Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Festeggia San Valentino con il Rosè campione del mondo

L’amore si celebra in ogni sorso e Maso Martis, la prestigiosa Maison spumantistica trentina, invita a vivere un San Valentino indimenticabile con due interpretazioni uniche di rosé, pensate per lei e per lui. Il 100% Pinot Nero Extra Brut Rosé 2020 per lei, miglior rosé del mondo secondo i critici di Wine Searcher, capace di battere anche il blasonato rosato provenzale Miraval di Brad Pitt, e il Monsieur Martis Brut Rosé 2018, 100% Pinot Meunier, per lui.
Photo credits: fonte ufficio stampa

Delicato ed elegante, l'Extra Brut Rosé 2020 di Maso Martis (40 euro) è un elogio al romanticismo femminile. Al naso, fragoline e mandarino danno freschezza alle note pepate e lievitate, a cui si aggiunge un tocco di erbe aromatiche, mentre al sorso le note di arancia e pompelmo giocano con i sensi e il palato, in un tourbillon di setosa effervescenza e un finale fresco e minerale. Un Metodo Classico di notevole carattere, che interpreta fedelmente lo spirito dei grandi rosé, teso e verticale, strutturato e profondo, ideale per chi ama gli spumanti intensi e ricchi. Perfetto per essere degustato in abbinamento a risotti con crostacei, guazzetti di pesce, con un trancio di salmone al forno o con carni bianche delicate.

Un bacio ricco di passione, speziato e vellutato è invece quello che si riceve dal Pinot Meunier, vitigno famoso per dare vita a spumanti di grande carattere, con una leggera nota vegetale e un'acidità più marcata rispetto ai Rosé de Noir da Pinot Nero. Così è Monsieur Martis 2018, 100% Pinot Meunier (70 euro), dallo splendido colore rosa con riflessi aranciati: una permanenza sui lieviti di almeno 48 mesi regala struttura, profondità, volume e un perlage cremoso. Al naso sprigiona un inebriante bouquet di lamponi, piccoli frutti rossi croccanti, ciliegia, arancia amara, toni minerali e un originale tocco speziato. Sentori che si ritrovano al sorso, dove è sapido, fresco e persistente. Un Metodo Classico, anche in questo caso, che cerca di far esprimere al massimo l'unicità del vitigno e dell'annata. Ideale in abbinamento a crudità di pesce, crostacei, frittura.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi