Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

L’autunno trevigiano si colora di “finferli”

A novembre ritornano in scena i dieci ristoratori di “Intavolando”: cinque serate a tema e menù a quattro mani per scoprire tutto il buono e il bello dei funghi finferli

L’autunno gastronomico trevigiano segna il ritorno degli eventi organizzati dal gruppo ristoratori “Intavolando”: cinque serate itineranti, dal 3 novembre al 1° dicembre, in cui ogni volta si incontrano e confrontano due per esaltare il valore dei funghi finferli. Una varietà dalle molte virtù, che non è mai stata “celebrata” con il dovuto merito in una rassegna dedicata. L’idea si deve a Maurizio Potocnik, il “regista” della rifondazione di “Intavolando”, sodalizio composto da dieci chef ristoratori che ha come obiettivo la valorizzazione della cucina tradizionale espressione di identità e cultura nelle terre che si estendono tra il Piave, il Montello, l’Asolano e le colline del Prosecco Superiore.

I finferli meritano un posto di rilievo sulle tavole autunnali. Intanto per la vastità della famiglia delle Cantharellacee che annovera diversi “figli”: il più noto Cantharellus Cibarius o galletto giallo-oro, il Cantharellus Cornucopieides o trombette del morto di colore grigio scuro e il Cantharellus lutescens detto anche finferla o finferlo cadorino, distinti dal fine gambo giallo e testa marrone. “Funghi buonissimi, mai abbastanza celebrati, quasi “d’umiltà monastica” rispetto ai più famosi porcini o ai montelliani chiodini”, dice Potocnik, “La sfida di dedicargli un primo piano è stata raccolta dal gruppo Intavolando con grande entusiasmo e in linea, se vogliamo, con il periodo che stiamo vivendo, segnato dalla crisi energetica. Ossia meno forma e più contenuti. E i contenuti, uniti a tecnica, passione ed esperienza si vedranno nelle cinque serate a tema che vedono impegnati tutti gli chef e tutte le brigate di cucina dei dieci ristoratori”.

Apre la sfilata di “Finferli”, giovedì 3 novembre, il ristorante Da Ugo di Bigolino (Valdobbiadene): condotto da Edoardo Agostinetto e dalla moglie Sabrina, ospiterà la visione di cucina di Alberto Cristante della Locanda la Candola di Farra di Soligo. Mercoledì 9 si scende verso il Piave: Al Traghetto di Roncadelle di Ormelle, uno dei ristoranti di Tino Vettorello, ospiterà la storica cucina della Locanda da Condo di Col San Martino, gestita da Enrico Canel e Beatrice De Mori. Mercoledì 16 novembre incroceranno mestoli e cucchiai l’hotel ristorante Da Tullio di Arfanta, dei fratelli Roberto e Nadia Pilat con il ristorante Osteria Jodo di Maser, guidata da Marco Bonotto e dalla moglie Monica. Mercoledì 23 la cornice sarà quella di Rolle (Cison di Valmarino), borgo in cui Alberto Resera e la moglie Anna sono i “signori” del ristorante Andreetta. Accoglieranno Livio De Stefani, chef patron della Pergola di Saccol (Valdobbiadene). L’incontro finale si gioca in terra bellunese: giovedì 1° dicembre, la Locanda Solagna di Quero, del giovane Andrea Riboni, si confronta con La Cucina di Crema di Giavera del Montello, “regno” di Valter Crema e della moglie Sonia.

Il calendario di “Finferli” chiude il primo anno di eventi promossi da “Intavolando”, segnato da appuntamenti di grande successo. Protagonisti dieci ristoratori che hanno saputo interpretare e valorizzare il territorio, le sue stagioni, i prodotti, i vini, i distillati e i sapori condividendo con il pubblico la cultura dello star bene a tavola. Il costo delle cene-evento è di 60 Euro a persona, compresi i vini (le prenotazioni si effettuano chiamando i ristoranti). Informazioni e menù nei social facebook, Instagram di Intavolando e nel sito ufficiale www.intavolando.it.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi