Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Mese Internazionale della Dieta Mediterranea. Dieta smart, spuntino smart

Il ruolo della Dieta Mediterranea, delle mandorle e l’importanza dei polifenoli per la salute cognitiva.
Photo credits: fonte ufficio stampa Omnicom PR Group

Popolare in tutto il mondo per le sue proprietà salutari – soprattutto nel campo della gestione del peso, del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari – per la sua semplicità, e il suo equilibrio, che nasce da una combinazione di alimenti naturali, di origine vegetale e piacevoli al gusto, la Mediterranea continua ad essere di grande interesse per nutrizionisti e professionisti della salute, i cui studi ne evidenziano sempre nuove potenzialità nei più diversi ambiti.

Così, mentre U.S. News & World Report, un'autorità nel campo delle classifiche dedicate al benessere, ha recentemente assegnato alla Dieta Mediterranea (per il settimo anno consecutivo) il titolo di Migliore Dieta, una ricerca appena pubblicata su Molecular Nutrition & Research presenta nuove evidenze su come questo regime alimentare possa supportare la salute cognitiva.

I ricercatori hanno scoperto che seguire la Dieta Mediterranea, ricca di polifenoli – composti vegetali presenti in natura e potenti antiossidanti che possono sostenere la salute umana – ha portato a migliori punteggi cognitivi complessivi in una popolazione anziana a rischio di malattie cardiovascolari.

Questo modello alimentare a base vegetale, infatti, è caratterizzato da un elevato consumo di frutta, verdura, frutta a guscio come le mandorle e olio extravergine di oliva, alimenti ricchi di polifenoli e preziosa fonte di grassi sani, tra cui gli acidi grassi vegetali omega-3, come l'acido alfa-linolenico, che si ritiene abbia un ruolo importante nel ridurre il declino cognitivo.

“La Dieta Mediterranea è un modello alimentare equilibrato e sano, con una forte attenzione agli alimenti naturali come i cereali integrali, la frutta fresca, la frutta a guscio come le mandorle, la verdura e l'olio extravergine di oliva. Numerose ricerche confermano i suoi numerosi benefici per la salute e questo nuovo studio, che fa parte dello storico PREDIMED, si rivela molto interessante, anche vista l'importanza di trovare nuovi modi per garantire la salute cognitiva in una popolazione mondiale che invecchia – ha affermato la dietista Ambra Morelli – Le mandorle, e la frutta a guscio in generale, sono una parte fondamentale della Dieta Mediterranea tradizionale e rappresentano uno spuntino intelligente dai molteplici benefici. Sono una fonte ricca di polifenoli e apportano altri nutrienti potenzialmente capaci di ridurre l'infiammazione e lo stress ossidativo, entrambi legati alla disfunzione cognitiva nel processo di invecchiamento”.

“Le diete troppo restrittive sono facilmente fonte di insoddisfazione e non ci insegnano a mangiare nel modo giusto per rimanere in salute e avere l'energia necessaria per vivere pienamente la nostra vita. La Dieta Mediterranea, al contrario, è uno stile di vita piuttosto che un piano alimentare. L'accento è posto più su cosa mangiare che su cosa non mangiare. Tuttavia, si basa su solidi concetti nutrizionali, include l'attività fisica e riconosce che l'alimentazione è molto più che nutrienti e calorie. Il cibo dovrebbe essere anche un'occasione per stare insieme, celebrare la cultura del buon gusto, godere anche delle piccole cose della vita. Questa è l'essenza della Dieta Mediterranea e le mandorle sono, in un certo senso, una perfetta rappresentazione di questa idea: un alimento che dà energia, sano ma gustoso, pieno di bontà naturale” ha concluso Morelli.

Una porzione da 30 g di mandorle – una manciata da circa 23 mandorle – fornisce 4 g di fibre e 15 nutrienti essenziali, tra cui 81 mg di magnesio, 220 mg di potassio e 7,7 mg di vitamina E antiossidante (il 60% della quantità giornaliera raccomandata), che può aiutare a proteggere le cellule dallo stress ossidativo causato da inquinamento, raggi UV del sole, fumo di sigaretta e altri fattori ambientali.

ALMOND BOARD OF CALIFORNIA

Le mandorle della California rendono la vita migliore, anche per come vengono coltivate. L'Almond Board of California promuove mandorle naturali, salutari e di qualità attraverso la leadership nello sviluppo strategico del mercato, nella ricerca innovativa e nella pronta adozione delle best practice del settore per conto degli oltre 7.600 coltivatori e trasformatori di mandorle in California, molti dei quali sono coltivatori da generazioni. Fondato nel 1950 e con sede a Modesto, in California, l'Almond Board of California è un Federal Marketing Order senza scopo di lucro promosso dai coltivatori che opera sotto la supervisione del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. Per maggiori informazioni su Almond Board of California e sulle mandorle visita il sito Almonds.it o seguici su Facebook, Twitter, Instagram e California Almonds blog.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi