Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Doppia vittoria del Consorzio Tutela Formaggio Asiago in Brasile e Cile

Bloccati due tentativi di registrazione di marchi in violazione della DOP ASIAGO. La DOP sempre più forte in Sud America.
Photo credits: fonte ufficio stampa Traguardi

Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago festeggia due importanti risultati nell'azione di tutela della Denominazione d'Origine Protetta ASIAGO in Brasile e Cile, promettenti mercati per il Made in Italy di qualità.

In Brasile, il Consorzio ha ottenuto l'annullamento della registrazione per un marchio figurativo “ASIAGO CCFN” depositato nel 2020 da CONSORTIUM FOR COMMON NAMES HOLDINGS INC., entità collegata all'omonima organizzazione di interessi statunitense. L'Ufficio Marchi brasiliano, che aveva in un primo tempo concesso la registrazione, ha riconosciuto l'ingannevolezza del marchio, oltre all'assenza di legittimazione nella richiesta di registrazione.

Il Consorzio si è inoltre opposto con successo alla domanda di registrazione presentata dalla medesima entità americana in Cile, per lo stesso marchio, che è stata bloccata grazie al riconoscimento in questo paese della DOP ASIAGO, ottenuto dal Consorzio nel 2018. La doppia affermazione dell'azione consortile rappresenta una vittoria di particolare rilievo nell'attività di tutela in corso in tutto il mondo contro marchi che usurpano la DOP e ne promuovono l'impiego come nome comune di prodotti che nulla hanno a che vedere con il formaggio Asiago.

Il Sud America è un mercato promettente per l'Asiago DOP. In Brasile, il Consorzio Tutela Formaggio Asiago è presente da anni con attività di valorizzazione del prodotto, in particolare, nella regione del Sud-Est, a partire dalla città di San Paolo, che conta il 20% di abitanti di origine italiana e dove la qualità del formaggio Asiago è ricercata e considerata simbolo di stile e qualità.

“In questi anni – afferma Flavio Innocenzi, direttore del Consorzio Tutela Formaggio Asiago – abbiamo consolidato l'attività di tutela e siamo pronti a cogliere le opportunità che sorgeranno alla fine dei negoziati in corso tra Ue e Mercosur.”

Oggi questa doppia vittoria, in Cile ed in Brasile, rafforza in tutto il Sud America il riconoscimento dell'identità della DOP ASIAGO, considerata credibile perché portatrice di una storia unica e di una produzione legata al luogo d'origine.

“Da chiunque venga attuata – prosegue Flavio Innocenzi – la strategia mirata all'evocazione del nome o all'imitazione delle caratteristiche per designare prodotti che nulla hanno a che vedere con la DOP, è non solo sleale ma senza futuro, in un mondo in cui c'è sempre più ricerca di autenticità e prossimità.”

“Complimenti al Consorzio Tutela Formaggio Asiago per le importanti vittorie riportate in Brasile e Cile. Questi successi confermano ancora una volta l'infondatezza delle teorie basate sulla presunta genericità a livello internazionale di alcuni nomi geografici – afferma Massimo Vittori, Direttore di oriGIn, la coalizione mondiale delle Indicazioni Geografiche – D'altra parte – continua Massimo Vittori – le attività di monitoraggio ed esecuzione dei diritti delle indicazioni geografiche sui mercati internazionali richiedono sforzi economici sempre più importanti per i Consorzi. Il sostegno delle autorità nazionali e regionali in materia di enforcement è dunque cruciale.”

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi