Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

I° Posto per il Frantoio Bonamini al 27° Palio dell’Olio Extravergine di Oliva Nuovo di Aipo

Primilia conquista il gradino più alto del podio con il punteggio di 90/100. Un’analisi sul rialzo del prezzo dell’olio EVO. Il 2 febbraio, nella cornice di Fieragricola (Verona), si è tenuta la premiazione del 27° Palio dell’Olio Extra Vergine di Oliva Nuovo indetto da Aipo; un’occasione per premiare quei frantoi che lavorano per produrre olio di grande qualità.
Photo credits: fonte ufficio stampa

Quest'anno a conquistare la prima posizione dell'ambito premio è stato il Frantoio Bonamini – Giancarlo Bonamini Olivocultore con “Primilia” attestandosi sul punteggio di 90/100. Quest'olio è ricavato da ulivi selezionati nel territorio della Val d'Illasi, la parte più alta delle colline di e si configura come un prodotto d'eccellenza, realizzato secondo i più alti standard qualitativi.

“Questo premio testimonia il grande lavoro fatto fin qui e rinnova il nostro impegno per produrre olio di grandissima qualità e dalle proprietà organolettiche superiori – spiega Giancarlo Bonamini che riflette anche sulla situazione dei prezzi dell'olio extra vergine di oliva – Il problema nasce da lontano: la Spagna, primo produttore mondiale di olio EVO ha visto calare drasticamente la produzione del prezioso frutto (a fronte di 1,5 milioni di tonnellate di una campagna normale, nel 2023 non sono state raggiunte nemmeno 800mila tonnellate di olio). Questo andamento produttivo sta influenzando negativamente tutti gli altri Paesi produttori, tra tutti l'Italia con circa 300mila tonnellate e la Grecia con 200mila, ma anche altre realtà extra europee”.

Nella foto l'olio “Primilia” che ha conquistato il primo posto

“La scarsa produzione spagnola – spiega ancora Giancarlo Bonamini – ha spinto al rialzo tutti i listini delle borse merci sia nazionali che internazionali. Basti pensare che all'ingrosso il valore di un olio di origine UE è raddoppiato dal 2023 ad oggi (infatti tutti i marchi industriali che si trovano nei supermercati hanno raggiunto un prezzo al pubblico di oltre 10,00 euro/litro)”.

“In questa situazione – spiega ancora Bonamini – non sussistono più i margini per calmierare il prezzo dell'olio. E questa è una situazione che noi Italiani stiamo subendo in prima persona dato che siamo fra i maggiori consumatori di extravergine di oliva al mondo”.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi