Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Miglior Giovane delle Venezie: Giannitessari premia Matthias Kirchler

L’azienda di Roncà riconferma il suo sostegno ai giovani talenti del Triveneto assegnando il riconoscimento al cuoco del ristorante gourmet Lunaris 1964 di Bolzano.

Mercoledì 15 novembre al CUOA Business School di Altavilla Vicentina (), durante la presentazione della guida Venezie a Tavola 2024 del critico gastronomico e giornalista Luigi Costa, Giannitessari – azienda vitivinicola di Roncà () – ha consegnato il premio Giovane delle Venezie allo altoatesino Matthias Kirchler.

Matteo Franchetto, responsabile commerciale dell'azienda vitivinicola di Roncà (Verona), ha omaggiato con una jéroboam di Due Bianco IGT il cuoco responsabile del ristorante Lunaris 1964 di Bolzano.

Classe 1993, cresciuto in Valle Aurina a Rio Bianco, Matthias Kirchler coltiva fin da giovanissimo la passione per la cucina, aiutando i genitori nella gestione del loro rifugio alpino. Dopo il diploma all'Istituto Alberghiero Emma Hellenstainer, nel 2014 inizia la sua carriera all'hotel Linderhof di Cadipietra (Bolzano), dove rimane per tre anni. Collezionate diverse esperienze in ristoranti tra Südtirol e Austria, nel 2018 Matthias ritorna al Linderhof, nel frattempo diventato Lunaris Wellnessresort. Qui dà vita al ristorante più a nord d'Italia, il Lunaris 1964, facendosi riconoscere per una cucina capace di esaltare pienamente i sapori tipici della Valle Aurina, all'insegna dello sposalizio tra selvaggina, erbe aromatiche, funghi, licheni e ortaggi.

“È un grande piacere premiare un talento come Matthias Kirchler – dichiara Matteo Franchetto – Le sue proposte culinarie esaltano con raffinatezza e precisione le materie prime della Valle Aurina, con risultati capaci di arrivare al cuore del cliente. È un approccio condiviso con la nostra realtà, da dieci anni impegnata a offrire la personale e migliore interpretazione delle tre denominazioni in cui opera: Lessini Durello, Soave e Colli Berici”.

Il Due Veneto Bianco IGT consegnato al giovane chef è un blend di uve garganega, durella e pinot grigio, risultato di un lungo studio alla ricerca dell'assemblaggio perfetto. Due è caratterizzato da un brillante giallo paglierino, un naso intenso e aromi di frutta tropicale come ananas, lime e pompelmo, accompagnati da leggere note floreali e di sambuco. In bocca è ricco, con un finale particolarmente persistente.

Da quattordici edizioni la guida Venezie a Tavola persegue l'obiettivo di scovare e recensire, provincia per provincia, tutto il buono delle Venezie: dall'Alto Adige al Trentino, dal Veneto al Friuli, dalla Giulia all'Istria. L'edizione 2024 ha recensito un totale di 225 ristoranti, 30 pizzerie, 20 vini e 14 prodotti gastronomici capaci di interpretare e valorizzari i sapori dei propri territori.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Michele Bertuzzo

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi