Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Più belli i piatti o la vista?

La cena panoramica: dalla sorprendente mise en place allo spettacolo naturale di fronte al tavolo
Photo credits: fonte ufficio stampa www.elladigital.it

Anche l’occhio vuole la sua parte… è un modo di dire conosciuto e condiviso perché armonia e bellezza rendono ogni esperienza più intensa e gratificante. Nell’era dei programmi di cucina e degli star, più che mai, impiattamento e mise en place sono protagonisti insieme alle portate. Perché la cena sia memorabile anche il luogo è fondamentale, soprattutto se offre una vista emozionante. È il caso di ALTO, sofisticato rooftop restaurant dell’Executive Spa Hotel di Fiorano Modenese (MO), regno del talentuoso Chef Mattia Trabetti, che grazie al soffitto a moduli basculanti, mostra il firmamento in tutto il suo splendore, e dalle sue vetrate apre la vista sulle colline appenniniche e sulla suggestiva Basilica della Beata Vergine del Castello di Fiorano. Il territorio è il punto di partenza di un peculiare concetto enogastronomico che dialoga costantemente con i produttori della zona, in un’ottica di comprensione e valorizzazione concepita come presupposto per un’articolazione del gusto di stampo esperienziale. Il ristorante punta a creare un’esperienza totale, coinvolgendo il cliente e raccontandogli il luogo magico in cui si trova, visto con occhio giovane e innovativo (www.executivespahotel.com). In uni piccolo borgo della Franciacorta, nell’abbraccio degli ulivi e circondato da un giardino pensile che si apre a una vista che non ha eguali sul Lago d’Iseo, il Romantik Hotel Relais Mirabella Iseo da quest’anno ospita il rinomato ristorante Da Nadia dello Chef, già stella Michelin, Nadia Vincenzi che propone per cena raffinati piatti di pesce, in un connubio tra i delicati sapori della tradizione romagnola e molisana, sua inconfondibile firma. La cantina del relais è uno scrigno di pregiate bottiglie della Franciacorta, ma anche di etichette nazionali frutto di un meticoloso lavoro di selezione e di continua ricerca, che predilige vini prodotti da artigiani che coltivano uve nel rispetto dell’ambiente (www.romantikhotels.com).

A Riva del Garda (TN), il giovane Executive Chef del ristorante Re della Busa, David Cattoi, si ispira a una filosofia basata sulla ricerca dell’eccellenza, sulla territorialità e sui contrasti. La sua carta è un autentico trionfo del territorio, con piatti che presentano ingredienti prodotti da fornitori accomunati da una filosofia sintetizzabile in una parola: Trentino. Ospitato nel prezioso scrigno del Lido Palace – appena rientrato nella prestigiosa collezione di hotel di lusso Leading Hotels of the Worlds – il ristorante offre una meravigliosa vista sul Lago di Garda, su cui si specchia l’hotel 5 stelle (www.lido-palace.it).

Più che di panorama, al Baglio Occhipinti si parla di immersione totale nella natura. Nella campagna della Val di Noto si cena nel giardino con vista sui monti Iblei, immersi in uno degli orti, oppure a bordo piscina, circondati da un agrumeto di oltre trecento anni, o nell’antico Palmento del 700 o, ancora, si pranza nella vigna o sotto gli alberi di ulivo, assaporando i piatti più gustosi della vera cucina siciliana delle nonne (www.bagliocchipinti.com).

Gli amanti del mare non possono che rimanere estasiati di fronte al panorama che si gode dal ristorante dello storico Hotel Nettuno di Villamarina (FC), dove la spiaggia si srotola davanti agli occhi mentre si gusta un’esperienza gastronomica sorprendente alla scoperta delle specialità del territorio, con prodotti sempre freschissimi delle campagne vicine e del podere La Fattoria, cascinale di fine Ottocento della famiglia Ricci, dove vengono coltivate le uve che danno un vino genuino offerto ai clienti e le olive dal quale viene ricavato l’olio extravergine naturale e gustoso (www.riccihotels.it).

Al profumo di mare anche le cene al ristorante à la carte Aquadulci, dalle grandi vetrate sul giardino che confina con la spiaggia di Su Giudeu, tra le più belle della . Qui l’inquinamento luminoso è totalmente assente, a incorniciare la serata solo le stelle che trapuntano il cielo e il parco con la bellissima piscina. Il ristorante propone le eccellenze isolane: dall’aragosta di Sant’Antioco al prosciutto di Villagrande, dalla bottarga di Cabras ai pomodori Camona di Pula, e ancora le paste fresche tradizionali e la pasticceria, rigorosamente fatte a mano e il pescato del giorno. Come digestivo una camminata a piedi nudi verso il vicino mare (www.aquadulci.com).

È un inno alla meravigliosa natura delle Dolomiti l’Excelsior Dolomites Life Resort di San Viglio di Marebbe (BZ), votato alla più genuina vita di montagna e immerso nel Parco Naturale di Fanes-Sennes-Braies che offre uno spettacolo naturale unico attraverso le immense vetrate del ristorante, coi menu ispirati alle antiche ricette altoatesine e arricchiti da influenze dell’alta cucina mediterranea e (www.myexcelsior.com).

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi