Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Un Natale all’insegna della solidarietà da Villa Franciacorta per “Ninos Que Esperan”

Villa Franciacorta ci mette il cuore e non è nuova ai gesti solidali e ai progetti sociali, nel corso di eventi che richiamano nel borgo medioevale di Monticelli Brusati rappresentanti del mondo imprenditoriale, della stampa e del vino.
Photo credits: by Canio Romaniello

Quest'anno la cantina di Monticelli Brusati dedica il Natale ad un progetto ambizioso legato a “Ninos Que Esperan”(ninosqueesperan.org), un'associazione onlus che si occupa a distanza dei bambini di un orfanotrofio nella repubblica dominicana.

L'obiettivo è di garantire per due anni il sostegno psicologico a tutte le ragazze adolescenti, ospiti dell'orfanotrofio.

Per raccogliere i fondi necessari, Villa Franciacorta ha realizzato due confezioni esclusive, pensate per i momenti di festa.

Due le soluzioni possibili:

  • Un bauletto prodotto esclusivamente per i Ninos que esperan che riproduce il logo della associazione con un aquilone a simboleggiare la possibilità di spiccare il volo che a questi bimbi viene donata. Tre le bottiglie al suo interno: Emozione Villa Franciacorta brut 2018; Bianchi Roncalli Barbera 2015 e Briolette Villa Franciacorta Rosè Demi Sec. Del valore di € 130
  • Magnum di Emozione Villa Franciacorta brut 2018. Del valore di € 70

Il pagamento verrà fatto direttamente alla onlus che riceverà le prenotazioni.

“Che sia per il pranzo di Natale o per gli auguri per il Nuovo Anno, brindare con gioia sapendo di fare del bene, renderà quel memento ancor più speciale!” spiega Roberta Bianchi.

Villa Franciacorta è una cantina che ha segnato la storia di questa terra. Nel cuore i valori veri della tradizione e nella mente l'innovazione.

Il rispetto per la natura, per le tradizioni e per la qualità sono i fattori fondamentali di una filosofia aziendale che crede ciecamente nel rispetto della materia prima e di tutte le trasformazioni che subisce naturalmente.

La storia di Villa borgo medievale nel centro della Franciacorta, conteso nei secoli per il prestigio dei suoi prodotti vinicoli, continua ancora ai giorni nostri. E' il 1960, quando Alessandro Bianchi, acquista il borgo Villa risalente al XVI secolo ed il centinaio di ettari di sua pertinenza.

A quel tempo la fisionomia dell'azienda era del tutto diversa da come si presenta oggi. La produzione vinicola era infatti legata alla sola cantina del Cinquecento e accanto ad essa primeggiavano le coltivazioni di grano e frumento.

Fin dalle prime ricerche sulle bollicine, Alessandro Bianchi dimostrò la sua sentita passione per questa nuova dimensione enoica. Verso la fine degli anni Settanta fu infatti tra i primi pionieri ad affacciarsi a questo nuovo metodo di produzione. E fu proprio in quegli anni che l'azienda cominciò a subire la prime trasformazioni. Da azienda mista si trasformò in azienda vitivinicola ed in breve tempo, la qualità, e perché no l'eccellenza, diventarono l'obiettivo dell'azienda.

Contemporaneamente a partire dal 1978, la famiglia Bianchi cominciò i lavori di restauro del borgo Villa che, nel corso degli ultimi decenni, è tornato all'antica bellezza. L'ampliamento della cantina, completamente interrata; il recupero della suggestiva residenza padronale; la ristrutturazione dei due nuclei di abitazioni rurali con corti, che oggi ospitano un'incantevole attività agrituristica e raro esempio di borgo interamente appartenente ad una famiglia, fanno di Villa una delle realtà più importanti ed interessanti di tutta la Franciacorta.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi