Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

La donna che sussurrava ai pescatori

Sulla strada che porta al mare di Caorle c’è un luogo forse poco noto ai più, dove il pesce da cinquant’anni è un’ esperienza enogastronomica di qualità superiore. La mano e la mente sono di Tiziano Brichese. E poi ci sono i segreti, di sua moglie Barbara.
Photo credits: coseagency

Quando il successo non è gridato. Quando la qualità e l'esperienza enogastronomica sono eccellenti eppure sono come nascosti e quasi custoditi in questa cucina e tra questi tavoli, come se “osare dire” fosse troppo o non fosse opportuno. La famiglia alla guida dell'Eden è così. Tiziano e Barbara, come Riccardo, il figlio, e Leonilde, sua nonna: appassionati quanto riservati, strenuamente dediti a questo luogo quanto testardamente umili.

Ma pane al pane, vino al vino e pesce all'Eden. Perché qui – eredità di una tradizione di quattro generazioni – il pesce è cultura, tanto impegno e passione e nei tavoli restituisce viaggi nel gusto di altissimo livello. Dal cotto al crudo, ispirandosi alle ricette di queste terre e rivisitandole alla ricerca di una cucina che vuole esprimere l'anima degli ingredienti.

“Ogni pesce, ogni pianta, ogni vino – racconta Tiziano – ha una sua anima che deve poter uscire, essere sprigionata e paradossalmente sono gli ingredienti con cui convive che riescono ad esprimerla. Per questo la mia cucina è una cucina che ricerca l'equilibrio, di sapori, profumi e colori. Equilibri da gustare con occhi e palato”.

Parla piano chef Tiziano mentre controlla la cottura di cappesante e canestrelli, uno sguardo fugace alla tartare di tonno, e poi eccolo chino a dosare la salsa Tzatziki e a creare meraviglie con le verdure tagliate a julienne che lui fa danzare nel piatto attorno alle seppie.

E sottovoce parla anche Barbara, sua moglie. Dentro il microfono del cellulare la sentiamo rovesciare domande brevi, rapide e decise: quanto ne hai? Me lo tieni da parte? Il tempo com'è? Dall'altro capo del vecchio filo ci sono i pescatori di Caorle e li immaginiamo con una mano umida nella rete e nell'altra il telefono perennemente a rischio caduta sul pavimento scivoloso della pescheria. Per parafrasare il titolo di un famosissimo romanzo di Nicholas Evans, Barbara è la donna che sussurra ai pescatori. Ogni settimana puntualmente all'alba li raggiunge nella pescheria di Caorle e lì si aggira solitaria tra le cassette del pescato. Barbara osserva, sfiora, annusa. E poi fa cenni, si avvicina, si apparta, chiede, indaga, discute. E quando i pescatori escono in mare Barbara chiama o si fa chiamare per sapere prima e presto cosa il mare regalerà quel giorno. Meraviglia (segreta) di Eden.

https://www.instagram.com/ristorante.eden

https://www.facebook.com/ristorante.eden.bar?locale=it_IT

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Redazione Turismo

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi