Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Un Natale di bontà firmato Di Stefano: raffinate dolcezze frutto di una passione tutta siciliana

Di Stefano per il Natale 2023 ha deciso di superarsi lanciando tante novità di gusto e sostenendo altrettante iniziative socio-culturali. Da 35 anni Di Stefano alimenta i propri sogni farcendo la tradizione con la sperimentazione. Tutto è iniziato nel 1986, in un laboratorio a Raffadali, in provincia di Agrigento. Da lì oggi sono arrivati in tutta Italia. Filosofia e mission aziendale non è cambiata con gli anni, ma sono sempre dello stesso parere: preparano dolci come se fossero per i propri cari.
Photo credits: fonte Di Stefano

Panettone è sinonimo di Natale e di cose buone che sanno di tradizione, di tavolate in famiglia, di dolce bontà da condividere durante le festività. Se le giornate natalizie sono infatti ricche di dolci panettoni tradizionali, cosa c'è di meglio del gustarne uno che assembli alla migliore ricetta tradizionale, un tocco di gustosa sicilianità con tanto di glassatura e senza conservanti.

L'azienda siciliana propone: il Panettone Farcito Freschissimo in edizione limitata e su prenotazione e il Panettone Da Farcire con la sac à poche inclusa nella confezione entrambi nei gusti Cioccolato Siciliano e Pistacchio Siciliano. Un nuovo gusto, ovvero, il Panettone Cacao e Agrumi di e, infine, la Capsule Collection Limited Edition – Abbiamo tutto, manca il resto – realizzata per il Panettone Magnum dagli artisti Lorenzo Romano e Azzurra e curata da Farm Cultural Park, partner culturale con cui Di Stefano porta avanti la seconda edizione del progetto “Magnum ti meriti un panettone siciliano” e una serie di iniziative che accompagneranno, , alla nomina di capitale della cultura 2025.

Il Natale 2023 Di Stefano è un Natale maturo, nel senso di consapevole e impegnato, non solo sotto il profilo socio-culturale grazie alla rinnovata collaborazione con Farm Cultural Park, ma anche nella ricettazione e nella voglia di proporre delle esperienze di gusto nuove e intense. L'azienda di Raffadali, riconosciuta per l'eliminazione del superfluo in ricetta, per le tecniche di lavorazione a mano e per l'uso di materie prime di alta qualità, propone due novità, ovvero, il Panettone Farcito Freschissimo in edizione limitata e il Panettone Da Farcire con la sac à poche inclusa nella confezione. Il primo intende esaltare la freschezza degli ingredienti e dell'impasto riproponendo odori e sapori dell'ultima infornata prenatalizia, disponibile anche per questo motivo solo su prenotazione nei gusti Cioccolato Siciliano e Pistacchio Siciliano. Stessi gusti pure per il Panettone Da Farcire con la sac à poche, pensato per esaltare l'aspetto conviviale, giocoso e godurioso legato alle occasioni di incontro del Natale. Si potranno vestire in casa i panni del pasticcere, realizzando delle farciture irresistibili e secondo i propri gusti. La novità di sapore del 2023, invece, è il Panettone al Cacao e Agrumi di Sicilia, proposto in un elegantissimo pack blu: un impasto nero di cacao e cioccolato con canditi di polpa di arancia e limone, profumatissimo e pieno di carattere come il vulcano Etna.

«I nuovi prodotti e il nuovo gusto del Natale 2023 – racconta il direttore di produzione Enzo Di Stefano – sono il risultato di un lavoro di squadra che ormai da tanti anni vede lavorare insieme il reparto ricerca e sviluppo, coordinato dalla dottoressa Josèe Di Stefano, con il reparto produzione. Da sempre, ci sta a cuore oltre che la valorizzazione e promozione delle materie prime del territorio, la voglia di creare delle esperienze di gusto che consentano di assaporare tutto il lavoro che c'è dietro la preparazione di ogni prodotto. Freschezza, leggerezza, genuinità e sapori originali sono alla base delle novità pensate per questo Natale».

Altra novità del Natale 2023, legata a una serie di iniziative socio-culturali è la Capsule Collection Limited Edition – Abbiamo tutto, manca il resto – realizzata per il Panettone Magnum dagli artisti Lorenzo Romano e Azzurra Messina e curata da Farm Cultural Park. Un piatto che sancisce una nuova fase delle Christmas Capsule Collection Di Stefano, quella che vede il passaggio di testimone dalla mano di singoli artisti e designer alla curatela di Farm Cultural Park, partner culturale scelto per continuare questo percorso di conoscenza, approfondimento e valorizzazione della Sicilia attraverso il linguaggio visivo contemporaneo. Abbiamo tutto, manca il resto da affermazione di sconforto diventa un invito al give back, attraverso una chiamata alle Arti che parte da questo multiplo d'artista per arrivare alla prima edizione dell'omonima quadriennale intergenerazionale e transdisciplinare dedicata alla Sicilia curata da Farm Cultural Park. Un piatto senza fronte e retro, privo del verso di lettura sul lato con la superficie specchiante che ne consente una doppia azione semantica: “abbiamo tutto”, girando il piatto, diventa “manca il resto”. Una scritta/font, come pure la cornice ultra pink, realizzata modellando a mano della foam clay, poi fotografata e stampata sullo specchio. Dall'altro lato, gli artisti hanno utilizzato l'AI per creare immagini che ritraggono alcune icone architettoniche o paesaggistiche siciliane cui si sovrappongono dei personaggi super colorati e dalle fattezze aliene su cui resta un alone di mistero circa la loro identità/responsabilità.

«La collaborazione tra Di Stefano e Farm Cultural Park – spiega Sarah Bersani, Marketing Director di Industria 01, agenzia che da anni segue la comunicazione dell'azienda dolciaria – muove da una vicinanza che non è solo geografica – Favara e Raffadali – ma di visione e visionarietà sulla Sicilia, luogo di nascita comune ma anche luogo in cui entrambe le realtà hanno scelto di vivere, lavorare e che vogliono raccontare e far conoscere, liberandolo dagli stereotipi e dai preconcetti. Senso di responsabilità nei confronti della terra in cui siamo nati e in cui abbiamo scelto di lavorare e voglia di supportare le nuove generazioni cercando di offrire loro esempi concreti di scelte personali e aziendali sono alcuni dei punti accomunano la Di Stefano e Farm Cultural Park. Per tali ragioni non abbiamo esitato nemmeno un istante nel perseguire questo progetto di partnership che prima di tutto è un progetto che mette al centro la Sicilia per donarle progettualità e futuro».

A Natale, in casa Di Stefano ormai da qualche anno s'inviano cartoline di Sicilia in cui si raccontano storie di sapori, di bellezza e di collaborazioni tra aziende, artisti e produttori che hanno scelto di vivere e lavorare in quest'isola. Le cartoline del Natale 2023 non verranno “spedite” solo durante queste festività ma saranno degli aggiornamenti per immagini del percorso che Di Stefano compirà insieme a Farm Cultural Park nei mesi che precederanno l'inaugurazione prevista per il 21 giugno 2024 della prima edizione di Abbiamo Tutto – Manca il Resto, una quadriennale intergenerazionale e transdisciplinare dedicata alla Sicilia, “al suo tutto” e “a quello che non c'è” che con diversi padiglioni leggerà anche “con occhi esterni” il territorio e la scena artistica locale con l'ambizione di essere per tutti i talenti coinvolti, una piattaforma di promozione e .

Altra interpretazione d'autore della Sicilia è quella realizzata lo scorso anno da Sandra Virlinzi, in arte Sdrina, e riproposta anche per il Natale 2023, ovvero, la latta d'autore “Sicilia Insuperabile”. Personaggi semiseri e ironici, come San Limone, che si rifanno alle veline che avvolgevano gli agrumi esportati all'estero, diventano i protagonisti di infinite storie raccontate attraverso il segno rock del tatoo, il tratto pop dei cartoons e un lavoro di sottrazione cromatica volto a stimolare l'immaginazione nell'osservatore che, per incanto e con stupore, inizia a vedere ciò che non è disegnato espressamente, ovvero, i colori caldi e forti della Sicilia e il miscuglio tra mito e realtà.

«Un anno, il 2023, che fa da apripista – spiega Fabiana Principato, trade marketing Di Stefano – a due nuove versioni dei gusti Cioccolato e Pistacchio e a un nuovo panettone al Cacao & Agrumi, oltre che a continue collaborazioni con importanti istituzioni culturali come il FAI e Farm Cultural Park che ci accompagnerà fino al 2025. Le novità proposte per questo Natale intendono soddisfare le esigenze dei mercati internazionali con cui ci stiamo sempre più confrontando e quelle nazionali che già conosciamo da anni ma che non smettono – giustamente – di evolversi. Ascoltare le preferenze dei nostri consumatori ha avviato un lungo percorso di studio e ricerca che poi si è concretizzato nelle versioni dei panettoni al Pistacchio e Cioccolato “Freschissimo” e “da farcire con sac à poche” che rispondono a delle precise esigenze che la nostra rete vendita ha saputo raccogliere, riportare a noi e proporre ai nostri rivenditori i quali ad oggi sono molto contenti di queste novità che esaltano il lato “sartoriale” del nostro lavoro».

DI STEFANO DOLCIARIA

La storia della Di Stefano inizia nel 1986 quando Paolo Di Stefano avvia – insieme ai figli Enzo, Benvenuto e Settimio –– un piccolo laboratorio di pasticceria artigianale a conduzione familiare. A Raffadali (nei pressi di Agrigento), che in arabo vuol dire “villaggio eccellente”, prepariamo ancora prodotti unici – panettoni, creme, colombe e marmellate – rifacendoci alle ricette della più antica tradizione dolciaria italiana e siciliana, aggiungendoci solo ingredienti genuini e accuratamente selezionati. A cosa sono dovuti il successo e l'apprezzamento da parte dei clienti? Alla cura in maniera rigorosa, e con le nostre mani, di ogni fase della preparazione: dalla miscelazione degli ingredienti al confezionamento. Ai nostri NO (no emulsionanti; no conservanti; no a tutto il superfluo in ricetta) che sono diventati i SI del mercato e di chi sceglie i prodotti Di Stefano. Alla costante ricerca in campo alimentare e allo spirito innovativo, che ci hanno permesso di ampliare la nostra offerta, anche andando contro i luoghi comuni. Ad esempio, quello secondo cui il panettone artigianale si produce solo a .

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi