Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Lo chef stellato Paolo Griffa a Eataly Torino Lingotto

Giovedì 18 luglio lo chef del Paolo Griffa al Caffè Nazionale sarà protagonista di una cena unica in Terrazza.

L'estate in Terrazza di Eataly Lingotto prosegue con un appuntamento speciale: giovedì 18 luglio alle ore 20 ospite d'eccezione sarà Paolo Griffa, del Paolo Griffa al Caffè , 1 stella Michelin ad Aosta. Sarà l'occasione per vivere un'esperienza di gusto a cura di una delle figure più promettenti della gastronomia italiana di oggi, immersi nel fresco verde dello spazio al primo piano di Eataly.

La cucina di Griffa è un insieme di attenzione ai dettagli, creatività e gioco che vanno in scena all'interno del Paolo Griffa al Caffè Nazionale, nel cuore del centro storico di Aosta: una cucina narrativa e golosa che propone una nuova esperienza dei sensi attraverso la cura e lo studio delle materie prime, la ricerca dell'equilibrio e la sperimentazione ludica.

La serata speciale a Eataly sarà l'occasione per assaggiare un menu pensato per raccontare con quattro portate l'idea di cucina di stagione dello chef.

Si inizia con una tartare di cervo e papaveri, presentata in modo originale: un piatto bianco con una cornice centrale con una tavolozza di colori edibili, un bicchiere con pennelli di patate di montagna affumicate e fritte e un tubetto di tempera contenente una salsa a sorpresa. Gli estratti naturali dei colori includono il viola dalle violette, il nero da fermentazioni, ossidazioni e carbone, il verde dalla clorofilla e il giallo da noce moscata e uova. Il commensale è invitato a dipingere il piatto prima di gustarlo, trasformando l'esperienza in un'opera d'arte edibile totalmente personale.
La cena prosegue con un Omaggio a Escher: un raviolo aperto ispirato alle opere dell'artista olandese, con un disegno che cambia a seconda di dove cade l'occhio. La pasta è colorata con verde clorofilla, rosa barbabietola, nero carbone e giallo uovo. Il raviolo copre un ragù di cortile sfumato al vermouth e la percezione ingannevole del disegno geometrico crea un'esperienza visiva e gustativa unica.
A seguire, ecco il filetto di storione alla mugnaia e levistico, proposto con un contorno di verdure di stagione, accuratamente selezionate e preparate per esaltare i sapori del pesce e la freschezza degli ingredienti. La presentazione elegante e l'equilibrio dei sapori rendono questo piatto un'interpretazione raffinata e personale di una ricetta della cucina tradizionale.
Si conclude in dolcezza con il babà alle erbe di montagna, un grande classico della pasticceria rivisitato da chef Griffa. La soffice e leggera è bagnata in un liquore aromatico a base di erbe alpine, che aggiunge profondità e complessità al sapore. Il babà viene così servito con una crema di accompagnamento che bilancia dolcezza e freschezza, completando l'esperienza culinaria con un tocco di originalità, ma sempre nel rispetto per la tradizione.

I vini in abbinamento arrivano direttamente dalla cantina del Paolo Griffa al Caffè Nazionale, che conta oltre 1000 etichette e 3000 bottiglie. Per la cena a Eataly Lingotto la scelta è caduta su tre proposte che raccontano il territorio valdostano: il Montmery Rosè di Grosjean, azienda di tradizione famigliare che da generazioni pratica viticoltura eroica, il Petite Arvine 2023 di Feudo San Maurizio, vino che prende il nome dalla varietà Arvine e dalla piccola taglia (petite in francese) dei suoi acini e il Noble Pierre 2021 di La Toula, del giovane vigneron Jil della zona di Arvier, dedita alla viticoltura di montagna.

La cena ha un costo di 100 € a persona e si può acquistare online.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Eataly Torino Lingotto

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi