Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Deliveroo, ecco “Dentro Salone” la guida per sopravvivere alla Design Week

In vista del Salone del Mobile e del Fuorisalone che impone giornate frenetiche e code ovunque, Deliveroo in collaborazione con “Milano ha fame” presenta il “Dentro Salone”: ecco come sopravvivere a casa evitando le file nei ristoranti sold-out

Dal 17 al 23 aprile a sarà in scena il Salone del Mobile. Non solo uno degli eventi più attesi del settore, ma anche una delle settimane più movimentate e frenetiche per la città di Milano alle prese con gli appuntamenti e gli eventi collaterali del Fuorisalone. L'edizione di quest'anno è finalmente tornata alla sua tradizionale veste primaverile e, come da tradizione, trovare posto in un ristorante della città è impresa ardua. Addirittura impossibile senza aver prima prenotato.

Per ovviare a questo problema e, per permettere a tutti di godere di una serata con il proprio cibo preferito, Deliveroo, la piattaforma leader dell'online delivery, in collaborazione con “Milano ha fame”, presenta il “Dentro Salone”, una selezione di 10 fantastici ristoranti da cui ordinare utilizzando l'App, dopo le sfiancanti giornate della Design Week.

Il “Dentro Salone” di Deliveroo e “Milano ha fame”:

A Casa Di Nonna by Mannarino – Una macelleria di quartiere nata con l'obiettivo di trasmettere le bontà della cucina pugliese. Da Mannarino infatti, le vere protagoniste sono senza dubbio le bombette. E' possibile trovare questi squisiti involtini, rigorosamente fatti a mano, sia nella sua versione originale di capoccolo di maiale, sia nella variante di manzo e tacchino. Diversi anche i ripieni: da non perdere la bombetta pancettata, la piccante o la mortazza con mortadella di pistacchio e provola dolce.

Ichi Station – Un dall'ottima qualità prezzo, firmato dal maestro Ichikawa. Il menù è ampio e variegato: dai roll coloratissimi, grazie all'aggiunta di zafferano, tè matcha e barbabietola, oltre che al geometrico e instagrammabile Mosaico, un mix di pesce e verdure e tamagoyaki (frittata di uova). Ma anche tante tartare, poke, box da condividere con gli amici e il sushi plant based, la versione veg del sushi, un'attenzione per i vegetariani e vegani che resta comunque fedele al gusto originale.

Willy's Burger – Qui si possono trovare super pop ispirati alle serie tv più famose, reinterpretati in chiave golosa: La casa di cheddar, Trono di Salmon e Stranger Peanuts le proposte più divertenti. Sono tante altre ancora le varianti, una soluzione per chi ha voglia di rispolverare anche con il palato la serie tv del proprio cuore. Il preferito di “Milano ha fame”? Il Mio Bacon Arnold con doppio cheddar, bacon e salsa barbecue.

Anche – La cotoletta sbagliata più giusta di Milano. Perché sbagliata? È fatta con carne di maiale al posto del tradizionale vitello e poi servita con una panatura super crunchy arricchita da mandorle e arancia. E' diventata un cult per i frequentatori delle cucine milanesi. Finirla da soli è molto difficile, così come non riordinarla ancora e ancora.

Vurria – La sua pizza nasconde all'interno un ingrediente speciale: l'impasto infatti presenta l'aggiunta di aloe vera, con l'obiettivo di conferirgli leggerezza e digeribilità. Le magiche proprietà di questa materia prima, liberate in fase di lievitazione, non alterano per nulla il sapore della pizza e la rendono gustosa come quella degli impasti tradizionali. Il menù presenta una vasta gamma di pizze, oltre che numerosi sfizi e fritti, come le squisitissime frittatine e montanarine.

Ci Piace – Avete presente quando si ha voglia di qualcosa di leggero ma allo stesso tempo delizioso? Ci Piace viene in nostro aiuto con la sua ampia varietà di vellutate (zucchine, fagioli e broccoli solo per citarne alcune) che uniscono insieme gusto e materie prime di alta qualità. Una soluzione healthy e sostenibile allo stesso tempo, alla quale è possibile aggiungere il proprio tocco grazie ai tanti topping disponibili.

Porcobrado – Questo non è un panino qualunque, ma il miglior panino d'Europa. Nel 2017 e nel 2022 è stato incoronato vincitore agli European Street Food Award, e noi non possiamo essere che d'accordo. Realizza panini di carni suine pregiate (come quello di suino di cinta senese), con pane grano verna e salse sempre fresche di prodotti locali. Un vero mix esplosivo di sapori per chi non vuole rinunciare all'estrema qualità di uno squisito cibo da strada.

Katsusanderia – Il panino più famoso del Giappone è arrivato anche a Milano. Il menù presenta pochi piatti e di alta qualità, dal katsusando classico con cotoletta di maiale fritta, a un ottimo Tamago Sando con uova morbide e sode condite con maionese fino al Katsusando Pollo Teriyaki. Il katsusando giapponese, che nella versione orientale si presenta freddo, qui lo si trova tostato e variegato a prodotti di stagione e locali come il radicchio o altre verdure, per incontrare e predisporsi meglio ai gusti occidentali. Dulcis in fundo: l'immancabile cheesecake morbida in stile basque al matcha, con base di crumble al cioccolato.

Grouse – Il pollo arrosto è noioso? Non di certo da Grouse! Questa fantastica Grill House propone una selezione di polli con diverse marinature come la Red Hot con 4 tipi di peperoncino, o la Agrumi di con limoni e arance. Tutti i polli in menù sono allevati liberi, senza antibiotici e OGM free, nel massimo rispetto della natura e del benessere animale: Il pollo bio per Grouse vive meglio ed è più buono. Completano l'offerta i panini al pollo delle meraviglie arricchiti da ottime farciture.

Rustell – Ristorante in stile street food tutto abruzzese, ha a disposizione un'ampia scelta di pietanze di tutti i generi, oltre che gli immancabili arrosticini di pecora. E' possibile ordinare “pacchetti” di arrosticini da 10 a 50 pezzi per serate in compagnia, accompagnati da pane e olio. In menù anche tanti fritti tipici come olive ascolane e caciocavallo, e panini farciti da arrosticini o porchetta di Ariccia. Un arrosticino tirerà l'altro, il problema sarà fermarsi!

Ora mettetevi comodi e godetevi il vostro meritato relax e del buon cibo dopo le corse e le file del Fuorisalone!

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Emiliano Nivelli

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi