Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Dalla romantica campagna toscana, due cupido dei vini rossi

Nel cuore della romantica campagna toscana, nascono due rossi, perfetti per i wine lover che desiderano illuminare il loro San Valentino: Insoglio del Cinghiale 2022 e Pino di Biserno 2021. Due vini “Cupido”, capaci di fare innamorare al primo sorso.
Photo credits: fonte ufficio stampa

Insoglio del Cinghiale 2022

È la pietra miliare dell'intera produzione realizzata da Tenuta di Biserno. L'originalità dell'etichetta con l'immagine del cinghiale e il nome “insoglio”, luogo in cui questo animale si reca a grufolare e a rotolarsi, esprimono l'animo e la cultura indomiti della Maremma.

Nasce tra i vigneti di Tenuta Campo di Sasso ed è composto da uve Syrah, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot, sapientemente assemblati per regalare un sorso equilibrato, particolarmente fresco al palato, con un tannino finemente levigato e rotondo.

Rosso rubino, al naso è polposo, dove note pepate e sentori di ciliegie e mirtilli si alternano a sensazioni speziate e a tocchi di erbe aromatiche, che virano al balsamico, mentre in bocca torna la frutta rossa in un insieme fresco, morbido e di grande eleganza. Perfetto per essere abbinato a succulenti piatti di selvaggina, in particolare – ça va sans dire – a base di cinghiale, pasta al forno, costine di maiale e formaggi stagionati.

Prezzo al pubblico: a partire da 20,50 euro

Pino di Biserno 2021

Carattere e grande finezza, mediterraneo e maturo, sono le caratteristiche peculiari di Pino di Biserno 2021. Nasce da un assemblaggio di più vitigni a bacca rossa – Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot – che vengono fatti affinare per la maggior parte in barrique nuove e usate: il risultato è un vino che sussurra sensazioni speziate ed erbacee, di pepe e noce moscata, di erbe essiccate e leggeri rimandi agli agrumi. Dopo un periodo di 12 mesi di maturazione in barrique di rovere francese e acciaio, Pino di Biserno si svela con un bellissimo colore rosso rubino intenso, mentre al naso conquista con i sentori di ribes, mora, mirtillo, ginepro, rosmarino e qualche tocco boisé. Al sorso rivela tutta la sua importanza, ma anche la sua grande classe, con una trama tannica ben bilanciata da un frutto ricco e profondo e un finale rinfrescante che chiude su note delicatamente speziate.

In tavola, lo si abbina a piatti succulenti, come risotti saporiti, ravioli al tartufo, costolette di agnello, selvaggina, stufati.

Prezzo al pubblico: a partire da 60 euro

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi