Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Il Miglior Liquore di Erbe del Mondo 2022 pronto a brillare in altri 80 Paesi

Amaro Rubino rappresenterà l’Italia come eccellenza del mondo “spirits” alla manifestazione Bar Convent di Berlino.
Photo credits: fonte ufficio stampa

Ricerca e creatività Made in Italy continuano a premiare Amaro Rubino, il liquore artigianale alle erbe nato a che, dopo solo due anni dalla sua nascita, si sta affermando anche all'estero, grazie alla capacità di racchiudere in un unico prodotto i sapori autentici del nostro Paese.

Grazie a un'iniziativa di ICE (Istituto di Commercio Estero), Amaro Rubino è stato selezionato come brand più qualificato a rappresentare l'Italia delle eccellenze del mondo “spirits”, insieme ad altre 20 aziende di settore, attraverso la partecipazione dal 10 al 12 ottobre alla Bar Convent Berlin, la più grande per l'industria dei bar e delle bevande, che interessa proprietari di bar, baristi, distributori e produttori di circa 80 paesi alla ricerca di nuovi contatti e di prodotti innovativi.

Dopo aver vinto il premio assoluto ai World Liqueur Awards come miglior liquore di erbe al mondo e d'Italia 2022 e aver partecipato come partner al festival Invasion in Quebec insieme ad altri nomi noti presenti nel mercato canadese, Amaro Rubino è pronto a continuare il percorso di affermazione e crescita anche all'estero.

Amaro Rubino nasce dalla passione e ricerca del suo unico creatore, Matteo Rubino, che ha studiato e individuato le erbe tipiche della zona, per poi selezionarle presso coltivatori biologici e biodinamici. Dopo numerosi test, miscelando le varie tinture alcoliche ottenute dalle erbe, ha ottenuto il risultato meticolosamente ricercato e a cui ha prestato il suo cognome. Un gusto delicato e strutturato, che deriva dai sentori di camomilla e di fiori di sambuco, insieme all'impareggiabile bontà del miele prealpino, alle fragranze floreali, erbacee e balsamiche dell'issopo di montagna, del timo, dell'alloro e della salvia, dalle note speziate del cumino e dall'amaro delle radici di genziana e di tarassaco, oltre alla liquirizia calabrese, omaggiata dai nonni paterni, che lascia una sensazione di freschezza al palato.

Grazie ai riconoscimenti ricevuti, la crescita e l'internazionalizzazione di questa piccola realtà è stata esponenziale e, dopo l'esportazione in USA e Australia, Amaro Rubino sta già guardando a Canada e Germania.


Amaro Rubino Bio
Start up e prodotto, frutto della passione liquoristica di Matteo Rubino, dapprima amatoriale. Dopo alcuni anni di sperimentazioni personali della formula e una ricerca appassionata all'aperto, a inizio 2020 fa il suo esordio sul mercato. Un liquore d'erbe artigianale, prodotto in piccoli lotti, tra i primi della sua categoria ad aver ottenuto la certificazione biologica. Realizzato con miele locale e botaniche che tipicamente crescono o si coltivano nella terra tra i laghi e le Prealpi lombarde e piemontesi, con ingredienti da agricoltura biologica e biodinamica. Il suo aroma è un complesso ma delicato bouquet floreale e balsamico, con un grado alcolico pari al 25%. Nel 2021 viene giudicato con un punteggio di 91 su 100 dalla giuria International Wine & Spirits Competition e vince il premio come Miglior Liquore d'Erbe al Mondo 2022, assegnato dai World Liqueur Awards inglesi. La filosofia green di Amaro Rubino si impegna nel ridurre sempre di più l'impatto dei processi produttivi e del packaging sull'ambiente.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi