Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Sandro Bottega: Premio Eticork per l’impegno a favore dei profughi ucraini

Il 3 dicembre Sandro Bottega riceverà il Premio Eticork per l’impegno profuso da Bottega S.p.A. nell’accoglienza della prima ora dei profughi ucraini. Roma, ore 11, presso Auditorium della Tecnica
Photo credits: fonte ufficio stampa

Il premio, ideato dalla guida Vinibuoni d'Italia del Touring Club Italiano in collaborazione con Amorim Cork Italia, è giunto alla sua settima edizione e si propone di promuovere e premiare quelle aziende del vino che sono fortemente impegnate su progetti di .

Il prestigioso riconoscimento verrà consegnato a Sandro Bottega dall'Amministratore delegato Italia di Amorim Cork, Carlo Veloso Dos Santos, durante la presentazione alla stampa della guida Vinibuoni d'Italia 2023, che si terrà a il 3 dicembre presso l'Auditorium della Tecnica.

Il riconoscimento Eticork è stato assegnato a Bottega S.p.A., cantina e distilleria di Bibano di Godega (TV) per l'impegno profuso nell'accoglienza di alcune famiglie ucraine, i giorni immediatamente successivi all'aggressione del paese da parte della Russia.

Nello specifico l'azienda in un primo momento ha ospitato in bed & breakfast e hotel della zona 10 nuclei famigliari con bambini (in totale 38 persone). Successivamente due famiglie sono state trasferite in una casa di proprietà della famiglia Bottega a Colle Umberto (TV) e una famiglia in un appartamento dell'azienda Bottega a Pianzano di Godega (TV). Altri due nuclei familiari sono stati ospitati a dall'imprenditrice Marina Salamon. I rimanenti hanno trovato alloggio temporaneo nella Casa degli Alpini a Bibano di Godega (TV), dopo che Bottega ha provveduto a riadattarla per renderla idonea alle necessità delle famiglie. Un immigrato ucraino, padre di tre bambini, è stato regolarmente assunto nell'azienda Bottega dove ha svolto funzioni di carattere commerciale, legate all'Export nei paesi dell'est Europa e dell'Asia Centrale.

Sandro Bottega, presidente di Bottega S.p.A., ha dichiarato: “La solidarietà si esprime nel momento del bisogno. Ho ritenuto che fosse un dovere morale aiutare persone inermi che da un momento all'altro sono state costrette a lasciare le loro case per sfuggire all'orrore della guerra.”

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Il Web Magazine specializzato nella comunicazione di tutto quanto gira intorno al mondo del food & beverage.
info@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi