Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Riso Gallo incontra le aziende agricole per la seconda edizione dell’evento Il Riso che Sostiene e del Premio Mario Preve per un’agricoltura sostenibile

L’Azienda leader in sostenibilità ha presentato le nuove attività del progetto Il Riso che Sostiene alla comunità di 181 aziende aderenti.
Photo credits: fonte ufficio stampa

Riso Gallo, azienda leader in sostenibilità, ha incontrato oggi le realtà agricole aderenti al progetto Il Riso che Sostiene per premiare attraverso il Premio Mario Preve per un'Agricoltura Sostenibile 2024 quelle che si sono maggiormente distinte in termini di sostenibilità.

Tra le aziende aderenti alla comunità della Carta del Riso, il Premio per l'Azienda Agricola più Sostenibile è stato assegnato a CERUTTI ALICE di Crova (VC).

L'evento, organizzato per promuovere il valore e i principi della sostenibilità agricola con l'obiettivo di preservare la fertilità del suolo e garantire sempre più elevanti standard di prodotto, ha visto, inoltre, la partecipazione di partner di valore dell'azienda, quali BASF Italia SpA, Deutz Fahr, Syngenta e xFarm Technologies.

UNA SOSTENIBILITÀ REDDITIVA

L'evento è stata, inoltre, un'importante opportunità per esplorare il potenziale che le nuove pratiche di agricoltura conservativa possono rappresentare per le aziende agricole. Il Prof. Vitaliano Fiorillo – Director Agrilab – ha infatti presentato i risultati positivi derivanti dalla loro applicazione, che prevedono quindi una transizione a un sistema alimentare più sostenibile e resiliente e funzionale al miglioramento del capitale terra come primo asset produttivo per le aziende agricole. Questo porta ad approcciarsi all'attività agricola con un nuovo approccio: da produttore di servizi di approvvigionamento a produttore di benefici per le persone e di miglioramento per la biodiversità. Un tema da sempre esplorato da Riso Gallo con l'obiettivo di sensibilizzare le aziende agricole attraverso il progetto della Carta del Riso e il supporto nell'integrazione di nuove pratiche con questo approccio.

LA II EDIZIONE DEL PREMIO MARIO PREVE PER UN'AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Per il secondo anno Riso Gallo ha scelto di assegnare un riconoscimento alle aziende agricole che si sono maggiormente distinte per le best practice sostenibili. Un premio che intrinsecamente costituisce un omaggio a Mario Preve, scomparso lo scorso anno, e alla sua visione imprenditoriale dedita alla sostenibilità lungo tutta la filiera e fortemente legata al territorio.

A concorrere per il Premio Mario Preve per un'Agricoltura Sostenibile 2024 sono state le realtà certificate dal 2019 al 2022 e che rispettano due prerequisiti fondamentali: aver conferito risone a Riso Gallo durante la campagna 2022 di coltivazione e aver sottoscritto la Carta del Riso relativa al 2022. Al punteggio finale e alla graduatoria hanno anche quest'anno diversi parametri, come i requisiti di certificazione FSA, la biodiversità e i progetti innovativi adottati.

Si confermano le 4 categorie del 2023, che quest'anno hanno visto distinguersi: CERUTTI ALICE per il Premio Azienda Agricola più Sostenibile; SOCIETÀ AGRICOLA EREDI DI BALLONE EMILIO S.S. per il Premio Donna in Agricoltura; AN FED AGRI SRL SOCIETÀ AGRICOLA per il Premio Innovazione; MAIRANO ANTONIO per il Premio Biodiversità.

“Crediamo nello sviluppo concreto di una realtà di business volta alla sostenibilità, per questo sentiamo fortemente il dovere di supportare la formazione e accrescere la consapevolezza delle aziende agricole sui benefici ambientali ed agronomici derivanti dall'applicazione di buone pratiche – ha dichiarato Riccardo Preve, Consigliere Delegato di Riso Gallo – La valorizzazione della filiera risicola è per noi di Riso Gallo un obiettivo cardine del lavoro, che in questo premio intitolato a nostro padre trova la sua naturale e perfetta sintesi. Quest'anno, oltre alla celebrazione delle 4 aziende che si sono distinte per le soluzioni che hanno implementato, desidero riconoscere anche il percorso svolto da noi tutti fino a qui, passando da sole 14 aziende agricole aderenti alla Carta del Riso nel 2019 alle 181 di quest'anno. Un segno chiaro dei risultati del nostro impegno e del nostro ruolo di leader e di esempio virtuoso per il mercato”.

LA SOSTENIBILITÀ PER RISO GALLO

Il premio Mario Preve si inserisce all'interno di un percorso dell'azienda volto a promuovere iniziative per un approccio alla sostenibilità sempre più olistico e in grado di generare un impatto concreto.

La lavorazione industriale del riso è già di per sé sostenibile in quanto tutti i sottoprodotti vengono riutilizzati, ma ci sono ancora grandi opportunità di miglioramento, partendo proprio dalle attività in campo.

Dal 2018 l'Azienda ha quindi intrapreso un percorso di sostenibilità con l'obiettivo di coinvolgere le realtà agricole della filiera risicola sotto il progetto Il Riso che Sostiene. A aderirvi e sottoscrivere la carta sono state 181 aziende agricole piemontesi e lombarde, certificate secondo il protocollo FSA (Farm Sustainability Assesment): otto semplici regole, tra cui il divieto di utilizzo di glifosate direttamente sulle colture e di fanghi di depurazione o il consiglio di applicare tecniche agronomiche e soluzioni agro-ambientali che consentono la salvaguardia e la tutela dell'ambiente della risaia e della sua biodiversità.

L'azienda, inoltre, promuove ottimizzazioni delle pratiche colturali con l'impiego di soluzioni tecnologiche di precision farming, per leggere lo stato nutritivo della coltura grazie ai satelliti, adeguando i trattamenti in campo di conseguenza.

In coerenza con gli impegni sui progetti di sostenibilità ambientale con le aziende agricole, la gamma di prodotti di Riso Gallo proveniente da agricoltura sostenibile è in continua espansione e comprende numerose varietà della tradizione italiana (Arborio, Carnaroli, Carnaroli Rustico, , Gran Riserva maturato 1 anno, Blond integrale, Nero integrale e Rosso integrale). Oltre ai risi di provenienza italiana, Riso Gallo è la prima e unica azienda in Italia a offrire risi sostenibili di importazione, come la linea Basmati (Basmati profumato, Basmati integrale e Basmati con Rosso e Nero), coltivata alle pendici dell'Himalaya e certificata SRP – Sustainable Rice Platform. Anche il confezionamento dei prodotti segue lo stesso approccio, infatti, Riso Gallo è stata la prima azienda a impegnarsi per l'utilizzo di film in plastica riciclabile per le confezioni sottovuoto e ha adottato il cartoncino certificato FSC – la gestione forestale responsabile.

Riso Gallo, attraverso una serie di partnership, si è inoltre impegnata a trovare nuove destinazioni d'uso atte a valorizzare i sottoprodotti, dall'impiego della lolla in bioedilizia, all'utilizzo dell'acqua di cottura del riso nero per la tintura dei tessuti.

APPENDICE: LE AZIENDE VINCITRICI DEL PREMIO MARIO PREVE PER UN'AGRICOLTURA SOSTENIBILE 2024

PREMIO MIGLIORE AZIENDA AGRICOLA

L'Azienda Agricola che ha conseguito il punteggio più elevato nella classifica generale

CERUTTI ALICE

Azienda Agricola: Cerutti Alice

Indirizzo: C.na Oschiena, Crova (VC)

Titolare: Alice Cerutti

Superficie complessiva: 116 ha totali di cui: 85 ha a riso, 25 ha a osai e 6 ha a bosco

Anno di ingresso nel progetto di Sostenibilità Riso Gallo: 2022

Livello conseguito standard FSA di SAI Platform: Oro

Sito web: https://www.cascinaoschiena.it

Cascina Oschiena si occupa della coltivazione di riso sin dal XVI secolo sotto la conduzione dei Monaci Benedettini e dal 2008 l'azienda è condotta da Alice Cerutti, laureata in economia aziendale presso l'Università di . Da allora, sono stati eseguiti numerosi interventi di recupero conservativo e di ammodernamento dei fabbricati.

Un importante passo verso la sostenibilità è stato compiuto nel 2012 con l'installazione di un impianto fotovoltaico sul tetto, finalizzato alla riduzione del consumo energetico da Kw. Nello stesso anno, l'azienda ha aderito al progetto europeo Life Natura 2000, con l'obiettivo di ricreare un ambiente naturale tipico delle zone umide attraverso la rinaturalizzazione di fontanili e la piantumazione di piante e siepi sugli argini dei canali.

Nel 2019, un'altra importante iniziativa è stata avviata con la creazione di un'oasi naturale di circa 25 ettari, precedentemente destinati alla coltivazione del riso con l'obiettivo di garantire il ripopolamento della Pittima Reale, un raro uccello migratore a rischio di estinzione. Attualmente, la Cascina Oschiena è l'unico sito di nidificazione censito in Italia per questa specie. L'azienda possiede inoltre la certificazione Global GAP (Good Agricultural Practice), che definisce il livello di rispetto delle best practice agricole nel settore primario.

In questo contesto, le azioni deputate alla tutela della biodiversità sono molteplici: vengono realizzati fossetti per le rane su tutta la superficie e viene adottata la cover crop su tutta l'area, con una particolare attenzione alla consociazione di veccia, avena e loietto.

L'azienda segue un protocollo di lotta integrata certificato SQNPI e dedica una parte della superficie alla coltivazione di piante mellifere e filari di meli e peri di varietà antiche, come parte del progetto “riso amico+”, una misura di cooperazione della Regione .

L'innovazione tecnologica è un verso supporto per l'azienda agricola, che possiede attrezzature dotate di sistema satellitare, irroratrici con sezioni a controllo variabile e spandiconcime con distribuzione a rateo variabile, che consente la distribuzione del fertilizzante in funzione degli indici di vigore (NDVI).

PREMIO DONNA IN AGRICOLTURA

L'Azienda Agricola gestita da una donna che ha conseguito il punteggio più elevato nella classifica generale

SOCIETÀ AGRICOLA EREDI DI BALLONE EMILIO S.S.

Azienda Agricola: Soc. Agr. Eredi di Ballone Emilio s.s.

Indirizzo: C.na Paletta, Cassolnovo (PV)

Titolari e gestione azienda: Anna Maria Rognoni e Cristina Ballone

Superficie complessiva: 32 ha

Anno di ingresso nel progetto di Sostenibilità Riso Gallo: 2020

Livello conseguito standard FSA di SAI Platform: Argento

Descrizione Azienda:

L'azienda agricola ha sede presso Cascina Paletta nel comune di Cassolnovo, in provincia di , e si trova all'interno dell'area naturale protetta del Parco Lombardo Valle del Ticino. È condotta dalla famiglia Ballone dal 1953 con un focus dedicato all'attività agricolo-zootecnica fino agli anni '80, indirizzandosi successivamente alla sola cerealicoltura e risicoltura.

Dal gennaio 1995 è gestita dalla sig.ra Anna Maria e dalla figlia Cristina Ballone, laureata in scienze agrarie, che grazie proprio alle competenze acquisite durante il percorso accademico e l'esperienza in campo riesce a guidare l'azienda di famiglia in un percorso di sviluppo responsabile.

Tradizionalmente legate alla semina del riso in acqua, hanno aderito, nel corso degli anni, a diverse misure agroambientali. Oggi, le misure applicate e le pratiche aziendali a tutela della biodiversità sono di diversa natura e prevedono, ad esempio, la realizzazione dei fossetti per le rane e lo sfalcio degli argini, oltre all'utilizzo di cover crop e l'interramento delle paglie. Viene inoltre applicata la lotta integrata per la difesa delle colture. L'azienda agricola in passato ha partecipato ad un progetto di valutazione della biodiversità aziendale, coordinato dall'Ente Parco.

Altri accorgimenti riguardano l'utilizzo di prodotti ad azione biostimolante e di concimi organici. L'azienda si avvale anche della collaborazione di contoterzisti che, in continuo aggiornamento, supportano il proprio lavoro con le nuove tecnologie, come l'uso di mezzi dotati di guida satellitare.

PREMIO BIODIVERSITÀ

L'Azienda Agricola che ha ottenuto il punteggio più elevato in termini di soluzioni messe in atto a favore della biodiversità

MAIRANO ANTONIO

Azienda Agricola: Mairano Antonio

Indirizzo: Via Maestra 58 fraz. Celpenchio, Cozzo (PV)

Titolare: Antonio Mairano

Superficie complessiva: 130 ha

Anno di ingresso nel progetto di Sostenibilità Riso Gallo: 2022

Livello conseguito standard FSA di SAI Platform: Argento

Descrizione Azienda:

L'azienda agricola Mairano Antonio si trova a Celpenchio, frazione del comune di Cozzo in provincia di Pavia ed è all'interno della ZPS (Zone di Protezione Speciale) Risaie della Lomellina e in prossimità di alcuni SIC, quali la garzaia di Celpenchio e la garzaia della Verminesca.

La tutela della biodiversità è tra gli obiettivi e i focus principali dell'impegno dell'azienda, che applica con efficacia le principali misure dei PSR relative agli impegni agro-climatici ambientali, quali la realizzazione dei fossetti per le rane e l'utilizzo di cover crop da sovescio con leguminose. L'azienda ha, inoltre, aderito alla soluzione Operation Pollinator® promossa da Riso Gallo seminando un'area di 1 ha con l'obiettivo di favorire la biodiversità e garantire rifugio agli insetti impollinatori.

Le pratiche implementate dall'azienda sono molteplici e di diversa natura, tra cui la gestione delle zone incolte e a stabile, il mantenimento delle stoppie e l'adozione di rotazioni colturali di soia, frumento e riso. Pratica, inoltre, l'inerbimento spontaneo e la sfalciatura degli argini senza ricorrere a trattamenti erbicidi. All'interno dell'azienda sono presenti una garzaia, aree umide e fontali e piccole parti a bosco.

Per rendere sempre più efficiente l'impegno a salvaguardia della biodiversità, l'azienda Mairano ha investito in diverse attrezzature innovative come i trattori dotati di guida satellitare, di un'irroratrice con sezioni a controllo automatico e di una mietitrebbiatrice con mappe di produzione.

PREMIO INNOVAZIONE

L'Azienda Agricola che ha ottenuto il punteggio più elevato in termini di innovazione tecnologica

AN FED AGRI SRL SOCIETÀ AGRICOLA

Azienda Agricola: AN FED Agri srl società agricola

Indirizzo: Via San Rocco 17 frazione Lumellogno (NO)

Titolare: Patrizia Pavesi

Superficie complessiva: 316 ha

Anno di ingresso nel progetto di Sostenibilità Riso Gallo: 2019

Livello conseguito standard FSA di SAI Platform: Argento

Descrizione Azienda:

L'Azienda Agricola AN FED Agri si distingue per la sua vasta estensione, coprendo oltre 300 ettari di terreno, di cui gran parte è dedicata alla coltivazione del riso e una parte ad altri cereali in avvicendamento, come mais e soia. La tradizione e il rispetto per la natura sono cardini fondamentali dell'azienda, supportati da un personale altamente specializzato e l'utilizzo di mezzi tecnici all'avanguardia durante l'intero ciclo di coltivazione, garantendo così un prodotto controllato in tutte le sue fasi, dalla preparazione del terreno al raccolto.

Anfed Agri si distingue per l'innovazione tecnologica adottata in ogni aspetto delle sue attività. Le trattrici sono dotate di guida satellitare, mentre la botte irroratrice presenta la chiusura delle sezioni a controllo automatico tramite il sistema IGPS. La distribuzione di concime avviene mediante spandiconcime a rateo variabile e la mietitrebbiatrice è dotata di mappe di produzione, così da consentire di catturare la variabilità produttiva all'interno dei singoli appezzamenti. La concimazione è attentamente monitorata e applicata secondo mappe satellitari e di produzione, utilizzando l'indice NDVI con dati satellitari. Inoltre, l'azienda impiega software e app per la gestione aziendale e ha implementato un sistema di lavaggio e recupero dell'acqua della botte irroratrice. Una significativa parte delle attività agricole è svolta con minima lavorazione del terreno, e buona parte del parco macchine è stato ammodernato grazie ai bandi di finanziamento 4.0. Infine, l'azienda ha installato un impianto fotovoltaico da 200 kW.

La biodiversità è un'altra priorità per l'azienda agricola, nella quale sono presenti fossetti per le rane e vengono adottate cover crop da sovescio come veccia villosa e trifoglio, oltre al mantenimento di aree ad incolto e al mantenimento e interramento delle stoppie. Gli argini sono inerbiti e sono presenti noccioleti nelle aree incolte. L'azienda da quest'anno si impegna inoltre a partecipare alla misura relativa alla semina in sommersione della risaia, dimostrando così il suo costante impegno per la biodiversità e la sostenibilità ambientale.

RISO GALLO

Riso Gallo è tra le più grandi riserie d'Europa e tra le più antiche industrie risiere italiane. La sua storia inizia a nel 1856, l'azienda attualmente è ubicata a Robbio Lomellina, nel cuore del Pavese. Una realtà che ha saputo far tesoro delle proprie tradizioni coniugandole con il presente. Oggi è un'impresa all'avanguardia nel panorama dell'industria alimentare Made in Italy, alla sesta generazione, che continua a crescere, a conferma dell'attenzione al mercato e alle esigenze del consumatore, cui risponde puntualmente, con passione e dedizione, innovando e diversificando l'offerta, garantendo da sempre una costante ed elevata qualità. Riso Gallo, leader in sostenibilità, è presente in 85 Paesi nel mondo.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi