Paolo Leo – San Donaci (Br);
  • Caputo 1890 – Carinaro (Ce);
  • Caruso e Minini – Marsala (Tp);
  • Cascina Castlèt – Costigliole d’ (At);
  • Cascina Gnocco – Mornico Losana (Pv);
  • Cascina Langairolo – Neive (Cn);
  • Cascina Munesteu – Barbaresco (Cn);
  • Citra – Ortona (Ch);
  • Consorzio Club del Buttafuoco Storico – Canneto Pavese (Pv);
  • Marisa Cuomo – Furore (Sa);
  • Contini – Cabras (Or);
  • D’Angelo – Rionero in Vulture (Pz);
  • Dell’Aquila – Cirò Marina (Kr);
  • Della Valle Jappellj – Caserta;
  • De Tarczal – Isera (Tn);
  • Domus Hortae – Orta Nova (Fg);
  • Felline – Manduria (Ta);
  • Fiorini – Terre Roveresche (Pu);
  • Fontanavecchia – Torrecuso (Bn);
  • Il Feuduccio di Santa Maria d’Orni – Orsogna (Ch);
  • Il Roncal – Cividale del Friuli (Ud);
  • I Vignai del Casavecchia – Pontelatone (Ce);
  • I vini di Emilio Bulfon – Pinzano al Tagliamento (Pn);
  • La Tribuleira – Santo Stefano Belbo (Cn);
  • Le Strie – Teglio (So);
  • L’Olivella – Frascati (Rm);
  • Marinig – Prepotto (Ud);
  • Masseria L’Astore – Cutrofiano (Le);
  • Mauro Vini – Dronero (Cn);
  • Montalbera – Castagnole Monferrato (At);
  • Monteruello – Fontanile (At);
  • Montecappone – Jesi (An);
  • Opera 02 – Castelvetro di (Mo);
  • Prediomagno – Montemagno (At);
  • Scubla – Premariacco (Ud);
  • Stanig – Prepotto (Ud);
  • Tenuta Bossi Marchesi Gondi – Pontassieve (Fi);
  • Tenuta Iuzzolini – Cirò Marina (Kr);
  • Tenuta Piano di Rustano – Castelraimondo (Mc);
  • Tenuta Sant’Antonio – Colognola ai Colli (Vr);
  • Vetrère – Taranto;
  • Vicentini – Colognola ai Colli (Vr);
  • Villa Simone – Monte Porzio Catone (Rm);
  • Zymè – San Pietro in Cariano (Vr).

Piccole Vigne del Piemonte con le cantine:

  • Casetta Carlo – Montà d’Alba (Cn);
  • Castello di Uviglie – Rosignano Monferrato (Al);
  • Ceste – Govone (Cn);
  • Luca Ferraris – Castagnole Monferrato (At);
  • I Dof Mati – Fara Novarese (No);
  • Diego Pressenda – Monforte d’Alba (Cn);
  • Torraccia del Piantavigna – Ghemme (No).

E con la partecipazione di:

Albugnano 549 Vignaioli Albugnano Doc

E ancora dalla Francia:

Maison Champagne Diogene Tissier & Fils

Partner dell’evento.

Programma, orari e modalità di prenotazione:

Per garantire il miglior afflusso dei partecipanti ed un buon accesso alle degustazioni, gli ingressi saranno suddivisi per turni e su prenotazione entro le ore 12 di giovedì 26 gennaio.

Orari e turni di degustazione:

Ore 15,30-18,00: Anteprima: degustazione riservata esclusivamente ad operatori professionali qualificati e riconosciuti (giornalisti del settore enogastronomico, soggetti riconosciuti che operano in enoteche, ristoranti, wine bar: due persone per locale, salvo motivate eccezioni)

La richiesta di accredito avviene tramite mail. Go Wine verificherà ogni richiesta e solo successivamente confermerà l’accredito per iscritto.

Ore 18,00-22,00: apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati.

Il costo della degustazione per il pubblico è di € 20,00 (€ 13,00 Soci Go Wine, rid. soci associazioni di settore € 18,00).

L’ingresso sarà gratuito per coloro che decidono di associarsi a Go Wine (benefit non valido per i soci familiari). L’iscrizione sarà valevole fino al 31 dicembre 2023. E’ possibile indicare già all’atto della prenotazione la volontà di associarsi.

Info: Associazione Go Wine – Tel. 0173 364631 e-mail stampa.eventi@gowinet.it

CAMPAGNA ASSOCIATIVA GO WINE

La degustazione al banco d’assaggio sarà gratuita per coloro che si assoceranno a Go Wine (benefit non valido per i soci familiari). Entra anche tu a far parte della Community di Go Wine!

In omaggio: la Guida Cantine d’Italia 2022 e l’abbonamento al bimestrale Go Wine.

Parteciperai poi a tutti i nostri eventi beneficiando dello sconto riservato ai soci e avrai accesso alle selezioni di “Buono… non lo conoscevo!”, lo shop esclusivo dei soci Go Wine!

Scadenza tessera 31.12.2023

Info a ufficio.soci@gowinet.it
Facebook Twitter – Instagram – YouTube
Associazione Go Wine Impresa Sociale Ets
Via Vida, 6 – 12051 Alba (Cn) – Tel 0173 364631 – Mail: stampa.eventi@gowinet.it

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi