Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

SANT’ELENA, dove la carbonara si cucina alla brace

Nel cuore della parte più antica di Roma il Ristorante Sant’Elena accende il suo grande braciere e porta in tavola una visione culinaria senza confini, dalle carni internazionali alla carbonara.
Photo credits: fonte Siddi Press

Quando si parla di ristoranti storici a non si può non nominare il Ristorante Sant'Elena, tra due dei riferimenti iconici della città – Castel Sant'Angelo e Piazza Navona – nell'antico Rione Ponte. Nasce nel 2016 eppure la sua storia lo precede con l'Executive Roberto Vaccino e la sua esperienza di oltre 40 anni nel Rione Borgo Pio alle prese con l'autentica cucina romana. Il tempo però ha modulato in parte i gusti delle nuove generazioni, sempre più alla ricerca di sapori nuovi ma senza mai abbandonare i ricordi casa.

È così che al Sant'Elena il proprietario Luigi Coppola, suo figlio Giacomo, insieme al General Manager Cristiano Costa hanno contribuito all'avvio di una cucina per certi versi ancestrale ma per altri rinnovata. La filosofia culinaria trascina con sé il gusto degli ingredienti stagionali dove però la protagonista è sempre la brace che accoglie al centro della sala una miriade di carni pregiate oltre a verdure e qualche centrata proposta di pesce.

L'atmosfera degli ambienti è unica, ci troviamo infatti all'interno dell'armeria quattrocentesca di Palazzo Taverna: sale ampie, illuminate da punti luce, ed adornate da una esposizione di quadri che ciclicamente viene rinnovata da un nuovo artista che espone all'interno del ristorante.

L'intento di ricercare la qualità è costante e lo si fa con una rielaborazione della cucina mediterranea, mantenendo ben salde le colonne portanti della tradizione rivisitata con quelle delle varie realtà europee, orientali e sudamericane. Punto di riferimento imprescindibile è poi la più antica macelleria di Roma – Macelleria Feroci – che da ben 4 generazioni lavora solo carni di altissima qualità e che assicura al Sant'Elena prodotti di prima scelta. Tra i più di venti tipi di carni proposte, citiamo alcune delle protagoniste d'eccellenza quali:

La Rubia Gallega la cui costata, oltre alla particolare marezzatura interna, ha anche un contorno di grasso dallo strato fibroso più duro e di colore giallo;

L'Angus Iberico di Miguel Vergara, distintivo che designa gli esemplari di questa razza con qualità gastronomiche superiori, differenziandosi per il loro sapore intenso, il loro alto grado di infiltrazione, la loro grande succosità e tenerezza all'assaggio;

La Phenomena 10 + che con la sua incredibile marezzatura raggiunge e supera una marezzatura 10 della Scala BMS (Beef Marbling Score), utilizzata anche per la classificazione del grado interno di infiltrazione del grasso anche per la carne più famosa al mondo: il Wagyu;

La Vaca Granda che, con una marezzatura interna superiore al 3+, appare di un colore rosso rubino, con il grasso ambrato tipico dell'alimentazione a fibra lunga.

Il grande braciere, realizzato appositamente da un artigiano abruzzese, smista la brace sulle varie griglie destinate non solo alle carni. Nascono così piatti che stuzzicano la curiosità, dalla preparazione all'assaggio: come la carbonara alla brace, gustosi filetti mignon con aragostelle e burro di Insigny D.o.p, carciofo secondo la tradizione romana ma ripassato sulla griglia (servito con pane tostato, olio evo e scaglie di parmigiano reggiano 36 mesi) e infine le polpette.

“Le mie polpette vengono da due mondi: ho voluto riprendere l'impasto delle empanadas argentine miste a carne italiana, accompagnate poi da salsa messicana/ cacio e pepe/ carbonara”.

Con riguardo ai sapori del mare, il S. Elena offre piatti della tradizione mediterranea: dalle gustose fettuccine fatte a mano allo Scoglio, al sugo di polpo ed altre creazioni abbinate alla continua evoluzione della stagionalità. Nulla viene lasciato al caso, anche la preparazione giornaliera del pane viene affidata alle sapienti mani della cucina.

Interessante è il Bar che, con più di 20 tipi di gin, vodka, rum, tequila e whisky, permette un degno accompagnamento ai creativi aperitivi che ogni giorno la cucina propone.

Il ristorante Sant'Elena è in sostanza una cucina che si affaccia sul mondo senza dimenticare mai casa. Qui si potrà ammirare la bella vetrina con le migliori carni in vista e godere diun servizio in sala attento e preparato, sempre pronto a raccontare caratteristiche e provenienza dei tagli migliori. L'ampia sala, che conta fino a 130 coperti di capienza massima, è l'ideale per trascorrervi feste ed occasioni speciali sicuri di poter contare su menu sempre nuovi.

Contatti:

Via di Panico, 83 Roma

+39 3519092324

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi