Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

VITAMINA C: un aiuto concreto per la tua salute

La vitamina C è uno dei fattori più importanti che mantengono il tuo corpo sano. Può essere trovato in varie fonti alimentari e i benefici possono essere ottenuti dagli integratori di vitamina C.

Conosciuto anche come acido ascorbico, la vitamina C è essenziale per molte funzioni fisiologiche nel tuo corpo.

Questa vitamina idrosolubile si trova negli agrumi, nelle verdure, negli spinaci, ecc.

Un maschio adulto medio ha bisogno di 90 mg di vitamina C, mentre una femmina ha bisogno di 75 mg, ma questi sono solo i fabbisogni minimi per non ammalarsi, perché in realtà il nostro organismo ha bisogno di maggiori quantità di questa sostanza.

A causa di uno stile di vita distorto e di scelte alimentari, la dose giornaliera di vitamina C non è disponibile per molti. È qui che gli integratori di vitamina C possono essere utilizzati in modo efficiente per soddisfare le esigenze quotidiane.

BENEFICI DEL CONSUMO DI VITAMINA C

• La vitamina C ha un ruolo rilevante nella rimarginazione delle ferite e delle ustioni perché facilita la formazione del tessuto connettivo della cicatrice.

• Contrasta gli effetti tossici del fumo di tabacco, dei gas di scarico degli autoveicoli, etc.

• Abbassa il colesterolo: l'acido ascorbico può abbassare il contenuto di colesterolo nel sangue dei pazienti affetti da arteriosclerosi. Il tasso di colesterolo nel siero si riduce del 35-40% con il trattamento con Vitamina C.

• E' idrosolubile quindi è presente nei fluidi corporei.

• Rigenera la vitamina E. Agisce contro OH-, O2-

• E' contenuta in frutta e verdura, frattaglie (fegato e reni). Pochissimo contenuta in latte e carne.

• La vitamina C blocca la sintesi delle nitrosamine partendo dai nitriti. Queste sostanze si trovano nei cosmetici, nelle bevande a base di malto e nelle carni trattate (ad alcuni tipi di salumi viene aggiunta la vitamina C per evitare che le nitrosamine entrino nell'organismo. Per questo motivo aiuta quindi l'organismo a diminuire il rischio di tumori, soprattutto allo stomaco.

• La vitamina C provoca una diminuzione della sensibilità dell'organismo all'istamina.

• Protegge dai metalli pesanti ed ha azione anticancerogena. La vitamina C può neutralizzare la tossicità delle clorammine, che vengono aggiunte all'acqua per sostituire il Cloro (del quale si conosce l'azione cancerogena). Protegge anche dagli effetti nocivi di sostanze dannose come il cadmio, il mercurio, il piombo, il ferro, il rame, l'arsenico, il benzene e alcuni pesticidi.

La maggior parte della vitamina C viene eliminata dal corpo in tre o quattro ore, ecco perché essa deve essere assunta diverse volte al giorno.

Una maggiore eliminazione della vitamina C attraverso le vie urinarie dovuta ad una maggiore assunzione della vitamina non significa che i tessuti del corpo sono saturi. Il livello di vitamina C nel sangue tornerà ai livelli medi in 12 o 13 ore, indifferentemente dalla quantità assunta.

Per mantenere un giusto livello della vitamina nel siero, bisognerebbe assumerla ad intervalli di tre o quattro ore. L'eccesso di vitamina C che arriva alla vescica può prevenire il cancro alla vescica. E' una vitamina estremamente labile, e viene distrutta rapidamente dalla cottura, dall'esposizione all'aria e alla luce.

ANTIOSSIDANTE

La vitamina C è un potente antiossidante che consente al corpo di combattere ed eliminare i radicali liberi indesiderati.

Ecco come le cellule di tutti i tessuti possono prolungare la loro durata.

Liberare il tuo corpo dai radicali liberi rallenterà l'invecchiamento, aumenterà il livello di funzionamento degli organi e proteggerà i tuoi organi vitali da varie malattie.

Il consumo di vitamina C ridurrà sicuramente i rischi di sviluppare malattie croniche.

RIDUCE L'IPERTENSIONE

È stato scoperto in varie ricerche che il consumo di vitamina C per soddisfare le esigenze quotidiane consente a una persona di controllare l'ipertensione in modo naturale.

La vitamina C rilassa i vasi sanguigni e aiuta a ridurre il livello di pressione.

I risultati della ricerca non sono supportati da dati, ma lo sviluppo significativo indica eccellenti benefici in questo aspetto.

RIDUCE IL RISCHIO DI MALATTIE CARDIACHE

Come accennato in precedenza, la vitamina C aiuta una persona a controllare il livello della pressione sanguigna e aiuta anche a ridurre il livello di colesterolo cattivo nel flusso sanguigno.

Ciò significa che al consumo quotidiano, questa vitamina può ridurre la probabilità di vasi sanguigni ostruiti, evitando così i rischi di malattie cardiovascolari in larga misura.

COMBATTE LA CARENZA DI FERRO

La vitamina C aiuta ad assorbire il ferro dal nostro cibo e a mantenere il livello richiesto. Il ferro è essenziale nella formazione dell'emoglobina. L'uso di integratori di vitamina C consentirà al nostro corpo di assorbire il ferro nella specialmente per coloro che fanno affidamento su una dieta vegana. La carne è considerata un'enorme fonte di ferro. I vegetariani possono aumentare il loro livello di ferro consumando questa vitamina regolarmente.

LA VITAMINA C PROTEGGE IL FERRO NELL'INTESTINO DALL'OSSIDAZIONE

Essa contribuisce anche alla formazione dei globuli rossi e previene le emorragie. Inoltre combatte le infezioni batteriche e riduce gli effetti di alcune sostanze che provocano allergie. Per queste ragioni la vitamina C è spesso usata nella prevenzione e nella cura del raffreddore comune. E' stato scoperto che la vitamina C agisce come antistaminico e può essere usata per ridurre le dosi della forma medicinale.

LA VITAMINA C PUÒ BLOCCARE LA FORMAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE COME LE NITROSAMINE

Queste sostanze si trovano nei cosmetici, nei prodotti a base di tabacco, nel fumo di sigaretta, nelle bevande a base di malto e nelle carni trattate (ad alcuni tipi di salumi viene aggiunta la vitamina C per evitare che le nitrosammine entrino nell'organismo). Si riporta che alcuni individui sono stati guariti dal cancro con l'assunzione di 10 grammi di vitamina C al giorno.

La vitamina C ha relazioni significative con altri elementi nutritivi. Contribuisce al metabolismo di alcuni aminoacidi come la fenilalanina e la tirosina che diventano ormoni. La vitamina C trasforma le forme inattive di acido folico in forma attiva di acido folinico e può avere un ruolo significativo nel metabolismo del calcio e del ferro. Inoltre protegge la tiamina, la riboflavina, l'acido folico, l'acido pantotenico, la vitamina A e la E dall'ossidazione. Protegge il cervello e il midollo spinale dalla distruzione da parte di radicali liberi.

Gli studi sulla vitamina C come terapia anti-tumorale continuano, ma esistono già delle prove riguardanti l'effetto protettivo della vitamina C, nei confronti di alcuni tipi di tumore, in larghe fasce della popolazione.

Grande concentrazione di vitamina C si trova nelle ghiandole surrenali, che rilasciano epinefrina e norepinefrina nei momenti di stress.

BOOSTER DEL SISTEMA IMMUNITARIO

I bambini e gli adulti, che soffrono spesso di un raffreddore comune o di altri disturbi, possono trarre beneficio dal consumo di vitamina C se gli agrumi non sono un'opzione adatta.

Con l'aggiunta regolare del livello richiesto di vitamina C nel programma dietetico, il funzionamento dei globuli bianchi aumenta e aumenta l'immunità.

La vitamina C è sicuramente di vitale importanza per il sistema immunitario.

Scoprire che assumendo vitamina C non ci si ammala più, non gioverebbe ai bilanci multimiliardari delle lobby farmaceutiche.

Un ricercatore del calibro di Linus Pauling, doppio premio Nobel, assumeva fino a 18 grammi di vitamina C al giorno; alcuni dottori hanno curato dei pazienti da polmoniti in soli tre giorni facendogli ingerire maxi dosi di vitamina C (30 grammi al giorno).

Il fabbisogno di vitamina C aumenta con l'età a causa di un maggior bisogno di rigenerazione del collagene. Col passare degli anni, le ghiandole sessuali richiedono una maggior quantità di vitamina C e la ottengono dagli altri tessuti, che rimangono esposti alle malattie. Quindi un'integrazione adeguata contribuirà a ridurne l'impoverimento.

La vitamina C ha dato risultati positivi nei casi di sterilità maschile. E' stato notato che la vitamina migliora l'utilizzazione di zinco, magnesio, rame e potassio, elementi vitali per un normale funzionamento dello sperma. La vitamina C dà risultati positivi in caso di displasia cervicale, un disturbo che può portare al cancro. La vitamina C, la vitamina E e i bioflavonoidi hanno dato sollievo a molte persone che soffrivano di vene varicose. Una dieta equilibrata insieme all'esercizio fisico aiutano a prevenirle.

Nel complesso, gli integratori di vitamina C sono un modo semplice e eccezionale per aumentare l'assunzione di questa sostanza se si fatica a ottenere abbastanza dalla dieta.

Attenzione però alla scelta della giusta Vitamina C, perché in natura è presente sempre assieme ai minerali e i bioflavonoidi, quindi prendere (per esempio) le polveri di solo economico acido ascorbico (il nome chimico della Vitamina C) può non essere ottimale, perché da sola è leggermente acida.

E' da preferire quella di origine naturale perché possiede un importante fattore di utilizzo da parte dell'organismo, infatti è costituita da2 tipi C1 e C2che si completano e migliorano l'utilizzo e l'assorbimento. In quella di sintesi è presente solo la C1. Si ritrova in quantità elevata nell' ACEROLA-ROSA CANINA FRUTTI-OLIVELLO SPINOSO. Possiede azione antiossidante, stimolante del sistema immunitario, coadiuvante nella formazione del collagene, favorente il riassorbimento del ferro di origine vegetale dell'organismo.

DOSAGGIO E TOSSICITÀ

Il Consiglio di Ricerca (Usa) raccomanda 60 milligrammi di vitamina C per gli adulti. Il fabbisogno varia secondo le differenze di peso, il tasso di metabolismo, l'attività, le malattie e l'età.

Stati di stress, come l'ansia, le infezioni, le ferite, le operazioni chirurgiche, le ustioni e la stanchezza ne aumentano il fabbisogno nell'organismo. Individui ipoglicemici o che seguono una dieta iperproteica necessitano di una dose maggiore di vitamina C, poiché tali condizioni interferiscono con il metabolismo della vitamina. Persone con alti livelli di rame o di ferro nel sangue hanno bisogno di una maggior assunzione di vitamina C.

Ogni condizione che elevi il livello di rame nel siero incrementa il fabbisogno di vitamina C, compresa la schizofrenia, il fumo, (i fumatori dovrebbero assumerne 100 mg al giorno) l'uso di contraccettivi orali, mestruazioni e l'ultimo mese di gravidanza (consultate un medico). Due grammi al giorno per due settimane diminuiranno la durata e la gravità del raffreddore e dei sintomi di allergie.

Quando la vitamina C viene prescritta per ragioni terapeutiche, il dosaggio è molto importante. Troppo poca avrà poco o nessun effetto. Oltre ai 60 mg per gli adulti, si consiglia l'assunzione di altri 10 mg alle gestanti e di altri 35 alle donne che allattano. In alcune circostanze e nel corso di certe malattie sarà necessario aumentare la dose, come nel caso di temperatura corporea estremamente alta o bassa, in presenza di livelli tossici di piombo, mercurio e cadmio e con l'uso cronico di medicinali come l'aspirina e i barbiturici. Quando vengono somministrate dosi molto alte della vitamina, è necessario aumentare anche l'assunzione di calcio.

In qualche caso, dosi ampie di vitamina C possono dare effetti collaterali. I sintomi possono essere una leggera sensazione di bruciore durante l'orinazione, disordini intestinali o diarrea, gas intestinali o dolori addominali, arrossamenti cutanei e nausea. Quando uno di questi sintomi si presenta è bene ridurre il dosaggio. La presenza di queste condizioni può essere evitata assumendo la vitamina dopo i pasti, la qual cosa è anche utile per una corretta assimilazione. Se i sintomi persistono, si possono provare altri tipi di vitamina C.

Non dovrebbero essere assunte grandi dosi di vitamina C da coloro che hanno la tendenza alla formazione di calcoli di ossalati o cistinuria, a meno che essa non sia sotto forma di ascorbato di sodio. L'ascorbato di sodio non influisce sull'acidità delle urine e favorisce l'escrezione degli ossalati.

Alcuni individui soffrono di una malattia genetica rara che provoca la formazione di calcoli renali quando si assumono grandi quantità di vitamina C. Le persone che hanno una tendenza alla gotta e quelle che, a causa di una condizione genetica, hanno un assorbimento alterato della vitamina C, sono più esposte alla formazione di calcoli. In questi casi vi è la necessità di ridurre l'assunzione della vitamina.

STUDIO RECENTE: UNA CONFERMA SCIENTIFICA

Uno studio condotto da Gorton e Jarvis, pubblicato sul Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics (DOI: 10.1016/s0161-4754(99)70005-9).

Il fulcro di questo studio è stato l'efficacia della vitamina C nel prevenire e alleviare i sintomi delle infezioni respiratorie.

Gli autori hanno esaminato l'effetto di megadosi di vitamina C su un gruppo di studenti, confrontando i risultati con un gruppo di controllo.

Quelli nella popolazione di controllo che riferivano sintomi sono stati trattati con antidolorifici e decongestionanti, mentre quelli nella popolazione di test che riferivano sintomi sono stati trattati con dosi orarie di 1000 mg di vitamina C per le prime 6 ore e successivamente 3 volte al giorno.

Anche a coloro che non hanno riportato sintomi nel gruppo di test sono state somministrate dosi da 1.000 mg 3 volte al giorno.

I risultati sono stati sorprendenti: una riduzione dell'85% nei sintomi di influenza e raffreddore nel gruppo trattato con vitamina C.

Bibliografia e sitografia

  1. • Studio di Oliveira J, de Souza VV e Motta: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26353411/
  2. • https://medlineplus.gov/vitaminc.html
  3. • https://sinu.it/2019/12/08/crea-presentate-le-nuove-linee-guida-per-una-sana-alimentazione/
  4. • Herbs and Natural Supplements- An evidence-based guide,4th ed. L.Braun, M.Cohen. Elsevier Editions.
  5. • Studio Oregon Health & Science University (GABA e Vit. C): https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3160198/
  6. • https://news.ohsu.edu/2011/07/14/ohsu-scientists-discover-new-role-for-vitamin-c-in-the-eye-and-thebrain
  7. • https://www.efsa.europa.eu/it/topics/topic/food-additives
  8. • Mayo Clinic. Vitamin C (Inglese)
  9. • NHS. Vitamin C. Vitamins and minerals (Inglese)
  10. • Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU). Vitamine – Assunzione raccomanadata per la popolazione (PRI) e assunzione adeguata (AI)
  11. • Hemilä H, Chalker E. Vitamin C for preventing and treating the common cold. Cochrane Database of Systematic Reviews. 2013; Issue 1
  12. • https://www.issalute.it/index.php/la-salute-dalla-a-alla-z-menu/c
  13. • Institute of Medicine. 2000. “Dietary Reference Intakes for Vitamin C, Vitamin E, Selenium, and Carotenoids.” Washington, DC: The National Academies Press. Accessed May 14, 2021. https://doi.org/10.17226/9810
  14. • Ferraro, Pietro Manuel, Gary C. Curhan, Giovanni Gambaro, and Eric N. Taylor. 2016. “Total, Dietary, and Supplemental Vitamin C Intake and Risk of Incident Kidney Stones.” American Journal of Kidney Diseases 67 (3): 400–407. https://doi.org/10.1053/j.ajkd.2015.09.005

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Gentilin Maria Cristina

Licenza di distribuzione:

Condividi

Ti piace?

0

Potrebbe interessarti anche...

Redazione

Co-founder Fooday.it, dal 1996 creo e gestisco progetti editoriali online.
cecchi@puntoweb.net

RUBRICHE

Pubblica con noi