Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Il caffè fa veramente male oppure no? Scopriamo la verita!

Gli italiani amano il caffè da sempre e nessuno vorrebbe rinunciarci anche se molti dicono non si tratti di una bevanda salutare. È la verita? Scopriamo insieme segreti e bugie sull’espresso.

Lo gustiamo al bar, lo sorseggiamo dopo pranzo e alcuni anche dopo cena. Ci svegliamo solo annusandone l’aromaed alcuni anche per piacere o per alleviare le emicranie. Alcuni però si ostinano a dire che il caffè fa male? Si tratta della verità o semplicemente di un mito?

Per una persona sana la quantità giornaliera di caffeina è di 300 mg, l’equivalente di circa tre tazzine. Come per molte sostanze che assumiamo, i benefici e le controindicazioni sono spesso legate all’equilibrio manifestato nell’asumerne.

La moka per esempio ha bisogno di un caffè macinato in modo meno fine rispetto a quello usato per l’espresso. Il caffè ristretto invece ha un contenuto più basso dell’espresso lungo, contrariamente a quanto si possa pensare. Il caffè all’americana invece, viene preparato per infusione della polvere del caffè in acqua bollente e questo abbassa di molto i livelli di caffeina rispetto alla preparazione tipica all’italiana.

Rispetto a quanto si possa pensare il caffè decaffeinato non elimina totalmente la caffeina e ne lascia comunque una minima percentuale. Per quanto riguarda i bambini le dosi di caffeina singole non preoccupanti per gli adulti (3 mg per ogni kg) si possono applicare anche ai bambini (grazie al loro metabolismo) ma con la giusta moderazione.

Allora quando si deve bere il caffè? In piccole dose, lo si può assumere per aumentare le prestazioni fisiche, la concentrazione, facendo attenzione a soggetti predisposti a cardiopatie o che soffrono di tachicardia. Stimolando anche la secrezione gastrica occorre che ne facciano un uso oculato anche coloro che soffrono di patologie gastriche.

Poi non resta che parlare di insonnia. Non essendo faciel da metabolizzare, il caffè deve essere assunto solo da chi ha la certezza di riuscire a sintetizzarlo con facilità. Se invece soffrite di mal di testa o emicrania, il potere di vasocostrizione della caffeina può essere considerato a tutti gli effetti un ottimo analgesico o come anti-infiammatorio.

Non abusare, questo è il segreto principale… e buon caffè a tutti!

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Andrea Meini

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi