Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Vino, olio, pane. Rimettiamo la terra al centro

A Milano un primo incontro per parlare dell’importanza delle filiere rurali e dell’alleanza tra produttori e artigiani agricoli. Il Presidente FIVI Cesconi: “Vogliamo avviare un dialogo tra vignaioli, olivicoltori e panificatori per rimettere al centro la cultura della terra”. Il Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti (BolognaFiere, 23-25 novembre 2024) si propone come una grande vetrina di questa alleanza.
Photo credits: Da sinistra Pietro Intini, presidente FIOI e Lorenzo Cesconi, presidente FIVI – Gaia Menchicchi, fonte ufficio stampa

Prodotti agricoli che nascono dal lavoro nei campi e hanno una filiera di produzione che tanto più è legata al territorio, quanto più garantisce qualità e valore aggiunto. È questo che accomuna vino, olio e pane. Ed è per questo che FIVI ha voluto simbolicamente lanciare la 13a edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti (BolognaFiere, 23-25 novembre 2024) insieme agli amici olivicoltori indipendenti riuniti nella FIOI, ospitati dal maestro panificatore Davide Longoni nel contesto del Mercato del Suffragio di .

“Da alcuni anni abbiamo iniziato un percorso comune con gli amici olivicoltori indipendenti, riconoscendo una sorta di fratellanza tra i nostri mestieri, entrambi accomunati dalla volontà di valorizzare la materia prima – uva e olive – in prodotti di qualità che rispecchino le caratteristiche irripetibili di un territorio – afferma Lorenzo Cesconi, vignaiolo e presidente FIVI – Abbiamo già detto che senza uva non si fa vino, e senza olive non si fa olio. Ora aggiungiamo un tassello, e insieme a un maestro panificatore e pioniere del pane agricolo come Davide Longoni, diciamo che senza grano non si fa il pane. Sembra una banalità, ma non è così, perché i nostri tre settori sono tutti condizionati da una fortissima spinta all'industrializzazione, che tratta la materia prima come commodity e punta all'omologazione del prodotto, giocando solo sul prezzo e mettendo in crisi la sostenibilità delle filiere rurali. Un'alleanza tra vignaioli, olivicoltori e panificatori è quindi sempre più necessaria: per ricordare che se è vero che vino, olio e pane sono la triade della mediterranea, senza contadini che producono materia prima sana e artigiani che la trasformano in prodotti di qualità, quella dieta rimane una dichiarazione di principio o una stucchevole operazione di marketing”.

Il Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti, giunto ormai alla 13ª edizione, si svolgerà dal 23 al 25 novembre 2024 a BolognaFiere, e si propone come una grande vetrina di questa alleanza. Più di 1.000 vignaioli hanno confermato la propria presenza e saranno accompagnati da un'ampia rappresentanza di olivicoltori indipendenti.

“Vino, olio e pane sono elementi sacri per la nostra cultura e hanno segnato l'evolversi della civiltà mediterranea nei secoli. Oggi siamo dinanzi a una situazione che potrebbe diventare presto irreversibile: la massificazione delle produzioni, con conseguenti gravi minacce per l'ecosistema e per la salute dei consumatori, richiedono a chi lavora la terra una scelta precisa. Noi olivicoltori indipendenti sentiamo forte la necessità di tutelare la biodiversità, dando valore nella fattispecie alle quasi 600 cultivar di olive italiane, e dignità ai nostri oli extravergini che possiamo vantare, dopo anni di studi e investimenti, essere fra i migliori al mondo, un patrimonio gastronomico e salutistico inestimabile. Siamo orgogliosi di condividere i nostri valori e il nostro impegno con i Vignaioli FIVI, in questa virtuosa alleanza agricola” sostiene Pietro Intini, olivicoltore e presidente FIOI.

“Dal 2013, quando abbiamo aperto il primo panificio in via Tiraboschi – aggiunge Davide Longoni, panificatore – l'idea è sempre stata quella di una filiera “nostra”, che potesse esprimere e raccontare il pane come simbolo di valori, da quello della sostenibilità ambientale a quella sociale. Per questo nel 2016 abbiamo fondato la nostra prima azienda agricola, Pane Terra, con cui coltiviamo con metodi biologici e naturali cereali e grani antichi, sperimentiamo nuovi blend evolutivi, nella periferia di Milano e sui colli aprutini in , dove da poco ci prendiamo cura di 600 piante di ulivo. L'obiettivo non è solo accorciare la filiera agricola, ma anche creare un nuovo ecosistema sostenibile intorno ai nostri prodotti. Da qui nasce il concetto di “restituzione del pane”: restituzione alla terra, attraverso metodi naturali, il recupero di grani antichi, il rispetto ecologico che ci permette di produrre quello che chiamiamo un “pane agricolo” perché testimonia una filiera di valori, che parte dalla terra e torna alla terra. Dall'altra parte la restituzione del pane alla società, perché è proprio nella città di Milano – e non solo – il punto di arrivo della nostra filiera, con il “pane agricolo urbano”, un prodotto sano, naturale, che dura più a lungo, riduce sprechi e favorisce migliori abitudini di consumo”.

L'appuntamento milanese ha dato l'occasione per presentare il manifesto ufficiale della 13ª edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti, realizzato dall'illustratore e designer americano Steven Guarnaccia, ingaggiato grazie alla rinnovata collaborazione di FIVI con Corraini Edizioni. Guarnaccia vive e lavora a New York: le sue tavole sono pubblicate su numerose riviste e quotidiani, fra cui il New York Times, di cui è stato per tre anni art director della pagina delle opinioni. Collaboratore del MoMA e di numerose aziende nel campo del design industriale, ha disegnato diversi modelli di gioielli, orologi e murales ed ora è professore associato del Dipartimento di Illustrazione alla Parsons School of Design.

“Creare un'opera d'arte per celebrare i Vignaioli di FIVI – spiega Steven Guarnaccia da New York – è stato un vero piacere! Inizialmente volevo realizzarla con il vino piuttosto che con penna e inchiostro. In passato avevo già disegnato con il caffè e i risultati erano stati molto soddisfacenti. L'unico problema nel disegnare con il vino rosso era che ogni volta che avvicinavo la penna al bicchiere per intingerla, lo trovavo inspiegabilmente vuoto e io diventavo sempre meno in grado di disegnare… Quindi, purtroppo, sono stato costretto a disegnare con i convenzionali penna e inchiostro!”.

“Siamo molto contenti di annunciare la seconda edizione del Mercato a BolognaFiere – conclude Domenico Lunghi, Direttore delle Manifestazioni Dirette Food&Beverage di BolognaFiere – Dopo i 26mila ingressi registrati lo scorso novembre, quest'anno puntiamo ad arrivare a quota 30mila visitatori qualificati. A questo scopo, stiamo valorizzando alcuni dei principali atout di : la sua posizione geografica, i numerosi collegamenti aerei e ferroviari che la rendono facilmente raggiungibile da tutta Italia, la ricchezza enogastronomica, artistica e paesaggistica del suo territorio. Grazie all'accordo recentemente siglato con Trenitalia, ad esempio, i visitatori potranno venire a Bologna con i treni Frecciarossa usufruendo di importanti sconti. Inoltre, in collaborazione con alcune associazioni di categoria, ci stiamo impegnando ad attrarre in i consumatori più in target col Mercato, ovvero quelli che nei ristoranti, nelle enoteche e nei bar bolognesi cercano prodotti di eccellenza. Senza dimenticare i turisti presenti a Bologna nelle date della fiera: gli alberghi nostri partner proporranno loro dei pacchetti di itinerari del gusto che, snodandosi tra le cantine, le specialità culinarie di Bologna e il suo patrimonio culturale e monumentale, culmineranno con la visita al Mercato dei Vini FIVI. E una volta giunto in fiera, il pubblico troverà servizi di qualità come 6.000 posti auto, i carrelli per portare fino al parcheggio le bottiglie acquistate e, per chi privilegerà i mezzi pubblici, la possibilità di farsele recapitare comodamente a casa da Mail Boxes Etc.”.

FIVI – Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti

La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (FIVI) è un'organizzazione senza scopo di lucro nata nel 2008, che si propone di promuovere e tutelare la figura, il lavoro, gli interessi e le esigenze tecnico-economiche del Vignaiolo Indipendente italiano, inteso quale soggetto che attua il completo ciclo produttivo del vino, dalla coltivazione delle uve fino all'imbottigliamento ed alla commercializzazione del prodotto finale. Attualmente sono quasi 1700 i produttori associati, da tutte le regioni italiane, per un totale di oltre 15.000 ettari di vigneto. Il Marchio FIVI raffigura “Ampelio”, immagine di un Vignaiolo che porta una cesta d'uva sulle spalle e la cui ombra prende la forma di una bottiglia. In questa figura è riassunto tutto quello che per la FIVI significa essere Vignaioli, impegnati quotidianamente in un processo che segue tutta la filiera di produzione, operando costantemente per custodire, tutelare e promuovere il territorio di appartenenza.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi