Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Top 100 2022 di Wine Spectator, 2° posto per il Brunello di Montalcino Riserva 2016 della Fattoria dei Barbi

La storica azienda di Montalcino, guidata da Stefano Cinelli Colombini, conquista il podio della classifica annuale stilata dalla celebre testata Usa
Photo credits: fonte ufficio stampa

C’è il Brunello di Montalcino Riserva 2016 della Fattoria dei Barbi al 2° posto della Top 100 2022 di Wine Spectator, la classifica dei cento migliori vini del mondo, stilata ogni anno dalla celebre testata statunitense di settore.

“Il secondo posto del 2022 su Wine Spectator è un onore per la Fattoria dei Barbi, e un riconoscimento della grandezza di tutti i viticoltori Montalcino”, ha commentato Stefano Cinelli Colombini, alla guida dell’azienda di famiglia.

Il Brunello di Montalcino Docg Riserva 2016 è un vino di grande intensità, struttura, aromi complessi ed evoluti e capace di un lungo invecchiamento. Un vino in cui “tutto è straordinario ma nulla è eccessivo”, un Brunello che rispetta il carattere di classicità e di eleganza tipico della Fattoria dei Barbi, dimostrandosi allo stesso tempo vino di grande . Si tratta di una selezione fatta tra le migliori botti ed è prodotto solo nelle vendemmie che lo rendono possibile. L’invecchiamento è di cinque anni di cui tre in botte, mentre l’affinamento in bottiglia è di almeno sei mesi.

Brunello di Montalcino Riserva, l’etichetta rossa

La storia dell’etichetta del Brunello di Montalcino Riserva risale al 1970, quando Annamaria Lepore, la più giovane dei tre eredi del Caffè – il più antico negozio italiano in America al 195 Grand Street a Little Italy – inizia ad importare vini italiani di qualità. Interessata al Brunello Riserva della Fattoria dei Barbi, insiste per cambiare il colore di sfondo dell’etichetta con un rosso acceso, che secondo lei avrebbe aiutato le vendite e sarebbe piaciuto anche ai cinesi. Da allora la veste grafica del vino è rimasta la stessa anche per tutti gli altri mercati.


Fattoria dei Barbi
Fondata a Montalcino nel 1790, la Fattoria dei Barbi è una delle realtà che ha visto nascere il mito del Brunello e contribuito allo sviluppo di uno dei territori vitivinicoli più conosciuti al mondo. Oggi l’azienda è guidata da Stefano Cinelli Colombini e la proprietà si estende su 325 ettari di cui 86 vitati, distribuiti tra Montalcino e la tenuta Aquilaia dei Barbi a Scansano (GR). Prima cantina d’Italia ad aprire le porte ai visitatori nel 1949, la Fattoria dei Barbi mette insieme un’offerta che unisce vino, gastronomia e cultura, grazie alla Taverna dei Barbi, al Caseificio dei Barbi e al Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello, dedicato alla storia del celebre borgo toscano e di tutti i personaggi che ne hanno costruito la fama.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi