Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Nomacorc Blue Line, la gamma di chiusure per il vino è la prima al mondo a centrare l’obiettivo “Net Zero Plastic to Nature” di South Pole

Il webinar di venerdì 28 ottobre racconterà come raggiungere questo importante obiettivo
Photo credits: fonte ufficio stampa absitdaily.it

Vinventions è la prima azienda al mondo ad ottenere il riconoscimento “Net Zero Plastic to Nature” di South Pole per la sua gamma di chiusure Nomacorc Blue Line. Questo risultato riflette concretamente la visione perseguita da Vinventions di essere leader della sostenibilità nell'industria vinicola ed è l'ultimo traguardo nel percorso di sostenibilità a lungo termine dell'azienda dedicato alla salvaguardia del nostro pianeta.

Stéphane Vidal, Direttore Generale Europa di Vinventions, ne spiega l'intento: “Riteniamo di avere un ruolo fondamentale nell'applicare i principi dell'economia circolare al nostro settore e nel proteggere l'ambiente dall'inquinamento dovuto alla plastica. Con Nomacorc Blue Line ci siamo posti l'obiettivo “Net Zero Plastic to Nature” in modo da garantire che il bilancio globale della plastica non subisca nessun aumento come conseguenza diretta delle nostre attività. Ciò significa che per ogni tonnellata di plastica utilizzata nelle chiusure Nomacorc Blue Line una quantità equivalente viene rimossa in modo permanente dall'ambiente”.

Abbiamo conseguito questo risultato a seguito di una valutazione esterna di benchmarking sulle migliori pratiche di gestione della plastica riconosciute a livello da South Pole, fornitore leader di soluzioni climatiche e ideatore di progetti e azioni per il clima.

Irene Hofmeijer, Practice Lead Circular Economy di South Pole afferma: “Negli ultimi 2 anni abbiamo collaborato con Vinventions per mappare l'impronta di carbonio della plastica della Nomacorc Blue Line nei rispettivi mercati chiave. Da questa analisi è emerso che la maggior parte dei rifiuti in plastica viene già raccolta dalle infrastrutture esistenti in questi mercati. Abbiamo quindi consigliato di fronteggiare i rifiuti residui attraverso attività di mitigazione, tra cui le iniziative di raccolta delle chiusure Vinventions e ulteriori investimenti in progetti di recupero dei rifiuti in plastica”.

Romain Thomas, Nomacorc Brand Manager di Vinventions, spiega: “Al fine di garantire che una quantità equivalente al 100% della plastica utilizzata per la gamma Blue Line sia gestita correttamente abbiamo investito nell'implementazione di un ecosistema più ampio di attività di raccolta e riciclo nelle comunità con la collaborazione di ‘M. & Mme Recyclage' in Francia”.

“In questo progetto il nostro ruolo è stato quello di creare un collegamento tra Vinventions e la nostra rete di associazioni attive nella pulizia delle spiagge, nel riciclo e nel riuso per organizzare al meglio le operazioni e ottimizzare il loro impatto sull'ambiente” racconta Enzo Muttini, co-fondatore di ‘M. & Mme Recyclage'.

Grazie a queste strategie di mitigazione, per ogni tonnellata di plastica utilizzata dalla gamma Nomacorc Blue Line, una quantità equivalente viene rimossa in modo permanente dall'ambiente. Le azioni concrete di Vinventions per la riduzione della plastica non si fermano qui e rientrano in un progetto più ampio di sostenibilità volto sia a ridurre l'impronta ambientale dell'azienda che ad affrontare l'inquinamento da plastica su scala globale.

WEBINAR

Il raggiungimento dell'obiettivo “Net Zero Plastic to Nature” sarà oggetto di un webinar in data 28 ottobre alle ore 11:00.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Il Web Magazine specializzato nella comunicazione di tutto quanto gira intorno al mondo del food & beverage.
info@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi