Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Dieta depurativa: come scegliere gli alimenti e gli integratori giusti

In caso di gonfiore al ventre e ritenzione idrica, puoi aiutare il tuo corpo a eliminare le tossine optando per alimenti depurativi e integratori che assistano fegato e reni nel processo di smaltimento delle tossine accumulate nell’organismo.

Gli organi del nostro corpo deputati all'eliminazione delle tossine in eccesso sono il fegato e i reni. Soprattutto il fegato è quello che ha sofferto maggiormente gli sbafi alimentari.

Quando il fegato viene sottoposto ad un lavoro extra, è tutta l'attività metabolica del nostro organismo a risentirne e a rallentare. In più quando il lavoro è troppo la sua capacità depurativa si satura e tutte le tossine rimangono in circolo in attesa di essere smaltite, provocando danni.

Una povera di grassi e di proteine consente al tuo fegato di mettersi in pari con il lavoro e a recuperare le sue scorte depurative.

E' necessario poi assumere dei cibi diuretici, che favorendo la diuresi riescono a eliminare le tossine in eccesso. Quindi via libera a un elevato apporto di liquidi, che può essere:

  1. • Acqua
  2. • Centrifugati o frullati
  3. • Tisane

TRA GLI ALIMENTI DISINTOSSICANTI CI SONO:

  1. • verdure depurative, ricche di fibre, sali minerali, acqua, antiossidanti, che aiutano l'organismo a liberarsi delle scorie e a contrastare i radicali liberi. In particolare spinaci, cavoletti di bruxelles, broccoli, zucca, porri, sono ricchi di sostanze che favoriscono la detossificazione. La cipolla, poi, ha proprietà diuretiche e depurative;
  2. • frutta fresca, ricca di acqua che ha un'azione depurativa e diuretica. Oltre a pere, agrumi, mele, sono consigliati anche avocado, mirtilli, melagrane, ananas, frutti stagionali in genere. L'ideale sarebbe consumare la frutta con la buccia per non rinunciare alle fibre;
  3. • uova, ricche di vitamina B12;
  4. • frutta secca, patate, banane, che contrastano la ritenzione idrica;
  5. • legumi, fonte di antiossidanti, ferro, vitamine del gruppo B;
  6. • cereali integrali, come farro, orzo, riso, che hanno un effetto purificante e sono ricchi di sali minerali e vitamine. Alcune idee per te: puoi preparare delle zuppe a base di legumi e cereali integrali da accompagnare a una fetta di pane tostato, dei minestroni di verdura che possono essere arricchiti all'occorrenza da legumi e cereali, delle vellutate;
  7. • pesce (in particolare quello azzurro). Contiene grassi buoni come gli omega 3;
  8. • aglio, erbe aromatiche in generale, come la salvia. L'aglio favorisce l'eliminazione delle tossine e aiuta a mantenere la pressione sanguigna a livelli normali. La salvia invece, oltre ad essere nota per le sue proprietà antiossidanti, può avere benefici sulla digestione alleviando il gonfiore e favorendo l'eliminazione dei gas.
  9. • spezie, tra cui lo zenzero, che favorisce la digestione e aiuta ad eliminare i gas intestinali riducendo l'effetto pancia gonfia.

Per supportare l'azione della dieta disintossicante e disintossicarsi dal troppo cibo, è bene evitare di consumare alimenti come:

  1. • alcolici;
  2. • carne rossa (per troppe volte alla settimana);
  3. • prodotti già confezionati;
  4. • alimenti che fanno ingrassare, ricchi di zuccheri, sale aggiunto e grassi;
  5. • bevande gassate o con l'aggiunta di zucchero;
  6. • cibi fritti.

E' anche importante avere un occhio di riguardo nei confronti dei condimenti e del tipo di cottura. Quindi, limita l'uso del sale perché favorisce la ritenzione dei liquidi, piuttosto condisci i tuoi piatti con spezie, erbe aromatiche e olio extra vergine di oliva. Per quanto riguarda la cottura invece, prediligi quella al forno, al vapore, alla griglia.

IL RUOLO DELLE FIBRE NELLA DISINTOSSICAZIONE

Le fibre svolgono un ruolo cruciale nei processi di disintossicazione del corpo, specialmente nel tratto gastrointestinale. Alcune ricerche condotte in Svezia hanno focalizzato l'attenzione sull'analisi delle feci per rilevare possibili malattie del sistema gastrointestinale.

Le diete ricche di fibre giocano un ruolo significativo nel processo di disintossicazione aumentando la quantità di materia fecale e accelerando il transito attraverso il colon. Questo aumento di fibra non solo contribuisce a eliminare efficacemente i residui metabolici, ma facilita anche l'adesione ed eliminazione di varie tossine.

Inoltre, la capacità delle fibre di migliorare il microbiota intestinale benefico e di legarsi a sostanze nocive sottolinea la loro importanza nel supportare la complessa rete di processi coinvolti nella cascata di disintossicazione all'interno del tratto gastrointestinale.

IL DIGIUNO INTERMITTENTE 12/12: QUALI SONO I SUOI ASPETTI POSITIVI?

Secondo il biochimico Valter Longo (1), esperto in longevità, nutrizione e malattie, il digiuno intermittente più sicuro a lungo termine è il 12/12, poiché eliminare la è stato associato a una minor aspettativa di vita. In una recente intervista, lo scienziato italiano ha dichiarato che tre o quattro giorni di digiuno intermittente possono:

  1. • Ripristinare la sensibilità all'insulina.
  2. • Favorire il restringimento degli organi. In questo processo vengono eliminati elementi antichi del corpo e altri che sono danneggiati e non funzionano.
  3. • Le cellule staminali vengono poste in modalità di riposo o stand-by.

LE ERBE MEDICINALI, famose per la loro ricchezza in fitochimici, presentano un percorso convincente per facilitare i processi di disintossicazione dell'organismo. Diverse erbe contengono composti bioattivi, come polifenoli, flavonoidi e terpeni, che i ricercatori hanno dimostrato possedere proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Alcune erbe hanno proprietà chelanti dei metalli (unione di metalli pesanti a molecole idrosolubili) che facilitano l'escrezione di metalli come piombo, mercurio e arsenico. Le molecole benefiche delle erbe svolgono un ruolo fondamentale nel rafforzare i meccanismi di difesa cellulare, specialmente nel fegato.

Interessante la composizione dell'integratore POLIDERTOX PLUS:

POLIDATINA: diversi studi hanno confermato che la polidatina è in grado di ridurre la la propagazione (effetto scavenger–spazzino) di specie reattive dell'ossigeno, la produzione di ossido nitrico e di citochine pro-infiammatorie mediante l'inibizione dell'inflammosoma NLRP e la via di segnalazione del recettore NF-kB, entrambi fattori coinvolti nei processi infiammatori (2,3,4).

L-GLUTATIONE RIDOTTO SETRIA®: il glutatione agisce sui radicali liberi e migliora l'efficacia di altri antiossidanti nel corpo. Ha un'azione ad ampio spettro sulla sintesi proteica, rallentando il processo di invecchiamento di cellule e tessuti, sistema cardiovascolare, apparato digerente, salute cognitiva, eliminazione di metalli pesanti come cadmio, mercurio che passa attraverso il fegato e reni.

CARDO MARIANO e.s.: al cardo mariano vengono attribuite diverse proprietà, fra cui spiccano in particolar modo quelle epatoprotettive ed antiossidanti. Tali attività sono imputate alla silimarina contenuta nella pianta (accelera il processo di rigenerazione del fegato aumentando l'attività metabolica delle cellule epatiche; stimola la sintesi proteica; esplica una funzione di difesa contro parecchie sostanze epato-tossiche, incluso l'alcol). Diversi sono gli studi clinici che confermano le proprietà attribuite alla pianta.

ONONIDE plv: il suo principio attivo è l'ononina, un potente isoflavone estratto dalle radici. L'ononina ha effetti anti-infiammatori, lenitivi, diuretici e depurativi. Aiuta a depurare i reni e a produrre più urina.

AGRIMONIA e.s.: fin dall'antichità è conosciuta per le sue proprietà depurative e, per questo motivo, è impiegata efficacemente nelle affezioni del fegato. Infatti le sommità fiorite esercitano un'azione coleretica, cioè aumentano la secrezione biliare; e colagoga, cioè facilitano la produzione ed espulsione della bile, favorendo così il corretto funzionamento dell'organo emuntore.

ACIDOLIPOICO: le proprietà antiossidanti dell'acido lipoico hanno portato a ipotizzare che la sua assunzione possa essere utile in caso di danni o traumi cerebrali e di alcune patologie epatiche. Inoltre al sua assunzione viene consigliata per promuovere l'uso dei carboidrati come fonte di energia, per prevenire danni alle cellule, per ripristinare livelli adeguati di vitamine come la vitamina E e la vitamina C e per migliorare la funzionalità dei neuroni in caso di diabete.

N-ACETIL-L-CISTEINA (NAC): acetilcisteina è un precursore del glutatione, uno dei più importanti e potenti antiossidanti del nostro organismo. L'azione di NAC vede un riscontro positivo anche nel prevenire patologie del fegato. La sua azione antinfiammatoria e antiossidante consente di prevenire il deterioramento del fegato, migliorandone lo stato di salute.

ESPERIDINA: oltre alla classica attività antiossidante, recenti lavori, sia di natura sperimentale che clinica, avrebbero dimostrato come il consumo regolare di esperidina risulti efficace, in sole 4 settimane, nel determinare un netto miglioramento della colesterolemia, con innalzamento delle concentrazioni di colesterolo HDL a scapito della frazione aterogena LDL. Tale attività, assieme alla funzione vasoprotettiva, potrebbe risultare utile nella prevenzione della disfunzione endoteliale e contestualmente nella riduzione del rischio cardiovascolare

CAMU-CAMU e.s.: il camu-camu è particolarmente ricco di vitamina C e antiossidanti, potremmo definirlo una vera bomba di salute. Il camu-camu stimola la produzione di serotonina, responsabile della regolazione dell'umore.

ZINCO: è un minerale essenziale che agisce come un catalizzatore in moltissime reazioni enzimatiche del nostro organismo ed è coinvolto nella sintesi del DNA, nella funzione immunitaria, la sintesi proteica e la divisione cellulare.

SELENIO: è un nutriente (oligoelemento) essenziale per l'eliminazione dei radicali liberi, la difesa delle cellule dal danno ossidativo (ossidazione di proteine e grassi) e la protezione da patologie (malattie), ad esempio cardiovascolari e più in generale dell'invecchiamento. È inoltre importante per la corretta funzionalità della tiroide, per il metabolismo degli ormoni tiroidei: in particolare per la conversione del T4 (tiroxina) in T3 (triiodotironina).

VITAMINA E: ha proprietà antiossidanti, combatte i radicali liberi e favorisce il rinnovo cellulare.

VITAMINA B2: oltre a svolgere un'azione antiossidante, la riboflavina aiuta l'organismo a disintossicarsi facilitando l'eliminazione delle sostanze nocive. Importante per la pelle, le mucose e la cornea, è essenziale per mantenere una buona vista.

FONTI

Issalute, Dieta mediterranea, 28 Febbraio 2018
Issalute, Dieta iperproteica e chetogenica, 23 Luglio 2018
Riferimenti bibliografici:
1. https://en.wikipedia.org/wiki/Valter_Longo
2. Foods. 2019 Nov 7. Polydatin and Resveratrol Inhibit the Inflammatory Process Induced by Urate and Pyrophosphate Crystals in THP-1 Cells. Oliviero F, Zamudio-Cuevas Y, Belluzzi E, Andretto L, Scanu A, Favero M, Ramonda R, Ravagnan G, López-Reyes A, Spinella P, Punzi L.
3. J Cell Mol Med. 2017 Nov. Polydatin reduces Staphylococcus aureuslipoteichoic acid‐induced injury by attenuating reactive oxygen species generation and TLR2‐NFκB signaling. Gan Zhao, Kangfeng Jiang, Haichong Wu, Changwei Qiu, Ganzhen Deng, and Xiuli Peng
4. Nutrients. 2019 Nov 15. Polydatin Inhibits NLRP3 Inflammasome in Dry Eye Disease by Attenuating Oxidative Stress and Inhibiting the NF-κB Pathway. Park B, Jo K, Lee TG, Hyun SW, Kim JS, Kim CS.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Gentilin Maria Cristina
Fonte Articolo

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi