Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Mercato in ripresa: ecco il bilancio di ProWein e le aspettative per Vinitaly di Santa Venere

La trentesima edizione di ProWein 2024, uno dei principali eventi internazionali dedicati ai vini e distillati, si è chiusa il 12 marzo a Düsseldorf. L’Italia ha dimostrato ancora una volta la sua leadership nel settore, con la presenza di 1.198 espositori italiani su un totale di 5.320 registrati.
Photo credits: fonte ufficio stampa

«Durante ProWein – racconta Giuseppe – abbiamo ottenuto risultati significativi, con una grande affluenza di operatori nord europei, americani e giapponesi. Il mercato estero ha mostrato una netta ripresa, con nuovi contatti consolidati e l'acquisizione di un nuovo cliente proveniente dalla Thailandia». A dirlo è Giuseppe Scala, alla guida, insieme al fratello Francesco, della cantina calabrese Santa Venere. Nonostante un 2023 che si era chiuso in ribasso, il nuovo anno ha portato a Santa Venere una riattivazione del mercato. La ripresa è attribuita al calo dei prezzi, all'esaurimento delle scorte da parte degli importatori dell'annata precedente e quindi alla ripresa delle vendite con la nuova annata 2023.

La trentesima edizione di ProWein 2024, uno dei principali eventi internazionali dedicati ai vini e distillati, si è chiusa il 12 marzo a Düsseldorf. L'Italia ha dimostrato ancora una volta la sua leadership nel settore, con la presenza di 1.198 espositori italiani su un totale di 5.320 registrati.

In questo contesto, il territorio calabrese si pone come un esempio virtuoso di come valorizzare la propria offerta vinicola. Tra gli espositori calabresi, spiccava la presenza di Santa Venere, azienda agricola biologica che si estende su circa 154 ettari nelle colline dell'antica terra di Cirò, un piccolo paese in provincia di dalle radici antichissime, ricco di storia e cultura millenaria.

Santa Venere ha portato in non solo la sua gamma di vini di qualità, ma anche il suo impegno verso la valorizzazione del territorio e delle tradizioni locali. Situata in una delle zone vitivinicole più antiche e prestigiose d'Italia, l'azienda si pone il grande obiettivo di far sì che l'autoctono calabrese venga conosciuto e, soprattutto, apprezzato in tutto il mondo per esaltare la propria terra.

Tra qualche settimana, sarà la volta del Vinitaly, la kermesse del vino italiano in scena a : «Guardando al mercato italiano, sta riprendendo slancio con la stagione che prenderà veramente il via da aprile in poi – continua Giuseppe Scala –. Ci apprestiamo a distribuire le nuove annate ai clienti consolidati e ci stiamo preparando con entusiasmo per il prossimo Vinitaly. Nonostante i nostri successi internazionali, ci rendiamo conto che il mercato presenta ancora delle sfide, che affrontiamo con determinazione. Abbiamo l'obiettivo di consolidare la nostra presenza e ampliare la distribuzione nelle principali città italiane, dove già godiamo di una buona reputazione. Sono fiducioso che il prossimo Vinitaly sarà un successo, considerando i risultati ottenuti nelle fiere precedenti».

Tra i vini più apprezzati a Düsseldorf, e che sicuramente avrà successo anche a Verona, si distingue lo Zibibbo Calamacca, ultima creazione della cantina, che nonostante faccia parte della fascia alta, ha conquistato il mercato americano. Distribuito a Miami e in altri tre Stati degli Usa – Maryland, Washington e Virginia – Calamacca ha generato un grande interesse grazie alla sua storia e al suo profumo raffinato. Allo stesso modo, il successo del Cirò nella fascia media testimonia la capacità di Santa Venere di offrire un rapporto qualità/prezzo imbattibile e di affermarsi con successo nei mercati internazionali.

In foto: La ProWein a Düsseldorf

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi