Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Nasce Vegâteau, il primo contest plant based dedicato ai pasticceri professionisti

In giuria Emanuele Giorgione chef, docente di FunnyVeg Academy, la prima scuola di cucina 100% vegetale in Italia specializzata in corsi di formazione senza derivati animali.
Photo credits: fonte ufficio stampa FunnyVeg

Si tiene il 26 marzo alle ore 16.00 al Daste di Vegâteau, il primo contest plant based dedicato ai pastry , organizzato da LAV con il cappello di Bergamo- Capitale Italiana della Cultura, in collaborazione con i Consorzi di categoria delle due province e con il patrocinio dei due capoluoghi. Ad aprire la sfida e dare il benvenuto ai partecipanti lo chef Emanuele Giorgione, docente dei corsi professionali alla FunnyVeg Academy (academy.funnyveg.com) di , la prima scuola di cucina 100% vegetale in Italia, dedicata a professionisti e ad appassionati, che per l'occasione mette in palio un corso di formazione del valore di 2.500 euro per il vincitore.

Il dessert che conquisterà il primo posto sarà eletto al fianco del convenzionale Battito simbolo di Bergamo e Brescia Capitali Europee della cultura 2023.

“Da anni, e sempre più fortemente, vedo crescere la necessità di pasticcerie, ristoranti e hotel di arricchire l'offerta con ricette vegetali. Le intolleranze e le allergie a uova e latte sono sempre più diffuse. Il glutine è un'altra discriminante importante. C'è sempre più bisogno di formarsi per una pasticceria inclusiva, che metta a livello del gusto e della bellezza anche l'accessibilità a un pubblico più ampio – spiega chef Emanuele Giorgione, docente del master di specializzazione in pasticceria vegetale – Nei nostri corsi affrontiamo varie tematiche, dalle monoporzioni da vetrina e da ristorazione alla pasticceria da , toccando il mondo dei lievitati dolci e salati e della pasticceria delle feste. Un intero modulo è dedicato poi alla pasticceria wellness e sostenibile, questo perché la digeribilità, la salubrità e il mondo delle intolleranze nei suoi molteplici aspetti non sono una moda e saranno sempre più una necessità specifica se vogliamo soddisfare la crescente domanda dei clienti e allargare le opportunità di business”.

La spinta ad aggiornare la propria offerta con varianti plant based, che vede coinvolto principalmente il mondo della ristorazione, si sta allargando anche alla pasticceria, chiamata ad attrezzarsi per rispondere alle esigenze etiche, salutistiche e ambientaliste dei clienti, attenti alla propria impronta sul pianeta.

Una tendenza confermata dalla scuola di cucina FunnyVeg Academy che ha visto aumentare del 35% l'offerta dei corsi amatoriali e professionali con un calendario ricchissimo, per condividere le potenzialità della cucina vegan e i suoi tanti ambiti di applicazione.

Le iscrizioni al contest Vegâteau devono pervenire entro il 20 marzo all'Associazione LAV agli indirizzi mail: lav.bergamo@lav.it – lav.brescia@lav.it allegando la scheda di iscrizione presente sul sito www.lav.it/sedi/bergamo/vegateau e sono aperte a tutti i pasticceri di Bergamo e Brescia.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi