Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Un’esplosione di sapori, colori ed emozioni per il nuovo menù degustazione di Dada in Taverna

Proposte gastronomiche stagionali che abbracciano la tradizione in chiave moderna!
Photo credits: fonte ufficio stampa ZEDCOMM

Un vero e proprio viaggio alla scoperta di sapori antichi, abbinamenti estrosi e suggestive atmosfere culinarie: è quello che intraprenderete scegliendo il nuovo menù degustazione di Paolo Anzil e Davide La Grotteria, gli e gestori di DaDa in Taverna.

La storia del menù degustazione nasce in Francia e agli inizi molti ristoranti proponevano dei percorsi che potevano arrivare anche fino a 40 portate… un vero e proprio tour de force! Negli anni però questo concetto si è evoluto fino a diventare un'esperienza anche di poche portate – 3, 4 o 5 – sufficienti per capire la filosofia creativa e le tecniche di lavorazione degli chef.

Ogni assaggio è una scoperta per i commensali: nei piatti di DaDa in Taverna si fondono in modo talentuoso i prodotti d'eccellenza italiani e non solo, le tecniche dell'haute cuisine e le suggestioni internazionali raccolte durante le esperienze di Paolo e Davide: una selezione di piatti che portano dalle profondità della tradizione alle vette della sperimentazione.

Il percorso culinario inizia con Due Gusti – un piatto già presente nel secondo menù del ristorante – una fesa francese di manzo, magra e saporita, battuta al coltello, con una guarnizione sorprendentemente “unconventional” grazie a un gioco di contrasti tra la senape e il cioccolato bianco: un cono rovesciato alterna il morso con un'aggiunta croccante e, infine, stracciatella e scalogno fritto che insaporiscono la carne volendo sempre alternare spigoli e morbidezze.

Un assaggio di pesce dai sentori esotici con Qualachela, astice cotto ai carboni a bassa temperatura per pochi minuti per enfatizzare la consistenza, apparendo quasi “crudo”.

Ad accompagnare il pesce, un abbinamento speziato e tropicale con passion fruit e pepe di Sichuan alternati all'ananas cannellata. Con la clorofilla di menta si chiude il piatto davanti al cliente lasciandola cadere con il contagocce.

Non poteva certo mancare sua “maestà” il riso, uno degli ingredienti più amati e studiati dagli Chef di DaDa in Taverna che lo propongono in diversi modi, anche con ricette provenienti da altri paesi. negli anni – evoluzione del piatto Milano anni '80 – vede come protagonista il vialone nano – varietà storica della risicoltura, dal chicco semifino – mantecato alla milanese, stimmi di zafferano marinati al miele, caviale oscietra e salsa beurre blanc.

Main course Quaglia alla marengo: un piatto che attualizza una ricetta risalente al tempo di Napoleone. Durante la battaglia di Marengo, il cuoco dell'imperatore si trovò a dover cucinare con i soli elementi che offriva il teatro di battaglia: pollo, gamberi, pomodoro, uova e pane. Partendo dagli stessi ingredienti DaDa propone una rollatina di quaglia avvolta in crepinette, la sua coscia panata alla milanese e fritta in ballotin, gambero viola cotto e crudo, il suo uovo fondente e una salsa agrodolce di pomodoro a portare pulizia e richiamare un altro boccone

E per finire un dessert della tradizione meneghina, Pull me up che – come recita il nome stesso – è una rivisitazione contemporanea del più classico Tiramisù: crema al mascarpone in doppia montata, ganache di caffè in grani e cioccolato bianca, pasta choux.

La piccola pasticceria concluderà la cena al momento del caffè, amaro o distillato che sia; le proposte si alternano di continuo e vengono prodotte quotidianamente con l'obiettivo di esaltare la pasticceria più classica.

Per degustare e assaporare al meglio i piatti del menù è ovviamente possibile scegliere tra numerose etichette presenti sulla carta dei vini, inserite dopo un'attenta ricerca, che raccontano il meglio della proposta locale e le etichette più importanti del panorama e .

Dada in Taverna

Alla guida di Dada in Taverna dal 2021, ci sono Paolo Anzil e Davide La Grotteria. Hanno rinnovato il locale mantenendo lo spirito storico dell'osteria Moriggi, ma dando il tocco di DaDa in Taverna, quindi un legame tra il passato della Milano di inizio 900 e l'arte contemporanea di oggi. Questo traspare sia nell'arredo del locale che nella cucina di Paolo e Davide. DaDa in Taverna è un luogo di incontri in cui trovare appuntamenti dedicati all'arte, alla letteratura e alla musica, il tutto unito da una cucina e un bar ben studiati.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Grafico pubblicitario dal 1991, cuoco per passione, innamorato del mangiare e del bere bene da sempre.

RUBRICHE

Pubblica con noi