Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

BOTTEGA: Vendemmia piu difficile degli ultimi 40 anni

Queste sono le caratteristiche della vendemmia che sta per iniziare
Photo credits: courtesy of Bottega

«Credo di poter affermare che si tratti della vendemmia più difficile che io ricordi, quindi degli ultimi 40 anni, dovuta al maltempo, alle difficoltà a trovare personale, a fattori come poco zucchero a disposizione e bassa acidità e a una limitata produzione. Queste sono le caratteristiche della vendemmia che sta per iniziare».

Lo dichiara Sandro Bottega a capo della omonima azienda di Prosecco, che poi prosegue: «Cercheremo di fare del nostro meglio e speriamo che tutti facciano come noi. Una delle soluzioni è la vendemmia a mano per raccogliere il meglio della pianta, poi non si dovranno stressare ulteriormente i tralci e dovranno essere raccolti solo i grappoli migliori. Ma il grosso del lavoro dovrà essere fatto in cantina; vale a dire la selezione delle uve e le tecniche enologiche che permettano di arrivare ai livelli qualitativi di sempre. Tra queste tecniche l’uso di legno per l’invecchiamento unito a lieviti capaci di dare il meglio da uve che hanno subito gli eventi e le escursioni climatiche. Infatti bisogna sempre considerare che lo scorso anno le piante sono state vittime dello stress idrico e non si sono ancora completamente riprese». In una situazione drammatica come questa, l’esperto Sandro Bottega ha voluto fare alcune previsioni. «Le uve precoci come Pinot Nero e Chardonnay saranno probabilmente quelle che permetteranno i risultati migliori – spiega Bottega – di questo ne beneficerà il Prosecco Ros, per esempio. Per quanto riguarda il Glera i test saranno sulla longevità dei vini che intendiamo dare grazie a produzioni ridotte che permetteranno della poca produzione almeno di elevarne la qualità». Come potrà resistere l’Italia alle grandi richieste di export di vino nei mercati? Per Sandro Bottega l’adeguamento è la soluzione. «Il mercato guarda all’Italia – un tempo chiamata Enotria – come sia l’esempio da seguire e noi dovremo essere all’altezza anche dal punto di vista dell’adeguamento della proposta che per permetterci di sopravvivere dovrà elevare l’immagine di un prodotto che ha subito forti aumenti di costo e che dovrà essere in grado di ribaltare (almeno in parte) nel mercato», conclude Sandro Bottega.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Il Web Magazine specializzato nella comunicazione di tutto quanto gira intorno al mondo del food & beverage.
info@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi