Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Consorzio Tutela Vini D’Abruzzo: un Vinitaly da incorniciare

Conferme importanti da operatori e pubblico per la qualità del vino abruzzese che si conferma settore chiave per l’economia regionale. Alessandro Nicodemi: “E’ stato un Vinitaly oltre le aspettative. Il Modello Abruzzo ha dato ancora più forza alla nostra identità: nei mercati di riferimento stiamo crescendo in valori e volumi.”
Photo credits: fonte ufficio stampa Zedcomm

Si è chiuso il Vinitaly che ha visto i vini abruzzesi distinguersi durante la kermesse con un interesse sempre più crescente da parte degli operatori del settore.

Plauso per il lavoro del Consorzio da parte del governatore della Regione e del Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, che grazie alla loro presenza hanno ribadito l'importante ruolo di tutela e valorizzazione della produzione vitivinicola abruzzese.

Una filiera che nel biennio 2022-2023 ha registrato un aumento dell'11% del fatturato dell'export dei vini abruzzesi, per un giro di affari complessivo di 255 milioni di euro.

Protagoniste, fin dall'immagine grafica dello stand, le 4 sottozone provinciali che caratterizzano le Doc abruzzesi, sia rosse che bianche: Colline Pescaresi; Colline Teramane; Terre de L'Aquila; Terre di . Al debutto la menzione Superiore per Pecorino d' e Cerasuolo d'Abruzzo, con una selezione di etichette per la prima volta in degustazione.

Altra grande novità del 2024 è stata la presentazione del Trabocco Spumante D'Abruzzo che ha da subito attratto l'attenzione specialmente dei più giovani anche grazie allo spazio pomeridiano dedicato a Trabocco e Mixology con 5 cocktails dedicati alla bollicina autoctona abruzzese. Il Consorzio ha realizzato anche attività nel cuore della città di , in questi giorni di , all'interno dello storico locale Romeo per ampliare il raggio d'azione e arrivare anche ai tanti winelover presenti.

“Siamo soddisfatti e anche orgogliosi della grande visibilità di cui l'Abruzzo abbia potuto godere in questi giorni. Con il Modello Abruzzo abbiamo introdotto delle grandi novità che ci permettono ora di essere molto più competitivi nel mercato. Le prime conferme sono arrivate dai dati dei nostri vini. il Montepulciano d'Abruzzo è risultato al 4° posto per volumi di vendite in Italia, mentre il Cerasuolo d'Abruzzo ha registrato un aumento del 19% collocandosi al primo posto anche sulle variazioni di vendita” spiega Alessandro Nicodemi, presidente del Consorzio

Le nuove annate hanno riscosso apprezzamenti: Montepulciano d'Abruzzo riconosciuto come uno dei Rossi più amati dal mercato, ma molto bene anche i Bianchi con il Pecorino d'Abruzzo superiore sugli scudi che ha attratto i palati più attenti e di cui si è parlato molto in fiera, il Cerasuolo d'Abruzzo continua invece ad affermarsi come proposta rosa molto amata e richiesta.

Il Consorzio, dopo questa quattro giorni, è pronto a ripartire con le tante iniziative sul territorio e nei mercati internazionali più importanti.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi