Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Enoteca Regionale Emilia Romagna a Vinitaly 2024 per promuovere le eccellenze enologiche della regione

Anche quest’anno Enoteca Regionale Emilia Romagna sarà uno degli attori di Vinitaly (dal 14 al 17 aprile): 4 seminari interamente dedicati ai vini e alle denominazioni della regione.
Photo credits: fonte ufficio stampa wellcomonline.com

Enoteca Regionale , associazione dedicata alla promozione e alla valorizzazione della tradizione enogastronomica dell'Emilia-Romagna, parteciperà alla 56a edizione di Vinitaly, in programma a dal 14 al 17 aprile. Questa manifestazione rappresenta un'opportunità per comunicare l'ampio e variegato patrimonio enologico della regione e per presentare al pubblico e la diversità e la qualità dei prodotti agroalimentari di cui è custode. Anche quest'anno Enoteca Regionale Emilia Romagna presiederà per i quattro giorni del salone, l'intero Padiglione 1 di Veronafiere grazie all'adesione di ben 83 espositori. Ad arricchire il programma, nella Sala Masterclass si svolgeranno 4 masterclass dedicate alle principali DOP della regione, condotte da esperti del settore tramite il coinvolgimento di comunicatori digitali, degustatori professionisti, giornalisti e tecnici agronomici.

Dal 1978 Enoteca Regionale Emilia Romagna preserva e valorizza le denominazioni di origine di questa affascinante terra nel mondo, rappresentando un unicum a livello nazionale attraverso la stretta collaborazione con i Consorzi di tutta la regione, dal vignaiolo alle più grandi realtà cooperative. Un sodalizio confermato dalla presenza in di alcune esposizioni collettive che riuniscono più produttori sotto il medesimo Consorzio di Tutela come il Consorzio Tutela Lambrusco, il Consorzio Vini di Romagna e il Consorzio Tutela Vini Doc Bosco Eliceo. All'interno del Padiglione 1 saranno presenti anche banchetti istituzionali in rappresentanza di Emilia, AIS Romagna e AIES, capitanati dall'esperienza e dalla conoscenza di professionisti. Durante la kermesse, Enoteca Regionale avrà l'opportunità di presentare i vini più rappresentativi delle 19 DOC, 2 DOCG e 9 IGT emiliano-romagnole attraverso una serie di appuntamenti, seminari, incontri e degustazioni guidate.

Il Padiglione 1 ospiterà anche un ristorante per gli operatori, unendo i tesori enologici della regione al meglio della sua gastronomia. Il ristorante, allestito in collaborazione con i Consorzi alimentari locali – tra cui, citandone solo alcuni, Consorzio Salumi Piacentini, Consorzio Mortadella , Consorzio della Coppa di , Consorzio Parmigiano Reggiano e Consorzio Piadina Romagnola – rappresenta uno spazio unico per esplorare il connubio tra cibo e vino dell'Emilia-Romagna. A rafforzare questa unione, il 15 aprile alle ore 14:30 nella Sala Masterclass, Enoteca Regionale presenterà Tramonto DiVino (scarica save the date), il roadshow che ha come mission la promozione della cultura enogastronomica regionale, attraverso la presentazione dei cibi e dei vini identitari dell'Emilia-Romagna, il bere consapevole e l'abbinamento cibo vino.

All'interno della Sala Masterclass del Padiglione 1, cofinanziata grazie alla misura SRG10 del PSR 2023-2027, Enoteca Regionale Emilia Romagna organizzerà una serie di seminari, pensati per ampliare la conoscenza delle principali DOP della regione. Queste masterclass, condotte e moderate da esperti del settore, dai comunicatori digitali Stefano Quaglierini (@italian_wines) e Emanuele Trono (@enoblogger) e dal giornalista Alessandro Franceschini, fino a professionisti che operano in ambito tecnico, offriranno ai partecipanti un'opportunità unica di apprendere le caratteristiche distintive dei vini emiliano-romagnoli a 360°. Non solo i celebri Lambrusco e Albana – a cui saranno dedicati due appuntamenti con il degustatore professionista Filippo Bartolotta per scoprirne tutte le sfumature – ma anche gli underdog come Centesimino, Burson, Famoso, Rebola e Spergola in comparazione ad altri più noti della denominazione Romagna DOP. Attraverso degustazioni guidate e approfondimenti sulle ultime tendenze del settore, gli appassionati e gli operatori del mondo del vino avranno l'occasione di scoprire la ricchezza enologica del territorio.

“Vinitaly rappresenta per noi una straordinaria vetrina. È un'opportunità per condividere con il pubblico la passione e la tradizione che caratterizzano il nostro territorio. Siamo entusiasti di presentare una serie di seminari divulgativi che metteranno in luce le unicità dei nostri vitigni e l'impegno costante della nostra regione nella produzione di vini di alta qualità” commenta il Presidente Davide Frascari.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi