Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

THE BALVENIE lancia in Italia The Makers Project

Per la prima volta in Italia The Makers Project organizzato dal Single Malt Scoth Whisky The Balvenie.
Photo credits: fonte ufficio stampa AFF

Pietro Terzini, Giulia Peyrore e Francesco Maccapani Missoni sono i tre protagonisti del progetto volto a raccontare il loro legame con l'artigianalità e con la propria arte.

« Made by Heart, crafted by inspiration »

The Balvenie Malt Master David C. Stewart

Da sempre The Balvenie si identifica nel valore supremo dell'artigianalità.

Ogni prodotto che realizza, è il risultato di un lungo processo di lavorazione, gestito e sorvegliato dai grandi mastri della propria Distilleria che realizzano l'impareggiabile Single Malt Scotch Whisky The Balvenie.

In un mondo sempre più dominato dalla tecnologia, l'artigianalità e la manualità è diventata un patrimonio da preservare ma soprattutto da tramandare.

Non a caso la Distilleria The Balvenie – la cui identità è da sempre fondata sul valore delle persone e all'emozione che dedicano ad ogni produzione – crede fermamente nel tocco umano. Nel tocco dell'Anima e della Passione che ogni persona impegna in un determinato progetto e che ne trasmette l'essenza, l'unicità.

L'uomo e la sua intensità emotiva è insostituibile ed è l'ingrediente immancabile per realizzare un prodotto senza eguali.

È proprio da questa grande filosofia che nasce The Makers, un progetto innovativo che esplora la creatività contemporanea in ogni categoria.

Il tema dell'artigianato ne è ovviamente alla base. Una mission che punta all'esaltazione dei valori intrinsechi delle creazioni e dei processi riflessivi e di inspirazione che sottendono ogni realizzazione.

Un'iniziativa che analizza gli elementi unicamente umani che elevano il “grande all'eccezionale”.

The Balvenie porta in Italia il progetto esprimendo così il desiderio di condividere il proprio amore per l'artigianato con nuove persone che elogiano e condividono valori e interessi comuni in merito alla bellezza artistica. L'Azienda mantiene così salda la sua promessa di “Ultimate Craftmanship”.

Pietro Terzini, Giulia Peyrore e Francesco Maccapani Missoni. Sono questi i tre profili protagonisti di The Makers Project e selezionati per raccontare di come umanità, sensibilità e amore entrano in comunione tra loro in ogni loro opera.

Sono creativi, moderni, umili e consapevoli della loro natura, appassionati del loro mestiere e dediti alla propria arte. E, naturalmente, sono amanti del whisky.

La loro è una produzione che si configura come un'espressione moderna intrinsecamente ancorata alla tradizione, in un equilibrio armonioso tra innovazione e maestria artigianale.

Tale sinergia presenta un notevole parallelismo con l'approccio dei Makers di The Balvenie.

Pietro Terzini è oggi una delle personalità artistiche più irriverenti e amate dei social e dalla nuova generazione. Un mix and match tra Andy Warhol e lo street artist Banksy, ha fatto del suo mondo pop una vera e propria arte. Racconta la moda da un altro punto di vista, decisamente non convenzionale, attraverso uno sguardo acuto e un pizzico di satira contemporanea attraverso parole o frasi scritte su borse e packaging dei grandi marchi di lusso.

Il suo lavoro è un continuo gioco tra essere e avere, spirito e materia, provocazione e interazione, tutti protagonisti assoluti di opere uniche che non possono essere copiati, ma realizzati di volta in volta.

“Mi considero un creativo perché nella mia evoluzione personale mi sono dedicato a tanti campi come l'arte visiva, la produzione di oggetti e la scrittura. Mi ispiro a grandi maestri come Takashi Murakami, Damien Hirst, Kaws, Andy Warhol, che hanno fatto del colore la loro cifra stilistica, ma anche alla cultura dei meme. Dall'incontro tra la tradizione dell'opera d'arte come oggetto fisico e l'utilizzo della tecnologia nasce la mia arte, che è popolare perché entra nella vita quotidiana di tante persone grazie ai social media. Non a caso i temi centrali della mia arte sono l'amore, la rivalsa l'ironia e la sfida, sentimenti e qualità umane universali e che in un periodo dominato dalla tecnologia acquistano ancora di più un valore profondo.

Nella mia vita il whisky mi piace molto come sinonimo di convivialità, è condividere momenti piacevoli in cui il tempo rallenta per godersi l'attimo.”

Francesco Maccapani Missoni riporta nel suo lavoro artistico l'abilità artigianale, l'amore per le geometrie stilizzate e l'uso di colori brillanti che lo collegano direttamente al marchio di famiglia.

Colorati e con uno stile astratto e caleidoscopico, i dipinti materici che realizza sono un inno alla tradizione tessile italiana. Una complessità di texture che cattura, ipnotizza e definisce il senso del colore e del rispetto della materia al fine di valorizzarla e trasformarla in un'opera d'arte.

“Il mio percorso è all'insegna della creatività e della continua scoperta. Sono legato alla tradizione della mia famiglia ma ho cercato di prendermi il giusto spazio per arricchirla con la mia personalità. Produrre i lavori con le mie mani mi fa sentire bene, mi rilassa. Entro in uno stato meditativo in cui la concezione del tempo perde di significato per immergermi completamente in quello che sto facendo con cuore e passione. La dislessia mi ha portato ad avere una forte immaginazione e una sofisticata capacità nel pensiero visuale e spaziale: tutto il processo di creazione di un'opera nasce da un'intuizione che mi permette di visualizzare l'opera finita. Il lusso non è ostentazione di beni ma è sapersi godere le cose semplici come un buon bicchiere di whisky davanti a un bel tramonto. Ed è così quando sorseggio whisky che collego sempre a momenti di festa e di gioia in compagnia di amici e in totale relax.”

Giulia Peyrone, artista multidisciplinare di origine italiana e tailandese, si lascia ispirare dalle complessità e dalle connessioni tra persone, luoghi e oggetti.

Spesso attingendo alle proprie esperienze personali, cerca di catturare l'essenza di queste relazioni. Le sue creazioni fondono senza soluzione di continuità componenti realistiche e astratte dando significato al colore e alla forma. Oltre ai dipinti crea stampe, arte tessile e installazioni pubbliche.

“Fin da piccola ho sentito l'energia dell'arte vivere dentro di me, una forza che dovevo far esplodere nella realtà. La pittura mi permette di trasmettere agli altri il modo in cui vedo il mondo. Tante mie opere infatti sono influenzate dalle mie origini italo-thailandesi e dal mio vissuto che è stato fatto di tantissimi viaggi e di incontri con culture differenti. Ho sviluppato uno spirito nomade che trova nell'arte un rifugio sicuro contro le difficoltà e che mi fa sentire bene. Essere un artista come me significa lavorare con le mani, vuole dire lasciare un pezzo di me in tutto quello che tocco, riempire gli oggetti che produco con la mia anima. Mi piace lavorare con i grandi formati perché uno spettatore può immergersi totalmente e sentirsene parte. Deve soffermarsi per sondarne la bellezza. E, in un momento in cui tutto è veloce, prendersi il tempo necessario per guardare un quadro è un valore che voglio trasmettere. Faccio tutto con il cuore e libertà perché quando creo non mi pongo regole e vivo in uno spazio che utilizzo come voglio. Il lusso non è un oggetto fisico ma vivere un'esperienza. Come bere il whisky che sorseggio quando vivo momenti di intimità con le persone a cui voglio bene, come mio papà.”

The Makers Project esplora così la creatività contemporanea in tutte le categorie, evidenziandone i valori intrinseci e i processi riflessivi di realizzazione.

Ancora una volta il Single Malt Scoth Whisky The Balvenie celebra il ruolo dell'artigianato nella produzione del distillato premium e valorizza le abilità e la competenza dei mastri artigiani che svolgono un ruolo cruciale nella creazione di questa preziosa bevanda.

«MENTRE IL MONDO SI AUTOMATIZZA, APPREZZO SEMPRE DI PIÙ LE COSE REALIZZATE CON AMORE E PASSIONE»

About The Balvenie:

Incastonata nella capitale del whisky scozzese, la cittadina di Dufftown nello Speyside, la distilleria di Balvenie continua a produrre il suo whisky con metodi artigianali da più di 130 anni. In nessun altro luogo si trova una distilleria che coltiva il proprio orzo, lo malta nel proprio pavimento di maltazione e che impiega ancora una squadra di bottai che si prendono cura delle botti insieme ai mastri ramai che si occupano della manutenzione degli alambicchi. Un team devoto all'assoluta artigianalità, che instilla la propria anima e devozione in ogni singola bottiglia. Questo dimostra che, benché sia necessaria abilità per fare qualcosa di grandioso, serva invece vero e proprio cuore per renderlo straordinario. Di incredibile importanza è poi il ruolo del Malt Master David C. Stewart, che con 60 anni di attività è oggi la persona con più esperienza ancora in servizio in una distilleria scozzese. David presiede il fondamentale processo di maturazione e di assemblaggio dei vari barili. Fondata nel 1892 da William Grant, la distilleria Balvenie è tutt'oggi parte di William Grant & Sons Ltd, Gruppo indipendente a gestione familiare, vincitore di moltissimi awards e oggi gestito dai diretti discendenti di William Grant.

For more information visit: www.thebalvenie.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi