Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Una guida per abbinare la pasta con ortaggi ed erbe del momento, tutto l’anno

Sei italiani su dieci mettono le stagioni nel carrello della spesa. Dalle soluzioni più classiche (pomodori e melanzane d’estate, fagiolini e patate novelle in primavera), a quelle più innovative, come l’abbinamento della pasta integrale con fiori eduli ed erbe spontanee
Photo credits: Photo fonte ufficio stampa inc-comunicazione.it

Uno strumento per mostrare che mangiare di stagione si può, anche con gli impegni, i limiti e la frenesia delle nostre giornate, e che la pasta è ideale e gustosa compagna, trecentosessantacinque giorni, dei prodotti dell’orto, del campo e del bosco. Ma anche un viaggio alle radici del vivere mediterraneo, che reinterpreta e attualizza in chiave moderna la triade cereali-legumi-ortaggi che ci ha nutrito per millenni… e non solo. Un esclusivo ricettario amico dell’orto e nemico degli sprechi firmato dalla blogger e scrittrice green Stella Bellomo e illustrato dai disegni di Elisa Aiuti. Con tanti consigli pratici sull’abbinamento e la conservazione di prodotti di stagione, classici e di nicchia, che con la pasta trovano una marcia in più. Tutto questo è la guida Pasta Quattro Stagioni, realizzata dai pastai italiani di Unione Italiana Food e scaricabile gratuitamente da WeLovePasta.it.

La ricerca di uno stile di vita sostenibile, rispettoso dell’ambiente e dei cicli del nostro pianeta, è un fenomeno in rapida crescita. Sei italiani su dieci coltivano l’orto – urbano, condiviso, nel terrazzo o nel giardino di casa, ma è solo una parte di un fenomeno più ampio che include il piacere di mangiare in modo semplice, di stagione, magari con gli avanzi del giorno prima, proprio come facevano le nonne. Secondo un sondaggio di We Love Pasta su un campione di cinquemila persone, l’80% mette nel carrello della spesa prodotti sostenibili, il 60% sceglie sempre frutta e verdura di stagione e il 25% prova a farlo.

La pasta è perfettamente coerente con la ricerca quotidiana della naturalità: parliamo di un prodotto della terra, facile da conservare e cucinare, sempre più amato dagli italiani e amico dell’ambiente, con un impatto ecologico dal campo alla tavola minimo rispetto ad altri alimenti (meno di 1m2 globale a porzione e appena 150 grammi di CO2). E la mangiamo tutto l’anno, in media 3-5 volte a settimana.

“La pasta è il complemento perfetto per chi vuole mangiare in modo sostenibile e con ingredienti di stagione – afferma Riccardo Felicetti, Presidente dei Pastai Italiani –. Abbiamo per questo deciso di condividere in questa guida le potenzialità della pasta andando oltre le soluzioni più note. Pasta Quattro Stagioni apre una porta, attuale e non scontata, su una dimensione sempre più attuale della Mediterranea, alleata del nostro benessere. Agli italiani il compito di esplorare questo “spazio” e aiutarsi con la fantasia per cucinare primi piatti sempre più vari, salutari e appetitosi”.

PERCHÉ MANGIARE DI STAGIONE CI FA STARE MEGLIO

Mangiare di stagione è cultura (la triade cereali-legumi-ortaggi ci ha nutrito per millenni), economia (perché acquistare una verdura nel momento di massima produzione costa di meno) e, soprattutto, benessere, perché mangiare un alimento nella sua stagione garantisce gusto e proprietà nutrizionali al top. Inoltre, un’alimentazione varia, curiosa e colorata, come quella di stagione, fa anche bene alla mente. Uno studio giapponese pubblicato su Geriatrics and Gerontology International ha dimostrato che un’alimentazione monotona, come è spesso quella degli anziani, è correlata con il declino cognitivo. La pasta è perfetta per (ri)scoprire questa varietà nel segno del gusto. Un piatto di fusilli è una scorciatoia per convincere adulti, bambini e adolescenti a mangiare più verdure, smussandone l’amaro o l’acido che le contraddistinguono in purezza.

STELLA BELLOMO: MANGIARE DI STAGIONE SI PUÒ E CON LA PASTA È PIÙ FACILE

“Sono cresciuta nella campagna biellese, godendo dei frutti del grande orto di mia nonna e grazie a questo vissuto ho appreso, fin da bambina, che cosa significa vivere la stagionalità a tavola – commenta Stella Bellomo, food blogger esperta di green living e cucina naturale – ma vivere di stagione è alla portata di tutti, senza estremismi o sacrifici. Bastano pochi accorgimenti, come l’organizzazione di spesa, dispensa e frigorifero. La pasta ci dà l’opportunità di sperimentare tutto l’anno: fredda nelle insalate estive, confortante nelle minestre invernali… Inoltre, nuove tipologie, come l’integrale o la pasta ai legumi, o tecniche di cottura antispreco che risparmiano energia, acqua e emissioni, arricchiscono questa tavolozza.”

UN VADEMECUM DEGLI ABBINAMENTI DELLA PASTA CON I PRODOTTI DELL’ORTO

Agretti, rape, topinambur, carote viola, cavolo rapa, fiori eduli e erbe spontanee: sono tante le proposte vegetali, anche di nicchia, che mese per mese offre la natura e la guida “Pasta Quattro Stagioni” ha valorizzato in primi e piatti unici gustosi e salutari. Alcuni esempi: da maggio ad agosto si raccolgono i capperi, perché allora non provarli con un’insalata di pasta estiva e tutto naso come le farfalle profumate con tonno o ricciola (anche questo un pesce di stagione), zeste di limone, timo e finocchietto selvatico? L’autunno è stagione di zucche e la pasta integrale con questo condimento ha una marcia in più: per esempio, fusilli integrali con pesto di zucca e lattuga, profumati con pinoli, basilico e armonizzati con ricotta, grana grattugiato e germogli di crescione: e, per un inverno comfort, una pasta al pesto rosso di radicchio trevigiano, con frutta secca e speck a dare ulteriore intensità.

0% SPRECHI, 100% GUSTO E SEMPLICITÀ: LE RICETTE DI STAGIONE DI STELLA BELLOMO

Tra tante suggestioni, anche quattro proposte d’autore, una per stagione, realizzate in esclusiva per i Pastai Italiani da Stella Bellomo: un trionfo di sapori e colori condensato in ricette antispreco, utilizzando anche le parti meno pregiate dei vegetali e trasformandole in deliziose ricette. A primavera, i fusilli con pesto di asparagi e viole. D’estate, insalata fredda di farfalle con verdure, legumi, erbe aromatiche e fiori, un piatto nutrizionalmente completo con un condimento crudista. Per l’autunno, pasta al forno con ragù di lenticchie e besciamella di zucca, una ricetta semplice e di recupero con la pasta del giorno prima e che della zucca usa anche la buccia. E, d’inverno, tutto il calore (e il risparmio energetico) di una “one-pot pastina”, con cavolo nero, cavolo rapa e legumi, dove il condimento e la pasta cuociono tutte assieme nella stessa casseruola.

Il vademecum “Pasta quattro stagioni” è stato realizzato nel quadro di #PastaDiscovery, il ciclo di approfondimenti ideato dai pastai italiani di Unione Italiana Food e dedicato all’ABC della pasta, in risposta alla “riscoperta” degli italiani di questo alimento. #PastaDiscovery vivrà in più momenti nel corso dell’anno sui canali social di WeLovePasta, community di oltre trentamila pasta lovers, con contenuti multimediali che spaziano dai talk ai consigli pratici, alla storia, scienza e cultura della pasta, alle guide e ai test di assaggio, fino alle interviste e ai contributi video di pastai, e food blogger.


Maggiori informazioni su Unionfood We Love Pasta

Unione Italiana Food, la più grande associazione in Europa che raggruppa aziende produttrici di beni alimentari, nata a gennaio 2019 dall’unione di due delle più rappresentative associazioni di categoria dell’alimentare italiano, AIDEPI (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) e AIIPA (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari). Rappresenta 450 imprese di oltre 20 settori merceologici (circa 800 brand), con 65.000 addetti per un fatturato di oltre 35 miliardi di euro, di cui 10 miliardi di export.

Per il settore pasta, Unione Italiana Food (già Aidepi, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) rappresenta le industrie nazionali produttrici di spaghetti & co. La campagna We Love Pasta nasce per promuovere la cultura della Pasta, simbolo del Made in Italy sulle tavole di tutto il mondo, e della dieta mediterranea, considerata patrimonio immateriale dell’Umanità.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.
a.grazi@fooday.it

RUBRICHE

Pubblica con noi