Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha presentato a Vinitaly il progetto di restyling dei Vini DOCG

Il Presidente Maccario “il Monferrato: un territorio, molti vini. La pluralità è il nostro punto di forza e questo progetto celebra l’idea di ‘Uniti nella diversità’”
Photo credits: fonte ufficio stampa AB Comunicazione

Svelato martedì nel contesto di Vinitaly il progetto di restyling promosso e fortemente voluto dal Consorzio Barbera d' e Vini del Monferrato. Grande era l'attesa dietro a quello che rappresenta ben di più di un semplice rinnovamento grafico delle etichette dei vini delle denominazioni DOCG tutelate dal Consorzio.

“Con questo progetto – ha spiegato il Presidente del Consorzio Vitaliano Maccario – aspiriamo a comunicare l'unicità delle varietà vinicole del nostro territorio attraverso nuove etichette che raccontino la storia e l'identità di ogni DOCG. Questo progetto, che celebra l'idea di ‘Uniti nella diversità', intende dare valore all'essenza stessa dei nostri vini e ai valori che essi racchiudono: eleganza, alta qualità, forte identità e grande passione per il territorio del Monferrato.” Durante il convegno di presentazione, intitolato “La Forza e l'Essenza del Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato nella nuova veste grafica”, sono intervenuti l'Assessore della Regione , Marco Protopapa, il Presidente della Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato Vitaliano Maccario e Fabrizio Angeli e Marco Balzano di Need Strategy.

“Parlare di identità significa riconoscere e valorizzare le peculiarità di ogni denominazione, ma anche tessere queste diversità in un tessuto comune piemontese, coeso e unitario”, afferma il Presidente Maccario. “La Barbera non è solo il cuore dei nostri vini, ma anche il vitigno da cui scaturisce la nostra tradizione vinicola. La nuova grafica si propone come un simbolo forte di questa visione: l'impronta digitale sul logo non solo certifica l'autenticità e l'unicità del territorio, ma simbolizza anche la comunità – ogni produttore, ogni cittadino che contribuisce alla ricchezza della nostra identità collettiva”.

“L'impronta digitale che orna il nostro logo è più che un simbolo di autenticità, è la voce della nostra terra distintiva, inconfutabile, irripetibile. Ma ancor di più quell'impronta rappresenta ogni singolo membro della nostra comunità, la ricchezza umana e la comunità collettiva che definiscono la nostra realtà” – con queste parole il Consorzio e i suoi produttori si sono impegnati nel fare la differenza nel mondo della Barbera in futuro, tutelando ogni denominazione e dandogli la giusta importanza, mantenendo tuttavia un'ottica di comunità. Le DOCG che da oggi avranno una propria etichetta saranno infatti Barbera d'Asti, Barbera d'Asti Superiore, Nizza, Ruchè di Castagnole Monferrato, Terre Alfieri Nebbiolo e Terre Alfieri Arneis, tutte comunque rappresentate dall'impronta digitale che per ogni denominazione è declinata con colori diversi.

Questo evento si inserisce all'interno di un ricco calendario di eventi che il Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato sta realizzando durante la kermesse scaligera in scena in questi giorni a . Presente con uno stand situato nel Padiglione 10 (stand D3, E3, G3, F3, H3), il Consorzio sta infatti offrendo a visitatori, operatori del settore e appassionati numerose iniziative volte a raccontare e valorizzare le perle vitivinicole di cui è ambasciatore e custode.

“Vinitaly rappresenta da sempre una vetrina significativa per il nostro territorio e le aziende che promuoviamo – racconta il Presidente Vitaliano Maccario – stanno ancora una volta dando prova con i loro vini, dell'altissima qualità del nostro patrimonio enologico”.

IL CONSORZIO BARBERA D'ASTI E VINI MONFERRATO

Il Consorzio Barbera d'Asti e Vini del Monferrato, fondato nel 1946, ha il compito di tutelare e promuovere le sue denominazioni per garantire la loro diffusione e la loro immagine sui mercati nazionali e internazionali, anche attraverso appositi marchi distintivi. Attualmente il Consorzio conta più di 400 aziende associate e 13 denominazione tutelate.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi