Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

La Viarte protagonista al ProWein Düsseldorf, dal 10 al 14 Marzo

La Viarte sceglie ProWein per presentare il nuovo percorso produttivo. La Cantina di Prepotto (UD), di proprietà della famiglia Polegato, a Düsseldorf svelerà agli operatori del settore la nuova veste grafica che identifica tutte le proprie produzioni. In particolare, a ProWein La Viarte sarà presente con le proprie linee Classiche, referenze selezionate per la loro capacità di fare da “ponte” sui mercati internazionali.
Photo credits: da SX Giorgia, Luana e Riccardo Polegato – fonte ufficio stampa Zetagroup

L'azienda dei Colli Orientali del Friuli sta vivendo, infatti, un periodo di rinnovamento, mantenendosi però nel solco della tradizione e di una qualità innegabile:

“Stiamo lavorando per dare all'azienda un'identità nuova che possa esprimere ancor meglio le radici di questa realtà e tutte le sue potenzialità – spiega l'Amministratore Delegato Riccardo Polegato – Il nostro obiettivo è portare La Viarte tra le dieci aziende più blasonate del Collio Orientale grazie ad un percorso di crescita che perseguiamo con grande entusiasmo e passione. “Redefine Wine” è il motto che meglio rappresenta questo nuovo percorso e l'apertura verso i mercati internazionali è uno dei punti su cui intendiamo lavorare. Un concetto che abbiamo scelto di evidenziare anche nella nuova veste grafica, dove l'immagine di una porta aperta rappresenta il significato della parola “viarte” che, in friulano, significa primavera e apertura, intesa come accoglienza, trasparenza e apertura verso l'esterno”.

In particolare, a ProWein La Viarte porterà i propri vini classici, bianchi e rossi. La collezione dei Bianchi Classici si compone di 4 vini autoctoni dei Colli Orientali del Friuli: Friulano, Sauvignon, Chardonnay e Pinot Grigio, vini con caratteristiche differenti, studiati per offrire sempre un'esperienza autentica e unica.

A questi si affianca la collezione dei Rossi Classici, che racchiude tutta la ricchezza e il carattere di queste terre, grazie a referenze indissolubilmente legate ai Colli Orientali del Friuli: Schioppettino, Tazzelenghe, Merlot e Cabernet Sauvignon.

Vini che raccontano come il percorso intrapreso dalla famiglia Polegato non stravolgerà l'essenza de La Viarte: “Il nuovo cammino che abbiamo imboccato persegue unicamente il desiderio di esprimere prodotti unici e di standard altissimi – conclude Riccardo Polegato – La produzione totale rimarrà pressoché identica a quella delle annate passate e la qualità sarà sempre al centro del nostro progetto, così come la valorizzazione dei vitigni autoctoni, veri ambasciatori dell'enologia friulana.”

Prepotto si estende lungo la Valle dello Judrio, fiume a carattere torrentizio che, per un lungo tratto, segna il confine con la Slovenia. Su una di queste colline ha sede La Viarte, circondata dai vigneti a quasi 200 m di altitudine. Qui l'escursione termica e i venti freschi di Bora provenienti dai Balcani favoriscono la salute delle piante e il corredo aromatico delle uve. La Viarte nel tempo ha mantenuto intatta la biodiversità del territorio circostante grazie ai 13 ettari di bosco che circondano la cantina ed i 24 ettari di vigneto a corpo unico.

LA VIARTE WINES Via Novacuzzo, 51 – 33040 Prepotto (UD)

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi