Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Lo Sfincione per Gioacchino Gargano: L’autentica pizza siciliana, tipica delle feste di Natale

Il pizzaiolo e patron di Saccharum, pizzeria ad Altavilla Milicia recentemente premiata con i tre spicchi del Gambero Rosso, in occasione delle festività natalizie propone un viaggio tra i sapori dell’autentica pizza tradizionale siciliana e condivide la sua ricetta dello sfincione bianco bagherese.
Photo credits: fonte ufficio stampa Sagona Partners

Rosso o bianco che sia, lo sfincione in segna una linea precisa che è quella della costa che da si allunga verso le zone limitrofe di Bagheria, Casteldaccia ed Altavilla ma in che in forme e versioni diverse arriva fino a e Sciacca.

Lo sfincione è la pizza tradizionale che veniva preparata, e tuttora viene preparata per tutto il mese di dicembre da tantissime famiglie. Oggi è più comune acquistarlo al forno e lo si trova praticamente tutto l'anno, ma il periodo in cui le vie dei paesi e le cucine delle case iniziano a profumare di sfincione è il mese delle festività natalizie. Ogni famiglia ha la sua ricetta, i suoi segreti e le sue tradizioni in fatto di sfincione e come ogni prodotto tipico che si rispetti è altamente divisivo.

C'è chi preferisce la sua versione palermitana rossa, con pomodoro, cipolla, acciuga, caciocavallo, origano e pangrattato e chi non resiste alla delicata versione bianca diffusa tra Bagheria ed Altavilla, che prevede la sostituzione del pomodoro con tuma o ricotta.

Gioacchino Gargano, pizzaiolo e patron di Saccharum, recentemente premiato con i tre spicchi del Gambero Rosso, ha attentamente studiato ricette e tradizioni della Sicilia occidentale. L'obiettivo è quello di mettere a punto una degustazione che possa offrire una panoramica completa non solo delle differenti versione di sfincione, ma anche di rianata e tabbisca, altre tipologie di pizze tradizionali diffuse a Trapani e a Sciacca.

“Ho voluto dedicare una parte del menù alle pizze tradizionali perché prima di ogni ricerca ed evoluzione è sempre importante aver ben chiaro da dove si parte – racconta Gioacchino Gargano – per me la pizza siciliana è lo sfincione. Non c'è Natale senza sfincione, è un piatto identitario. Ricordo perfettamente il profumo di legno di ulivo, forno a legna, origano e olio bruciacchiato che invadeva le vie del paese per la notte dell'Immacolata, che la notte tra il sette e l'otto dicembre da il via alle festività del Natale e alle grandi tavolate, dove lo sfincione è sempre presente. In pizzeria io ne faccio una mia versione personale, un po' diversa da quella che si può mangiare al panificio o per strada, il mio vuole essere un omaggio alla pizza della tradizione con cui sono cresciuto non una copia fedele.”

La speciale sezione del menù di Saccharum che ha come protagonista la tradizione è un viaggio che comprende: una versione di sfincione con impasto di farina evolutiva, lo sfincione bagherese, lo sfincione palermitano, la focaccia messinese, la rianata trapanese e la tabbisca di Sciacca.

“Personalmente trovo che la versione bagherese, con i due formaggi tipici della nostra tradizione la ricotta e la tuma, sia eccezionale – aggiunge lo – perché è una preparazione gustosissima ma molto delicata. Io aggiungo un pizzico di cannella insieme all'origano, un ingrediente che non tutti usano, è un segreto che mi ha tramandato mia nonna e trovo che sia giusto mantenere questa tradizione.”

E per chi volesse provare a farlo in casa ecco i consigli e la ricetta per uno sfincione bagherese d'autore.

La ricetta dello sfincione bianco bagherese, di Gioacchino Gargano

INGREDIENTI per 4 persone

IMPASTO

  • Farina 0 kg 800
  • Farina di grano duro 200g
  • lievito di birra (20 grammi) oppure lievito madre maturo pronto per panificare 200g
  • 650g acqua
  • 25g sale
  • 20 g olio di oliva extravergine

FARCITURA

  • 1kg di cipolla bianca meglio se scalogno
  • 1/2 kg tuma
  • 250g acciuga dì aspra
  • 1/2 kg ricotta di pecora
  • 500g mollica fresca
  • Origano cannella

PROCEDIMENTO

Iniziate setacciando le farine, e procedendo ad impastare aggiungendo poco a poco l'acqua calda dove avrete sciolto il lievito di birra, aggiungere il sale e la restante acqua e continuare ad impastare aggiungendo anche l'olio. Quando l'impasto sarà perfettamente omogeneo lasciatelo riposare per almeno 2 ore al caldo, aiutandovi con delle coperte. Se avete usato il lievito di birra basteranno due ore, aspettate invece fino al raddoppiamento del volume dell'impasto (fino a 48 ore) se avete usato il lievito madre.

Scaldate in casseruola un paio di cucchiai di olio e fate sciogliere qualche filetto di acciughe, mettete la cipolla tagliata a fette non troppo sottili e fate stufare, quando sarà molto morbida e ben cotta spegnete il fuoco.

Stendete bene l'impasto su una teglia da sfincione con i bordi alti e procedete per prima cosa con le acciughe, fatele a piccoli pezzi e poggiatele sulla pasta cruda con una leggera pressione del dito. Poi cospargete tutto con le cipolle stufate, seguite poi con i pezzetti di tuma e la ricotta a cucchiaiate, cospargete tutto con origano, pangrattato, un pizzico di cannella e un giro di olio extra vergine d'oliva e mettere in forno a 220 gradi per 50 minuti.

Saccharum, la pizzeria d'eccellenza a pochi kilometri da Palermo

La pizzeria Saccharum, aperta nel 2019, si è fatta velocemente strada tra le migliori pizzerie siciliane e il suo nome è un omaggio ad un'antica coltura del territorio ormai scomparsa: la canna da zucchero.

La cucina propone, oltre alla classica pizza tonda, anche l'innovativa Spick&Crock, croccante pizza al padellino ottenuta da un blend di farine non raffinate e lievitata per 24 ore, da accompagnare ad un'interessante selezioni di fritti, chips e antipasti del territorio.

Le pizze, cotte rigorosamente in forno a legna, sono un ottimo compromesso tra lo stile napoletano, soffice ed arioso, e quello italiano, croccante.

“La mia pizza non è né campana, né romana, né diversamente napoletana, è il risultato dei miei studi, corsi, esperimenti e prove ed è semplicemente mia – racconta Gioacchino Gargano, pizzaiolo e patron della Pizzeria Saccharum – Farine macinate a pietra, lunga lievitazione ed elevata idratazione rendono il mio impasto alveolato, leggero e facilmente digeribile, niente segreti, solo tanto studio e ricerca con l'obiettivo di migliorarsi ogni giorno di più.”

Da segnalare inoltre l'accurata selezione di vini e birre artigianali, il plus in più? D'estate e negli autunni più caldi è possibile cenare nella piacevole terrazza affacciata sul giardino.

Via Marina Della Bruca, 1

Altavilla Milicia (PA)

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi