Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Nasce in Toscana il paniere digitale degli chef

Da Typiqo, la start up “local to local” fondata a Pontassieve da due fratelli anglofiorentini, un food service rivoluzionario che mette in contatto diretto chef toscani e piccoli produttori di eccellenze locali. Il servizio copre tutta la Toscana e ha negli chef di alta gamma l’interlocutore naturale.
Photo credits: fonte ali comunicazione

Sarà come prendere il paniere e andare al mercato rionale a fare la spesa per il menu del giorno. Ma stavolta basterà un click, l'origine del prodotto sarà sempre garantita e tracciabile e tutto sarà consegnato in giornata direttamente a domicilio, cioè alla porta del ristorante.

È il nuovo servizio “sartoriale” offerto da Typiqo – la start up di service innovativo fondata a Pontassieve (Fi) dai fratelli anglofiorentini Alessandro e Antonio Badalamenti a fine 2020 – agli toscani che vogliano approvvigionarsi in tempo reale di prodotti di qualità assoluta provenienti dal territorio regionale.

Il meccanismo è semplice: grazie da un lato a una rete capillare di rapporti commerciali con un numero selezionato e controllato di produttori di eccellenze gastronomiche del territorio e, dall'altro, alla totale digitalizzazione della filiera, Typiqo è in grado di soddisfare senza intermediari le esigenze particolari dello chef. Il quale individua su un catalogo digitale ciò che gli serve, lo ordina on line e se lo fa recapitare da Typiqo; nel caso si tratti di prodotti freschi si attiva il servizio RaccoltoeConsegnato: questi sono fatti raccogliere direttamente “in campo” e consegnati in giornata.

“Un contributo di efficienza, economia e trasparenza in un mondo in cui la ristorazione, sempre più sotto i riflettori, affida spesso la narrazione della cruciale fase dell'approvvigionamento a uno storytelling pubblicitario basato sulle fantasie dell'immaginario collettivo anziché sulla realtà dei food service, le aziende specializzate a cui gli chef si rivolgono per acquistare i prodotti”, spiegano i fratelli Badalamenti. “Un settore in cui la velocità svolge un ruolo chiave: da un lato il ristoratore non ha tempo per andare a scovare i piccoli produttori locali né può permettersi di fare ordini frammentari, mentre dall'altro il produttore locale di eccellenza quasi mai è organizzato per soddisfare le esigenze di puntualità di consegna, di continuità produttiva, di elasticità delle forniture di un ristorante. Pure le imprese di food service, del resto, hanno le loro viscosità: le catene di approvvigionamento sono notevolmente complesse, le materie prime sono spesso sottoposte a profondi processi di trasformazione e viaggiano a lungo prima di essere offerte all'acquirente, mentre il prodotto locale garantisce una qualità organolettica superiore, racconta la storia e la cultura del territorio da cui proviene ed è espressione di un metodo di produzione sostenibile”.

Da profondi conoscitori del settore (uno è chef d'esperienza, l'altro è un consumato manager della logistica dei prodotti alimentari), Antonio e Alessandro hanno subito notato questa lacuna del sistema: nessuno finora offriva prodotti locali garantiti tramite una piattaforma integrata in grado di mettere in contatto diretto ristoratori toscani e produttori toscani di eccellenza, selezionati anche tra i piccolissimi, e costruita in base alle esigenze specifiche del mondo della ristorazione.

Typiqo l'ha creata sciogliendo uno ad uno i nodi che potevano limitarne la funzionalità:

•nessuna intermediazione: Typiqo seleziona personalmente, grazie alle competenze proprie e alla capillare conoscenza del territorio, i produttori, segue i processi di lavorazione per garantire la massima trasparenza del prodotto e le sue origini;

•certezza delle consegne: Typiqo consegna sempre, dal lunedì al sabato e in tutti i giorni festivi tranne 25 dicembre e 1 gennaio;

•professionalità: i commerciali di Typiqo che si interfacciano con gli chef sono chef essi stessi e quindi conoscono le reali esigenze dell'interlocutore, parlano la stessa lingua, sono in grado di dare suggerimenti concreti;

•offerta a 360°: un unico catalogo di prodotti locali selezionati acquistabili in un unico step;

•processo tecnologico innovativo: la piattaforma e il catalogo “dinamico” sono costruiti e continuamente aggiornati in base ai feedback forniti da chef e produttori in materia di facilità di accesso, velocità di gestione, aggiornamento in tempo reale di disponibilità e scadenze, efficienza operativa;

•piattaforma dedicata anche per i produttori: i produttori partner di Typiqo hanno un accesso dedicato, attraverso il quale controllare direttamente la disponibilità dei loro prodotti, le scadenze, etc., restando la supervisione di Typiqo;

•tracciabilità: Typiqo garantisce la tracciabilità di tutti i prodotti in catalogo, che per scelta aziendale sono all'85% locali e al 15% nazionali (per garantire al cliente un ventaglio anche di prodotti non reperibili direttamente sul territorio, ad esempio il Parmigiano Reggiano);

•personalizzazione del servizio: Typiqo è in grado di proporre agli chef toscani offerte personalizzate di prodotti locali in base al tipo di menù, di cucina, di stagione, di stile;

•sostenibilità: il principio “local to local” implica minori trasporti, minore impatto ambientale e minore produzione di rifiuti e, con la sua ricaduta economica sul territorio, contribuisce al progresso sociale ed economico.

Typiqo nasce su zoom al tempo del Covid. Alessandro è rimasto bloccato in Australia per tre anni, Antonio era appena rientrato e via zoom si sono inventati questo business, nato inizialmente come piattaforma prettamente rivolta al privato con consegne a casa durante la pandemia e poi evolutosi nel canale della ristorazione, grazie agli stimoli e alle richieste di chef toscani, soprattutto di alta gamma.

Il nome Typiqo deriva proprio dalla congiunzione tra il concetto di tipicità (quindi ciò che è caratteristico di un territorio specifico) e innovazione (espresso nel modo in cui è scritto Typiqo). Il claim “Quality to your place” sottolinea la qualità del prodotto e la praticità del servizio, con l'obiettivo di ricercare il massimo tra le eccellenze che un territorio può offrire e renderlo disponibile a domicilio secondo le esigenze del mondo della ristorazione.

I NUMERI DI TYPQO

Anno di nascita: fine 2020

Soci: 2

Produttori in catalogo ad oggi: 80

Prodotti in catalogo ad oggi: 500

Kg di prodotti venduti: 17,000kg da gennaio 2023 ad ottobre 2023, con un trend mensile di crescita costante

Ristoratori serviti ad oggi: 60, in crescita di settimana in settimana

Percentuale di crescita: da gennaio 2023 a ottobre 2023 +2.402%

Categorie più vendute: farina, verdure, uova, formaggi, pesce, carne, salumi.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi