Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Il Festival del vino più atteso d’autunno torna ad animare il centro di Verona

Ottava edizione: Verona, 14-16 ottobre 2022. Ospiti d’eccezione il Dj Albertino, la scrittrice Eliana Liotta, il filosofo Vito Mancuso
Photo credits: fonte MC Press Office

FESTIVAL “HOSTARIA” TRA VINO, CULTURA E PROGETTI INCLUSIVI: “IMPOSSIBILE NON AMARLO”

Oltre 350 referenze vinicole e 5 Consorzi lungo vie e piazze del centro e un programma culturale ricco di incontri e dibattiti per assaporare appieno il clima conviviale della manifestazione

Nuovo progetto di inclusione sociale con il partner Coati Cittadella Slow Food e presentazione in anteprima della guida Slow Wine 2023

PREVENDITE APERTE sul sito www.hostariaverona.com

“Amarlo non è peccato”: sulle ali del nuovo slogan, sono aperte sul sito www.hostariaverona.com le prevendite per l’ottava edizione del Festival Hostaria, in programma dal 14 al 16 ottobre tra le vie e le piazze del centro storico di Verona. Tante le novità, con oltre 350 referenze vinicole, 5 Consorzi, un nuovo progetto di inclusione sociale per i bambini con disabilità e un programma culturale di incontri e dibattiti che avrà tra gli ospiti d’eccezione il dj Albertino (il racconto delle emozioni di una vita sulla cresta dell’onda… radiofonica), la scrittrice Eliana Liotta (un appuntamento sull’alimentazione intelligente per il benessere psicofisico e la salvaguardia del pianeta dal titolo Le diete del pianeta), il filosofo e teologo Vito Mancuso.

Focus sulla cultura

Ed è proprio la cultura nelle sue varie forme il perno su cui ruota e si differenzia il Festival: non solo cultura enologica ed enogastronomica, ma anche cultura come espressione del contesto storico-architettonico in cui si svolge la manifestazione, cultura come arricchimento intellettuale grazie agli ospiti e agli incontri in programma, e cultura della convivialità, con il clima di condivisione e divertimento che per tre giorni anima la città.

NOVITÀ

Cittadella Slow Food e presentazione guida Slow Wine 2023

Tra le novità dell’ottava edizione, la cittadella Slow Food, un’area esclusiva, dove “buono, pulito e giusto” si incontrano in sapori da conoscere, scoprire e salvare, quelli dei prodotti selezionati dei Presidi Slow Food della provincia di Verona e non solo.

Nella cittadella sarà presente anche una rappresentanza di 5 vignaioli di diverse aree vitivinicole veronesi, tutte recensite nell’edizione 2023 della Slow Wine, la guida ai vini d’Italia di Slow Food che ha rivoluzionato il mondo del vino, e che sarà presentata in anteprima a Hostaria sabato 15 ottobre (alle 12.30) da Corinna Gianesini in un incontro con il professor Maurizio Ugliano dell’Università di Tecnologie Viticole ed Enologiche di Verona. Il tema della conferenza sarà la diversità ampelografica del territorio italiano e più specificamente veronese.

Un nuovo progetto di inclusione sociale

L’associazione ha tra i propri principi quello di favorire sotto tutti i punti di vista l’inclusione sociale, dedicando cura e attenzione soprattutto alle persone con fragilità. Una mission resa possibile grazie al supporto del main partner Coati, l’azienda di Arbizzano di Negrar da sempre sinonimo di salumeria di alta qualità in Italia e nel mondo, grazie a una lavorazione che unisce innovazione a tradizione. Coati promuoverà un incontro pubblico dedicato al tema e sarà presente in Piazza Bra con assaggi dei suoi migliori prodotti, partecipando a un progetto a scopo benefico a favore dei Bambini delle Fate, l’impresa sociale che finanzia progetti di inclusione per bambini e ragazzi con autismo e disabilità.

Oltre 350 etichette e 5 Consorzi

Oltre alle 350 referenze vinicole, Il Festival dedica un’area alla Foresteria, dove poter degustare vini pugliesi, siciliani, toscani e altri provenienti da fuori regione.

Inoltre, saranno presenti 5 Consorzi: Consorzio Garda DOC con una proposta di tre stand dislocati nel percorso; Consorzio Tutela Lugana DOC, che aggiunge nel biglietto di coppia un con le diverse tipologie di Lugana; il Consorzio Tutela Vino Custoza DOC, che in questa nuova edizione rafforza la propria presenza proponendo degli assaggi con dei produttori selezionati di Custoza Superiore; Consorzio Tutela Vino Lessini Durello presenterà invece il progetto di biodiversità intrapreso nel disciplinare, in compagnia del Consorzio Tutela Soave che racconterà i 33 cru della zona.

Turismo culturale e wine influencer

Il Festival Hostaria si conferma tra i più importanti luoghi d’incontro per wine lovers e operatori vitivinicoli, coinvolge esercenti e ristoratori del centro e alimenta il turismo culturale con arrivi dall’Italia e dall’estero grazie a una ricca offerta di walk around tasting, iniziative diverse e la possibilità di vivere la città.

Con un’ampia visibilità sui canali social, il Festival anche quest’anno metterà in mostra la sua anima digital ospitando wine influencer che sapranno presentare al meglio le cantine partecipanti.

Terza edizione del Premio Paiasso

La manifestazione mantiene come di consueto anche un carattere sociale: nell’ampio calendario di attività, oltre ai laboratori del Consorzio Monte Veronese, si conferma la terza edizione del Premio “Paiasso” dedicato a Roberto Puliero, attore, regista e “voce storica” di Verona.

Biglietti: diverse tipologie di accesso

Si consiglia di acquistare al più presto i biglietti del Festival per garantirsi uno dei pacchetti proposti, con i benefit aggiuntivi riservati alla biglietteria online:

• Biglietto classico, che quest’anno prende il nome di Hostaria Viaggio nel Gusto: oltre ai token degustazione prevede anche una degustazione di bresaole pregiate Brisval e verdure in conserva di Inkonserva, in collaborazione con NonSoloVino;

• Biglietto “Hostaria Passione Lugana”: oltre alle degustazioni di vino, aggiunge un brindisi offerto dal Consorzio Tutela Lugana DOC;

• Biglietto “Hostaria Tour” di Averonasodiunposto & Verona.Yesterday: per vivere una straordinaria full immersion nella storia delle osterie veronesi.

A ognuno di questi pacchetti sarà possibile, con il contributo di 1 euro, aggiungere l’abbonamento giornaliero ai mezzi ATV per spostarsi in modo sicuro e sostenibile.

In loco si potrà acquistare il Biglietto Classico Redoro, che aggiungerà ai token una degustazione di Valpolicella Classico.

L’accesso alla manifestazione è libero, quello alle degustazioni è possibile attraverso l’acquisto dei biglietti.

Info su www.hostariaverona.com

Il Festival Hostaria è curato dall’Associazione Culturale Hostaria con la co-organizzazione del Comune di Verona, il patrocinio della Regione e Provincia di Verona, la collaborazione del Gruppo Editoriale Athesis, il supporto di Salumi Coati, Gruppo Ferrari by Move, Consorzio Monte Veronese, Riso Melotti, Corrado Benedetti, ATV, Acque Veronesi, Amia, Rastal, Vip Energy, Biscopan, Redoro, Brisval, InKonserva, Consorzi Garda DOC, Tutela Lugana DOC, Tutela Vino Lessini Durello, Tutela Vino Custoza DOC, Tutela Soave, FISAR. Con il sostegno di numerosi altri partner.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi