Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

I rappresentanti di CAMI – Consorzio Affumicatori Maestri Italiani protagonisti di un incontro strategico alla Camera dei Deputati

Gettate le basi di una possibile collaborazione con la filiera della semplificazione agricola.
Photo credits: fonte ufficio stampa Cantiere

Lo scorso 15 maggio i rappresentanti di CAMI – Consorzio Affumicatori Maestri Italiani sono stati accolti dalle istituzioni – su impulso dell'Onorevole Calogero Pisano – presso la Sala Tatarella della Camera dei Deputati per presentare gli obiettivi del proprio progetto teso a preservare e valorizzare la produzione di salmone affumicato lungo tutta la Penisola.

Per CAMI erano presenti oltre al presidente del Consorzio Gianpaolo Ghilardotti (patron dell'azienda parmense Foodlab) e al vicepresidente Riccardo Massetti (SQS Network sas), gli altri tre soci fondatori, ovvero Antonio Mancuso (Sicily ), delegato a curare i rapporti istituzionali in Italia e in Europa, Davide Brebbia (Starlaks) e Luigi Paolo Mondini (Agroittica).

Queste le parole di Adolfo Urso, Ministro delle Imprese e del Made in Italy, lette a suo nome da Giacomo Vigna, della Direzione generale del Mimit.

“Rivolgo un plauso ai fondatori del Consorzio che hanno investito nella valorizzazione del salmone lavorato così da promuovere e difendere gli alti standard produttivi di un comparto in crescita a livello e . Grazie all'operato di CAMI, i consumatori oggi hanno la certezza di acquistare un prodotto autentico, tracciabile e di alta qualità che porta con sé l'eccellenza. Attraverso controlli costanti e trasparenti, il Consorzio assicura che il salmone Made in Italy mantenga le sue caratteristiche distintive e la sua identità unica, ora certificata a beneficio di ogni consumatore. Questa industria si sta sviluppando non

solo grazie agli allevamenti particolarmente curati e innovativi, ma anche grazie alla capacità di trasformare la materia prima in una grande varietà di prodotti. L'arte dell'affumicatura nel nostro Paese viene eseguita con grande maestria, utilizzando legni pregiati e tecniche tradizionali così da portare sulle tavole un altro prodotto sano, dal sapore unico e raffinato. CAMI è un esempio della volontà di imprenditori illuminati che intendono condividere le loro esperienze così da valorizzare gli alimenti assicurando tracciabilità, sicurezza alimentare, sostenibilità e attenzione al benessere animale”

Parole che lasciano il segno e che hanno fatto da preludio all'invito dell'Onorevole Saverio Romano, presidente della Commissione Bicamerale per la Semplificazione, che ha invitato i rappresentanti del Consorzio a collaborare con la filiera della semplificazione agricola già collaudata e ben funzionante.

Il dottor Giacomo Vigna, nel riprendere parola, ha palesato la possibilità dell'inserimento dei rappresentanti di CAMI fra i componenti del tavolo dell'Agroindustria a supporto dei lavori del Ministero dell'Agricoltura, di quello delle Imprese e del Made in Italy e, auspicabilmente, dei ministeri per il Commercio con l'Estero e della Sanità con l'obiettivo comune di portare avanti una politica di sostegno alle imprese virtuose con regole uguali sia a livello nazionale che internazionale.

Dalle parole ai fatti. Seguirà a breve un secondo appuntamento con i rappresentanti di CAMI, per concordare insieme un piano di lavoro da avviare al più presto.

Antonio Mancuso, delegato CAMI ai rapporti istituzionali in Italia e in Europa e primo sostenitore dell'iniziativa, ha così commentato: “CAMI si è attivato, a fianco dell'associazione europea ESSA, al fine di ottenere che a Bruxelles, in Commissione ENVI (Commissione Europea per l'ambiente, e la sicurezza alimentare) prima e in Parlamento poi venisse rigettato il tentativo, promosso dai deputati polacchi, di bloccare la proposta di atto delegato sulle norme di igiene alimentare per i prodotti di origine animale (che modifica gli allegati II e III al regolamento (CE) n. 853/2004 che integra il regolamento (CE) n. 178/2002). L' atto delegato, in vigore dal 9 maggio, permetterà di ulteriormente garantire la sicurezza dei consumatori, la trasparenza e la concorrenza leale, regolamentando i tempi e le temperature di congelamento del salmone affumicato, il nuovo regolamento di fatto impedirà ai produttori polacchi di indicare ‘prodotto fresco' anziché ‘decongelato' sulle confezioni vendute sul mercato italiano questo è stato il primo goal portato a segno. Nei prossimi mesi ce ne saranno altri. La mission del Consorzio è e portare chiarezza e trasparenza in questo settore. Un ringraziamento a tutti i membri del Governo per aver creduto nel nostro consorzio e per averci supportato nelle nostre azioni a Bruxelles “.

Foodlab nasce nel 2000 nel cuore della food valley parmense dall'idea imprenditoriale di tre fratelli – Gianpaolo, Francesco ed Elisabetta Ghilardotti – che trasformano la loro passione per la cucina in un'azienda specializzata nella lavorazione e commercializzazione di salmone affumicato, marinato e aromatizzato e di altre tipologie di pesce affumicato. Tanta strada è stata fatta da allora: oggi l'azienda si muove da leader nel proprio mercato di riferimento. Nell'attuale stabilimento di Polesine Zibello, in provincia di (recentemente ampliato) trovano lavoro circa 120 dipendenti (che salgono a circa 250 nel periodo di massima attività) e vengono lavorate ogni anno 5.000 tonnellate di materie prime. Il fatturato 2022 è stato di circa 43 milioni di euro. Ogni giorno le famiglie italiane e gli dei migliori ristoranti gustano e utilizzano i salmoni Foodlab. www.foodlab.net – www.fumara.it

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi