Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

BarConi, la gelateria sociale e bar di Moltivolti, dopo la breve chiusura stagionale riapre il primo aprile

A quasi un anno dall’inaugurazione in Piazza Mediterraneo a Palermo, ecco a che punto è il percorso di empowerment dei giovani migranti coinvolti nel progetto, l’intervista a Alagie Malick Ceesay, il ventiduenne arrivato dal Gambia che oggi gestisce la gelateria.
Photo credits: fonte ufficio stampa sagonapartners.com

Sono giunti in da Gambia, Ghana e Costa d'Avorio, le loro storie non sono semplici da raccontare ma a hanno trovato un posto sicuro nel mondo, iniziando un percorso lavorativo quasi un anno fa da Barconi, la gelateria sociale e pasticceria di Moltivolti, impresa sociale nel cuore di Ballarò.

Malick, Leslie e Christine sono poco più che ventenni e dall'apertura di Barconi hanno intrapreso un percorso di empowerment, formazione e apprendistato che ha come obiettivo la formazione professionale e l'acquisizione delle competenze per imparare a gestire una gelateria e pasticceria, dalla produzione alla vendita. Un progetto sociale che punta ad integrare all'interno della comunità economica del mercato giovani palermitani insieme a donne e uomini migranti provenienti dall'africa centrale e dal Maghreb.

“Per me la parola ‘Barconi' è associata a ricordi molto brutti, al mio viaggio nel Mediterraneo – racconta Alagie Malick, che si occupa della gelateria con insieme a Leslie e Christine – eppure questa parola oggi significa speranza. Avevo 16 anni quando mi sono messo in viaggio e ci sono voluti cinque mesi per raggiungere Pozzallo, è stata molto dura. Ma oggi sono responsabile di una gelateria in Piazza Mediterraneo e anche questa è una cosa che mi fa sperare.”

Un anno di studio, dedizione e passione che nonostante qualche difficoltà si è rivelato estremamente positivo per tutto il team: “un anno davvero importante per tutti noi – continua Malick – in cui ho imparato molte cose nuove e in cui mi è stato affidato un ruolo importante: quello di responsabile. Ho imparato a servire il , a gestire la cassa, e tanto altro ma la cosa che mi ha sempre colpito è la fiducia che ci è stata data fin dall'inizio. I migranti spesso sono visti soltanto come persone da aiutare, non come persone che possono fare qualcosa e che hanno un valore. Credo che durante questo anno siano cambiate delle cose dentro di me, ho conosciuto delle cose nuove di me e penso che questo lavoro mi valorizzi molto. Essere un responsabile significa prestare attenzione alle esigenze di tutti, cercare di soddisfare sia i doveri dall'alto che i bisogni dal basso, è necessario imparare a mettersi nei panni degli altri, ed è una cosa molto bella. Spero che un giorno Barconi possa aprire in tutto il mondo. Chissà, magari un giorno apriremo la nostra gelateria a Palermo o nei nostri paesi, in Ghana, in Mali, o in Costa d'Avorio o ovunque vorremmo. È bellissimo essere liberi di fare quello che si vuole della propria vita.”

Sabato 1° Aprile, dopo una breve chiusura stagionale, Barconi riaprirà i battenti. Ad arricchire l'offerta ci sarà oltre al gelato, anche una piccola produzione di dolci, torte e lievitati da a cura dello di Moltivolti Antonio Campo e della pasticciera Mara Gorgone.

La mission di Barconi è quella di offrire una risposta e un sostegno concreto a tanti giovani migranti, ricattati da norme e decreti sempre più stringenti che guardano al contratto di lavoro come unico strumento per vivere in un paese diverso da quello di provenienza, e delineare inoltre modelli di impresa e sviluppo più sostenibili e che tengano in considerazione prospettive di lavoro più eque, più solidali e più giuste.

Barconi è un bar-gelateria e un progetto di impresa sociale realizzato grazie al sostegno della Fred Foundation con sede in Olanda e dalla Fondazione Svizzera Haiku Lugano, che si avvale del supporto tecnico di Antonio Cappadonia, uno dei più noti maestri gelatieri in Italia, vincitore di innumerevoli premi e riconoscimenti che ha recentemente sviluppato il suo format di gelaterie artigianali a Palermo.

Barconi punta a diventare un punto di dolce ritrovo per turisti, avventori del mercato e abitanti del quartiere per gustare un ottimo gelato artigianale ma anche per la colazione o per bere un caffè in un angolo speciale di Ballarò: piazzetta Mediterraneo. Un luogo strappato all'incuria, che nel corso degli ultimi anni è stato a più riprese ‘adottato' dalla comunità del quartiere, ripulito da immondizia e detriti e tenuto in vita dagli abitanti e dai commercianti della zona che ne hanno fatto una graziosa piazzetta in cui godersi una birra o un panino con le panelle, e da adesso anche un ottimo gelato artigianale.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi