Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

MASI Agricola sbarca nell’Oltrepò Pavese: firmato un contratto preliminare per l’acquisizione della Tenuta “CASA RE”

Futuri sviluppi nello Spumante Metodo Classico.
Photo credits: fonte ufficio stampa Close to Media

Masi Agricola S.p.A. (di seguito “Masi”), società quotata nell'Euronext Growth Milan e tra i leader italiani nella produzione di vini premium, annuncia la firma di un contratto preliminare per acquisire il 100% della Società Agricola Casa Re, di proprietà della famiglia Casati e titolare dell'omonima azienda vitivinicola a Montecalvo Versiggia, nell'Oltrepò Pavese, alle porte di Santa Maria della Versa.

La Tenuta “Casa Re” è composta da 13 ettari vitati a corpo unico, prevalentemente impiantati a Pinot Nero e ubicati in un contesto pedoclimatico e paesaggistico di forte attrattività, nonché svariati fabbricati, a destinazione sia produttiva che ricettiva, e una pregiata villa in stile Liberty.

Il contratto definitivo verrà siglato a gennaio 2024, al termine dello svolgimento di alcuni adempimenti necessari a razionalizzare la morfologia dell'oggetto del deal. Nel frattempo, Masi prenderà in gestione diretta le attività viticole di Casa Re al termine della corrente annata agraria.

Federico Girotto, Amministratore Delegato di Masi, ha dichiarato: “Sbarcare nell'Oltrepò Pavese rappresenta uno “sconfinamento coerente” dal territorio delle Venezie, che sono e restano la nostra area elettiva: abbiamo individuato infatti la complementarità strategica dell'Oltrepò Pavese – emblematico del Metodo Classico italiano – con altre espressioni di un versante spumantistico sempre più significativo nella gamma di etichette del Gruppo Masi, come Canevel a e Conte Federico Bossi Fedrigotti in Trentino, per generare sinergie e creare potenziali aree di crescita”.

Eugenio Casati, patron di Casa Re, ha commentato: “Le capacità imprenditoriali ed umane del Gruppo Masi, che ne fanno un'eccellenza di fama , sapranno valorizzare al meglio la nostra Tenuta in un'ottica di crescita virtuosa ed importante, di cui beneficerà tutto il territorio dell'Oltrepò Pavese”.

L'operazione è stata realizzata attraverso i servizi di consulenza di Colline e Oltre S.p.A, società partecipata da Intesa Sanpaolo e Fondazione Banca del Monte di con lo scopo di realizzare interventi congiunti per il rilancio e la valorizzazione del territorio dell'Oltrepò Pavese.

“L'Oltrepò Pavese rappresenta una grande opportunità di racconto del Made in Italy attraverso le bellezze del territorio e soprattutto la pregevolezza dei suoi vigneti, con particolare attenzione al Pinot Nero. L'operazione nata tra Masi e Casa Re rappresenta un ulteriore importante tassello del programma di supporto al territorio che la società Colline e Oltre sta promuovendo in sinergia con la Direzione Agribusiness, centro di eccellenza di Intesa Sanpaolo dedicato all'agroalimentare italiano” ha rilevato Matteo Casagrande Paladini, Direttore Generale di Colline e Oltre.

Masi si è avvalsa dell'assistenza professionale dello Studio Alberti Ubini Castagnetti Maggi di , mentre la Famiglia Casati è stata assistita dalla Dott.ssa Stefania Casati.


MASI AGRICOLA
Masi Agricola è un'azienda vitivinicola radicata in Valpolicella Classica che produce e distribuisce vini di pregio ancorati ai valori del territorio delle Venezie. Grazie all'utilizzo di uve e metodi autoctoni, e a una continua attività di ricerca e sperimentazione, Masi è oggi uno dei produttori italiani di vini pregiati più conosciuti al mondo. I suoi vini e in particolare i suoi Amaroni sono pluripremiati dalla critica internazionale. Il modello imprenditoriale del Gruppo coniuga l'alta qualità e l'efficienza con l'attualizzazione di valori e tradizioni del proprio territorio. Il tutto in una visione che porta Masi a contraddistinguersi non solo per il core business, ma anche per la realizzazione di progetti di sperimentazione e ricerca in ambito agricolo e vitivinicolo, per la valorizzazione e la promozione del territorio e del patrimonio culturale delle Venezie. Il Gruppo può contare su una forte vocazione internazionale: è presente in circa 140 Paesi, con una quota di esportazione di circa il 72% del fatturato complessivo. Il Gruppo Masi ha fatturato nel 2022 circa 75 milioni di euro con un EBITDA margin del 18% circa. Masi ha una precisa strategia di crescita che si basa su tre pilastri: crescita organica attraverso il rafforzamento nei tanti mercati dove è già protagonista; allargamento dell'offerta di vini legati ai territori e alle tecniche delle Venezie, anche aggregando altre aziende vitivinicole; raggiungimento di un contatto più diretto con il consumatore finale, dando più pregnanti significati al proprio marchio, internazionalmente riconosciuto.

Nel 2022 Masi ha celebrato la 250° vendemmia della famiglia Boscaini nei pregiati vigneti del “Vaio dei Masi”, valle nel cuore della Valpolicella Classica (1772-2022).

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi