Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Lo ION Harbour di Valletta ottiene la seconda stella Michelin

Per la prima volta un ristorante maltese riceve due stelle Michelin: la storica Guida Michelin, che per oltre 120 anni ha premiato i migliori ristoranti al mondo, ha presentato ufficialmente la quinta edizione della Guida dedicata all’arcipelago di Malta.
Photo credits: fonte ufficio stampa Open Mind Consulting

Con l'edizione 2024 per la prima volta un ristorante di Malta ottiene la seconda stella che viene aggiudicata allo ION Harbour di Valletta, guidato dallo Simon Rogan.

Tra i locali a meritare una stella, inoltre, si aggiunge la novità del ristorante Rosamì a St. Julian's, affacciato sulla caratteristica Spinola Bay, una località molto apprezzata per l'offerta gastronomica e per la piacevole vista sul mare. Il Rosamì va così ad affiancare gli altri stellati già presenti a Malta: il Noni e l'Under Grain di Valletta, il De Mondion a Mdina, il Bahia a Balzan e il Fernandõ Gastrotheque.

Inoltre, il ristorante AYU, situato di fronte all'Isola di Manoel, è stato inserito per la prima volta nella sezione BIB Gourmand e cinque nuovi ristoranti sono stati inclusi tra le raccomandazioni della Guida Michelin: Terroir Ħ'Attard, One80, Kaiseki Valletta a Malta, Level Nine by Oliver Glowing a Mġarr Harbour e Al Sale a Xagħra, entrambi a Gozo. Il numero totale di ristoranti premiati nella guida sale così a 40.

La recente evoluzione delle proposte legate al di Malta, descrive un percorso che racconta una trasformazione globale dell'hospitality maltese, con un grado di raffinatezza in continua evoluzione, che tenta costantemente di innalzare l'asticella del servizio e della qualità.

Malta vanta una tradizione gastronomica legata al territorio, frutto di una commistione di sapori che raccontano di una storia millenaria e dell'incontro di una grande quantità di popolazioni che si sono incontrate sulle isole dell'arcipelago.

I sapori maltesi si basano sui prodotti tipici del bacino mediterraneo, che qui vengono raccolti, lavorati e serviti entro pochi chilometri per garantirne il gusto e la freschezza. I ristoratori che si dedicano al fine dining utilizzano e sfruttano questo potenziale, rielaborando la tradizione in una versione contemporanea e cogliendo ogni profitto dalla straordinaria posizione geografica di Malta e dal suo clima, che consente di avere a portata di mano sapori ricchi ed intensi.

Naturalmente i visitatori possono scegliere di provare ogni tipo di proposta: a partire dagli spuntini della tradizione contadina come il pane spalmato di bigilla una speciale salsa cremosa di fagioli, passando per lo street food economico, ma saporito, quali sono i pastizzi, fino a menù completi che raccontano le usanze dell'isola come la fenkata, un'intera sequenza di piatti a base di coniglio e che si può assaggiare nelle tipiche trattorie maltesi.

Tra le specialità imperdibili anche la ftira, il pane locale diventato patrimonio immateriale dell'Unesco, croccante fuori e soffice all'interno che viene servito anche farcito di tante specialità come il tonno e i capperi a chilometri zero.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi