Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Risultati in forte crescita per il Gruppo Serenissima Ristorazione nel 2022: Fatturato a 458 milioni di euro (+14% rispetto al 2021)

L’EBITDA supera i 25 milioni di euro e l’Utile Netto è di oltre 10 milioni. L’incremento inflazionistico, l’aumento dei costi di materie prime e risorse energetiche e l’incertezza geopolitica dell’ultimo triennio, non hanno arrestato l’espansione del Gruppo. I risultati del 2022 superano ampiamente gli esiti pre-pandemia del 2019, evidenziando una notevole crescita della redditività.
Photo credits: fonte ufficio stampa Be Media

L'Assemblea dei Soci di Serenissima Ristorazione ha approvato il bilancio di esercizio 2022, registrando risultati positivi in tutti i principali indicatori.

Nello specifico, il Gruppo ha registrato un fatturato consolidato pari a Euro 457.592.092 (+12.26% in rapporto ai dati pre-pandemia), un EBITDA consolidato che si attesta a Euro 25.199.647 (+10,6% in rapporto ai dati pre-pandemia), un utile netto di Euro 10.143.555 (+ 18,2% in rapporto ai dati pre-pandemia) e un patrimonio netto consolidato di Euro 114.026.671. Gli incrementi attestano la resilienza e la solidità del Gruppo, che ha reagito operando da top player in tutti i principali segmenti della ristorazione collettiva.

“L'anno 2022 per noi si è chiuso positivamente, sia in termini di crescita dimensionale sia dal punto di vista della redditività – afferma Tommaso Putin, Vicepresidente di Serenissima Ristorazione, che aggiunge – I risultati del nostro Gruppo non sarebbero stati possibili senza i nostri collaboratori che, ad oggi, sono più di 10.000. L'impegno e la dedizione profusi per l'azienda sono stati il motore che ci hanno permesso di raggiungere gli obiettivi prefissati, consentendoci di superare le difficoltà e di confermare la posizione dell'Azienda sul mercato. Un risultato significativo ottenuto anche grazie alla perseveranza di tutti i nostri dipendenti, ai quali, insieme al CdA, estendo la mia più sincera gratitudine. Il settore della ristorazione, come sappiamo, è stato uno dei più colpiti dall'incessante incremento del costo delle materie prime, che ancora non ha visto un assestamento, e dal drastico aumento dei costi energetici, conseguenza diretta del conflitto Russia – Ucraina che dura ormai da un anno. Ricordiamo anche le difficoltà gestionali dovute agli strascichi inevitabili della pandemia che per tre anni ha messo in ginocchio l'intero comparto.”

Il costante investimento, volto ad attuare strategie di medio-lungo periodo indirizzate all'efficientamento dei processi di produzione e agli investimenti in innovazione, sono i punti cardine su cui Serenissima Ristorazione basa le azioni per proseguire nella sua crescita, anche in periodi di difficoltà come quelli caratterizzanti l'ultimo periodo. La corposa diversificazione del business, che da anni contraddistingue la strategia aziendale, ha svolto un ruolo fondamentale in questi anni difficili.

Prosegue il Dott. Tommaso Putin “L'impegno, ora, è quello di proseguire lungo questo percorso di crescita, con un piano industriale che prevede di raggiungere i 500 milioni di Euro di fatturato nel 2023, con investimenti per oltre 30 milioni di euro, per nuove acquisizioni e per il potenziamento della nostra capacità produttiva, in particolare del nostro centro di Boara Pisani (PD), uno dei più grandi d'Europa per la produzione dei pasti in legame refrigerato, che verrà ampliato per lanciare nuove linee produttive, offrire nuovi servizi ed entrare in nuovi mercati e nuove aree di business come il aereo e la GDO”.

Gli investimenti nell'innovazione e nella formazione, la notevole flessibilità e la razionalizzazione dei processi produttivi, l'integrazione e la diversificazione nel modello di business, costituiscono gli elementi chiave che hanno consentito a Serenissima Ristorazione di mantenere una crescita costante, anche in periodi di avversità come quelli scaturiti dalla pandemia. Inoltre, uno degli aspetti fondamentali dei risultati eccezionali ottenuti nel 2022 è rappresentato dalla grande attenzione dedicata alla sostenibilità ambientale e sociale, come il riconoscimento conferito dall'Istituto Tedesco Qualità e Finanza (ITQF) nel maggio del 2022, che ha inserito Serenissima Ristorazione tra le 300 aziende “Green Stars” italiane nel settore della sostenibilità. Questo prestigioso premio conferma l'impegno del Gruppo nell'incoraggiare una crescita sostenibile attraverso investimenti nelle tecnologie “clean-tech” al fine di migliorare l'efficienza energetica delle proprie strutture di produzione, l'implementazione di iniziative di economia circolare per il recupero dei rifiuti organici e la loro destinazione alle aziende agricole, nonché la promozione di progetti di sensibilizzazione volti a ridurre lo spreco alimentare e mitigare l'impatto dei menù.

I risultati raggiunti sono frutto dell'attenzione di Serenissima Ristorazione in ambito sociale, ambientale ed economico, impegno che è stato sintetizzato e materializzato nel primo Bilancio di Sostenibilità, presentato quest'anno. Il 2022 ha visto la Società ottenere la Certificazione di Genere PdR 125:2022 a supporto dell'empowerment femminile all'interno dei percorsi aziendali. A testimonianza di ciò, Giulia Putin, Chief Purchasing Manager del Gruppo, è stata inserita dalla prestigiosa rivista Forbes tra le 100 donne più influenti in Italia per l'impegno e capacità di leadership.

Inoltre, l'azienda vicentina mantiene ormai da anni la certificazione SA8000 a tutela dei lavoratori ed il Family Audit in tema di conciliazione lavoro-famiglia e di recente ha ottenuto anche la certificazione UNI 11584 che attesta l'adozione di corrette linee guida per la progettazione dei menù per la ristorazione collettiva.

Al centro della strategia di sostenibilità si pone l'impegno per ridurre l'impatto ambientale. La società continua a investire in Ricerca e Sviluppo adottando misure concrete per minimizzare le emissioni di CO2 e l'utilizzo delle risorse naturali.

Con più di 14.000 mq di superficie e un investimento di oltre 30.000.000 di Euro, Serenissima Ristorazione ha realizzato a Boara Pisani (PD) uno dei centri più all'avanguardia e tecnologicamente avanzati in Europa per la produzione di pasti in legame refrigerato.

“Utilizzando fonti energetiche rinnovabili come la geotermia – per il recupero del calore prodotto – l'impianto sfrutta al massimo le risorse sostenibili disponibili” spiega Tommaso Putin. Il centro di Boara Pisani è un esempio di strategia aziendale indirizzata all'efficientamento dei processi di produzione e agli investimenti in innovazione.

“Investire in progetti ambiziosi rimane un'esigenza e un valore aggiunto, ma non sarebbe possibile senza la passione e lo spirito di sacrificio dei nostri collaboratori che desidero ringraziare nuovamente, insieme ai membri del CdA. Da sempre, il buon andamento dell'Azienda è il frutto del duro lavoro della nostra grande squadra” conclude il Vicepresidente Tommaso Putin.


GRUPPO SERENISSIMA RISTORAZIONE
Serenissima Ristorazione, da quasi 40 anni top player della ristorazione collettiva in tutta Italia, è leader nella ristorazione socio-sanitaria ed è uno dei principali operatori in Italia nella ristorazione scolastica, aziendale e commerciale. Con una produzione di 50 milioni di pasti annui, 14 società controllate e collegate, più di 10mila dipendenti tra Italia ed estero e un fatturato consolidato di oltre 450 milioni di euro nel 2022, il Gruppo Serenissima Ristorazione è un pioniere e un punto di riferimento della ristorazione collettiva in Italia.

Il Gruppo, negli anni, ha integrato il proprio core business di produzione e distribuzione dei pasti offrendo molti nuovi servizi che vanno dalla fornitura diretta di prodotti gastronomici e ortofrutticoli freschi, alla gestione di bar e self-service, dai distributori automatici alle soluzioni innovative per il vending, alla progettazione di layout per ristoranti aziendali e luoghi di ristoro, fino ai servizi di pulizia e sanificazione dei locali. Attualmente, sta entrando anche in nuovi mercati come il catering aereo e la GDO.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi