Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Lo “Spiedo di Natale” da Villa in Franciacorta è servito. E accompagnato da una pregiata selezione di vini, per vivere un’esperienza memorabile

La cultura, la tradizione e il legame con la terra: lo Spiedo di Natale a Villa Franciacorta racconta sempre una storia unica. Torna anche per il 2022 il tradizionale evento natalizio organizzato, da più di vent’anni, dall’azienda Villa Franciacorta presso le sue storiche cantine. Un appuntamento tanto atteso con il gusto di una tradizione antica…quella con sua maestà “Lo Spiedo”, il piatto bresciano per eccellenza
Photo credits: by Canio Romaniello

Lo spiedo bresciano, il piatto simbolo della città e dell'intero territorio

A e provincia lo spiedo è considerato il principe dei modi di cottura che dà il nome anche al piatto bresciano, composto da piccola cacciagione di piuma e carne del maiale, nei tagli: lombo, coppa e costine; lombo e coppa vengono arrotolati con foglie di salvia. Come la Maison Villa l'ha riproposto in una festa prenatalizia, nella sua sede di Monticelli Brusati, in Franciacorta, che ama condividere lo Spiedo di Natale nella propria dimora con gli amici di sempre.

La polenta accompagna d'obbligo il piatto, condita dall'intingolo ottenuto durante la cottura dello Spiedo. Ma la bontà, per la delizia dei palati più golosi, sta tutta nella rosolatura lenta di 6-7 ore e, per tutta la durata della cottura, lo spiedo viene mantenuto bagnato e condito da un misto di burro fuso, grasso e sale, e anche quest'anno è stato curato da Emilio Zanola, della Trattoria Castello di Serle (Bs), famoso per essere uno dei migliori interpreti di questo storico piatto, proposto secondo tradizione, seguendo il disciplinare di Denominazione comunale (De.co), approvato nel 2010.

Lo Spiedo è un'arte, un sistema di cottura della carne che esige regole ferree: spennellare la carne con grasso, per evitare che bruci e si secchi, e girare di continuo l'asta sul fuoco per ottenere una cottura uniforme. Un rito che richiede tempo e attenzione. Gli spiedi ruotano in senso circolare e contemporaneamente su se stessi, ricordando il movimento dei pianeti dell'universo. Il risultato è a dir poco eccellente!

L'importanza di questo momento di convivialità è riassunta nelle parole di Roberta Bianchi: “Condividere con gli amici lo Spiedo di Natale è portare avanti la tradizione che mio padre ha fortemente voluto, è non dimenticare mai quanto lui amasse offrire agli ospiti il frutto della sua passione e quanto fosse per lui importante sottolineare come il vero cacciatore debba essere rispettoso della natura e custode della stessa”.

A sublimare le portate, in un -pairing originale ed esclusivo, i vini di Villa Franciacorta. Per Mon Satèn Franciacorta Brut Millesimato 2018 che, con le sue bollicine vellutate che accarezzano morbidamente il palato, regala un'incantevole persistenza gustativa.

“Tutti a tavola”: profumo di spiedo, unico, inimitabile…un trionfo di gusto da non perdere

Per riscaldare gli ospiti è stata servita una ‘minestrina sporca', pastina in brodo di manzo con fegatini di pollo, abbinata a Emozione Franciacorta Brut Millesimato 2018 in formato Magnum: un vino unico, definito “figlio di due annate” perché frutto del 2017, millesimo che produsse poco a causa della gelata, conservando le energie che andarono a sommarsi a quelle del 2018. Un millesimo, quest'ultimo, molto ricco e complesso già sul nascere. Emozione 2018 si presenta brillante, di color giallo paglierino, illuminato da un perlage estremamente fine e di notevole persistenza. Al naso sprigiona eleganti note di frutta gialla fresca, frutta esotica, pasticceria e sentori di zenzero, nettamente percepibili anche in retrogusto. Il perlage è delicato e sottile, a valorizzare la struttura e l'inconfondibile nota sapida.

Poi è arrivato lo Spiedo con polenta – protagonista indiscusso – che ben si sposa con Cuvette Franciacorta Brut Millesimato 2012 e Bianchi Roncalli Sebino IGT Barbera 2015, in un gioco dove ogni commensale prova a studiare quale dei due vini possa aggiudicarsi lo scettro di miglior coprotagonista col piatto principale.

Cuvette è da sempre l'emblema dello Sparkling Menu in cui il Franciacorta di casa Villa Franciacorta viene declinato a tutto pasto essendo in grado di unire una struttura generosa e accattivante a una vivace freschezza e intrigante complessità.

Bianchi Roncalli 2015 è un rosso frutto di un vitigno autoctono, il Barbera, vinificato in purezza; affina 2 anni in barriques e 5 in bottiglia per esprimere al meglio le grandi potenzialità di questo terroir. Caratterizzato da un color rosso rubino intenso di gran classe, Bianchi Roncalli è capace di sorprendere grazie all'inebriante profumo di frutta rossa e spezie dolci.

Si è concluso in dolcezza con panettone e crema allo zabaglione e un finale con Franciacorta Briolette Rosè, un Demi-Sec che nasce dall'unione di Chardonnay e Pinot Nero, in un matrimonio perfetto per un vino esuberante, con riflessi ramati, gradevolmente fruttato. Il naso viene catturato dall'eleganza dei profumi di ribes, ciliegia, lampone e agrumi. Le raffinate bollicine lambiscono le labbra e con garbo sfiorano il palato regalando una piacevole dolcezza e cremosità del gusto.

Una selezione attenta, quella dello Spiedo di Natale 2022, da parte di Villa Franciacorta che sottolinea l'incredibile capacità di questa cantina di dare vita a prodotti molto diversi tra loro, accomunati dall'eccellenza qualitativa.

“Vini differenti che tuttavia comunicano la salda e comune appartenenza a un terroir unico, ingrediente – quest'ultimo – che si conferma il valore assoluto che i nostri vini sono in grado di raccontare”.

Il tradizionale evento natalizio presso le storiche cantine, organizzato dall'azienda franciacortina (fondata dall'indimenticabile Alessandro Bianchi), imperdibile appuntamento per i tanti amici delle Famiglie Bianchi e Pizziol è stata quindi un'anticipazione del Natale con una bella e sentita festa, il cui successo era annunciato, oltre alla solita squisita ospitalità dei padroni di casa. Questo convivio è stata anche l'occasione per una riflessione sull'annata che sta per finire, un'annata che a Villa Franciacorta è stata indubbiamente positiva. Nonostante il clima avverso, la vendemmia si è conclusa al meglio grazie allo studio e gestione del suolo ricco di marne marine e argille limose e selcifero lombardo che danno una forte capacità di trattenere la giusta quantità di acqua e consente un perfetto rifornimento idrico, per cui la qualità dell'uva si è riconfermata eccellente e darà sicuramente grandi soddisfazioni .

L'azienda vinicola: Villa Franciacorta, fraz. Villa, Monticelli Brusati (Brescia), tel. 030.652329 www.villafranciacorta.it.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi